La notizia cattiva è che l’Italia continua ad essere una delle nazioni europee in cui è più alto il numero di incidenti mortali sul lavoro. Quella meno cattiva è che se si normalizza il dato per il numero di abitanti, il nostro Paese è in linea con la media europea. Quella decisamente buona, infine, è che il numero di questo episodi è in costante calo negli ultimi anni.
 
In occasione della Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro promossa dall’Organizzazione mondiale del lavoro, una delle agenzie delle Nazioni Unite, Eurostat ha diffuso i dati relativi agli incidenti sul posto di lavoro. Numeri che partono dal 2008 e fotografano la situazione nel Vecchio Continente fino al 2014. E che Infodata ha rappresentato in questa infografica:

Nella sua visualizzazione standard, viene mostrato il numero totale di incidenti mortali avvenuti nel corso del 2014. Il filtro contenuto all’interno della mappa consente di andare indietro nel tempo arrivando, come detto, fino al 2008. I filtri che si trovano subito sotto la mappa permettono di visualizzare il dato standardizzato, ovvero il numero di incidenti ogni 100mila lavoratori, o di guardare agli incidenti non mortali. Questi filtri in particolare agiscono anche sulla seconda parte dell’infografica, dove vengono messe a confronto le situazioni in Italia e in Francia dal 2008 al 2014. Anche in questo caso, con i filtri è possibile selezionare altri Paesi per un raffronto.
 
Come accennato, l’Italia è uno dei Paesi in cui nel 2014 è stato più alto il numero di incidenti mortali:

Articoli correlati

  • Debito, gli italiani sono bravi a ripagarlo. Almeno quello privatoJune 13, 2018 Debito, gli italiani sono bravi a ripagarlo. Almeno quello privato   Su quello pubblico investitori stranieri e agenzie di rating stanno sollevando qualche dubbio. Quello che è certo è che gli italiani sono in grado di onorare il debito privato. O almeno, lo fanno meglio di quanto non avvenga in molti altri Paesi europei. Che si tratti del mut...
  • Agricoltura bio, l’Italia è leaderJune 12, 2018 Agricoltura bio, l’Italia è leader I dati Eurostat lo confermano: l’Italia è tra le nazioni in Europa dove l’agricoltura biologica, considerando il parametro della superficie convertita e quella in corso di conversione, pesa maggiormente sull’intero comparto. Nel 2016 erano infatti quasi 1milione e 800mila...
  • Occupazione: più italiani al lavoro in Europa che in patriaMay 31, 2018 Occupazione: più italiani al lavoro in Europa che in patria Per gli italiani meglio andare a lavorare all’estero. È questo ciò che si evince dalla lettura del report di Eurostat (l’ente statistico comunitario), Eu citizens in other Eu Member States (Cittadini europei negli altri Stati membri dell’Ue). Se guardiamo i nu...
  • In Italia il 60% dei giovani disoccupati non vuole traslocare per lavoroMarch 27, 2018 In Italia il 60% dei giovani disoccupati non vuole traslocare per lavoro Ragazzo in viaggioTraslocare per lavoro? In Italia il 60% dei disoccupati tra 20 e 34 anni dice no. Lo rivela uno studio di Eurostat, l’istituto di statistica comunitario. Secondo l’analisi, basata su dati del 2016, l’Italia è il sesto paese per immobilismo dei giovani ch...
  • In Italia un giovane su 4 è un Neet: non lavora e non studiaJune 15, 2018 In Italia un giovane su 4 è un Neet: non lavora e non studia Circa un giovane su quattro in Italia non studia né lavora. È il fenomeno dei cosiddetti neet. L’acronimo inglese sta per “not (engaged) in education, employment or training”, una fascia di persone che non sono occupate né seguono percorsi di istruzione o fo...
  • Festa della mamma: oggi è la festa delle equilibristeMay 13, 2018 Festa della mamma: oggi è la festa delle equilibriste Domenica è la festa delle equilibriste. Così ha infatti definito le mamme italiane Save the Children, che ieri (giovedì 10) ha diffuso il suo rapporto sulla maternità in Italia. Uno studio che mette insieme diverse fonti statistiche per elaborare il Mother’s...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *