Facebook cerca di aggirare i paletti imposti da Pechino e lancia un’app per la condivisione di fotografie in Cina senza il suo nome. Per Mark Zuckerberg si tratta di una mossa senza precedenti, dopo aver tentato per anni la strada della diplomazia, passata per incontri con politici cinesi, lo studio del mandarino e interventi in pubblico. Tentativi che non hanno portato frutti e che hanno spinto Facebook, vietata dal 2009 in Cina, a provare quindi una nuova strada. Il social network ha autorizzato una nuova app che non porta il suo nome: si chiama – come ha scritto per primo il New York Times – Colorful Balloons e ha tutte le sembianze di Moments. A lanciarla è stata una società locale che, almeno all’apparenza, non è affiliata a Facebook.
L’iniziativa mostra la disperazione e la frustrazione di Facebook e dei colossi tecnologici della Silicon Valley, che non riescono nonostante gli sforzi a penetrare nel più grande mercato online al mondo. Ma mostra anche fino a dove i big sono disposti a spingersi per farsi accettare in Cina, dove vigono standard diversi dal resto del mondo e la censura è una realtà.
L’affondo di Facebook, che comunque con l’uscita della notizia sulla stampa Usa rischia ritorsioni da parte di Pechino, si contrappone alla “concessione” di Apple che, secondo indiscrezioni, ha teso la mano ai cinesi rimuovendo le app usate per la censura. Una mossa aspramente criticata da alcune delle società che si sono viste tagliate fuori dall’App Store perché offrivano software

Articoli correlati

  • Facebook sospende quasi duecento applicazioni dalla piattaformaMay 14, 2018 Facebook sospende quasi duecento applicazioni dalla piattaforma Il campus di Facebook a Menlo Park (Foto: Gaia Berruto/Wired)Nel bel mezzo dello scandalo Cambridge Analytica, il Ceo di Facebook Mark Zuckerberg aveva annunciato che avrebbe interrotto l’accesso a nuove applicazioni alla piattaforma, fino alla conclusione delle indagini necessarie a capire...
  • Facebook, la rabbia degli azionisti contro Zuckerberg: decide solo luiApril 16, 2018 Facebook, la rabbia degli azionisti contro Zuckerberg: decide solo lui Forse il datagate avrà un impatto minimo sui conti di Facebook, come hanno già detto alcuni analisti. Ma il potere gestionale di Mark Zuckerberg, «fondatore, Ceo e presidente» del social, potrebbe uscire ridimensionato dal pressing dei suoi stessi investitori. Mike Frer...
  • Mea culpa Zuckerberg: «Sì a nuove norme sulla privacy ma non siamo un monopolio»April 11, 2018 Mea culpa Zuckerberg: «Sì a nuove norme sulla privacy ma non siamo un monopolio» New York – Mark Zuckerberg rilancia le proprie scuse per gli scandali che hanno scosso Facebook, promette riforme interne per migliorare i controlli su raccolta e uso di dati e informazioni personali degli utenti e apre anche a ipotesi sollevate dai senatori americani di nuove regolamentaz...
  • Facebook, ora la poltrona di Zuckerberg scotta. I primi investitori ne chiedono la testaApril 3, 2018 Facebook, ora la poltrona di Zuckerberg scotta. I primi investitori ne chiedono la testa Era il 18 marzo scorso quando, con un comunicato, Facebook annunciava la sospensione degli account in possesso alla società di marketing Cambridge Analytica. Poche righe che sembravano aprire e chiudere un caso destinato all’oblio. E invece erano solo la prima scossa di un terremoto...
  • Vero, il social che vuole cambiare le regole imposte da ZuckerbergFebruary 28, 2018 Vero, il social che vuole cambiare le regole imposte da Zuckerberg Vero. Un nome che a quanto pare sta calamitando su di sé una discreta attenzione mediatica nonostante sia in circolazione già da un paio d’anni. Di cosa sia Vero, ne abbiamo parlato di recente, ma quel che a mio giudizio dovrebbe calamitare la nostra attenzione è l&rsqu...
  • Sette adulti su dieci usano Facebook ma possono rinunciarci facilmenteMarch 10, 2018 Sette adulti su dieci usano Facebook ma possono rinunciarci facilmente Una nuova indagine del Pew Research Center sugli adulti statunitensi rileva che Facebook e YouTube vincono a mani basse. Nulla di nuovo ma qualche indicazione rilevante per chi studia come contare sui social c’è. In primo luogo è vero come scritto nella trimestrale di Facebook...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *