La notizia cattiva è che l’Italia continua ad essere una delle nazioni europee in cui è più alto il numero di incidenti mortali sul lavoro. Quella meno cattiva è che se si normalizza il dato per il numero di abitanti, il nostro Paese è in linea con la media europea. Quella decisamente buona, infine, è che il numero di questo episodi è in costante calo negli ultimi anni.
 
In occasione della Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro promossa dall’Organizzazione mondiale del lavoro, una delle agenzie delle Nazioni Unite, Eurostat ha diffuso i dati relativi agli incidenti sul posto di lavoro. Numeri che partono dal 2008 e fotografano la situazione nel Vecchio Continente fino al 2014. E che Infodata ha rappresentato in questa infografica:

Nella sua visualizzazione standard, viene mostrato il numero totale di incidenti mortali avvenuti nel corso del 2014. Il filtro contenuto all’interno della mappa consente di andare indietro nel tempo arrivando, come detto, fino al 2008. I filtri che si trovano subito sotto la mappa permettono di visualizzare il dato standardizzato, ovvero il numero di incidenti ogni 100mila lavoratori, o di guardare agli incidenti non mortali. Questi filtri in particolare agiscono anche sulla seconda parte dell’infografica, dove vengono messe a confronto le situazioni in Italia e in Francia dal 2008 al 2014. Anche in questo caso, con i filtri è possibile selezionare altri Paesi per un raffronto.
 
Come accennato, l’Italia è uno dei Paesi in cui nel 2014 è stato più alto il numero di incidenti mortali:

Articoli correlati

  • A Biella il Patto del Battistero per colmare il digital divideNovember 22, 2017 A Biella il Patto del Battistero per colmare il digital divide Articolo di Fulvia ZagoAssessora all’innovazione tecnologica del Comune di Biella Presidente del Patto del Battistero Si discute e si scrive molto a proposito della nuova rivoluzione industriale in corso, la rivoluzione 4.0. Che sia alle porte o già presente nelle nostre vite, come p...
  • Turismo, Italia terza in Ue nel 2017 con 424 milioni di nottiFebruary 3, 2018 Turismo, Italia terza in Ue nel 2017 con 424 milioni di notti Secondo i dati pubblicati da Eurostat, il 2017 si è appena concluso con un segno decisamente positivo per quanto riguarda il turismo nell’Unione Europea. Sono infatti 3,2 miliardi le notti trascorse presso strutture turistiche, in crescita del 5,1% rispetto al 2016. Nell’infogr...
  • Turismo, Italia terza in Ue nel 2017 con 424 milioni di nottiJanuary 31, 2018 Turismo, Italia terza in Ue nel 2017 con 424 milioni di notti Secondo i dati pubblicati da Eurostat, il 2017 si è appena concluso con un segno decisamente positivo per quanto riguarda il turismo nell’Unione Europea. Sono infatti 3,2 miliardi le notti trascorse presso strutture turistiche, in crescita del 5,1% rispetto al 2016. Nell’infogr...
  • Consumi e reddito: L’Europa divisa in due. Scopri la mappaJanuary 7, 2018 Consumi e reddito: L’Europa divisa in due. Scopri la mappa L’Italia, anche nel 2016, si è confermata al dodicesimo posto tra i Paesi Ue per il reddito pro-capite che, nonostante il miglioramento registrato rispetto all’anno prima, resta al di sotto della media. E’ quanto emerge dai dati resi noti da Eurostat. Il nostro Paese si c...
  • Consumi e reddito: L’Europa divisa in due. Scopri la mappaDecember 20, 2017 Consumi e reddito: L’Europa divisa in due. Scopri la mappa L’Italia, anche nel 2016, si è confermata al dodicesimo posto tra i Paesi Ue per il reddito pro-capite che, nonostante il miglioramento registrato rispetto all’anno prima, resta al di sotto della media. E’ quanto emerge dai dati resi noti da Eurostat. Il nostro Paese si c...
  • Pensione? I giovani dovranno aspettare fino a 71 anni e due mesiDecember 8, 2017 Pensione? I giovani dovranno aspettare fino a 71 anni e due mesi Giovani in Italia dovranno aspettare fino a 71 anni  In pensione a 71 anni e 2 mesi è però la prospettiva – secondo i calcoli dell’Ocse – per il ventenne italiano, nato nel 1996, che ha iniziato a lavorare nel 2016, se avrà una carriera lavorativa senza...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *