La notizia cattiva è che l’Italia continua ad essere una delle nazioni europee in cui è più alto il numero di incidenti mortali sul lavoro. Quella meno cattiva è che se si normalizza il dato per il numero di abitanti, il nostro Paese è in linea con la media europea. Quella decisamente buona, infine, è che il numero di questo episodi è in costante calo negli ultimi anni.
 
In occasione della Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro promossa dall’Organizzazione mondiale del lavoro, una delle agenzie delle Nazioni Unite, Eurostat ha diffuso i dati relativi agli incidenti sul posto di lavoro. Numeri che partono dal 2008 e fotografano la situazione nel Vecchio Continente fino al 2014. E che Infodata ha rappresentato in questa infografica:

Nella sua visualizzazione standard, viene mostrato il numero totale di incidenti mortali avvenuti nel corso del 2014. Il filtro contenuto all’interno della mappa consente di andare indietro nel tempo arrivando, come detto, fino al 2008. I filtri che si trovano subito sotto la mappa permettono di visualizzare il dato standardizzato, ovvero il numero di incidenti ogni 100mila lavoratori, o di guardare agli incidenti non mortali. Questi filtri in particolare agiscono anche sulla seconda parte dell’infografica, dove vengono messe a confronto le situazioni in Italia e in Francia dal 2008 al 2014. Anche in questo caso, con i filtri è possibile selezionare altri Paesi per un raffronto.
 
Come accennato, l’Italia è uno dei Paesi in cui nel 2014 è stato più alto il numero di incidenti mortali:

Articoli correlati

  • Nel 2016 l’Europa ha dato asilo a tre migranti su cinque. E l’Italia?August 16, 2017 Nel 2016 l’Europa ha dato asilo a tre migranti su cinque. E l’Italia? Ogni cinque persone che chiedono asilo politico alle cancellerie europee, tre vedono accolte la loro domanda. È andata così nel 2016, terzo anno consecutivo in cui le istanze di protezione internazionale garantite dai governi del Vecchio Continente hanno superato i casi di quelle re...
  • Sicurezza e privacy:  due europei su dieci navigano in incognitoJune 30, 2017 Sicurezza e privacy: due europei su dieci navigano in incognito Online come ci comportiamo? Forniamo i nostri dati sensibili? Ci limitiamo a nome, cognome e sesso. O andiamo oltre, diciamo di più, diamo con disinvoltura carta di credito, informazioni personali sui nostri gusti, ci esprimiamo sul web senza remore. In altre parole, come governiamo la nos...
  • La solitudine degli Italiani. I dati e le congettureJuly 15, 2017 La solitudine degli Italiani. I dati e le congetture Italiani popolo di santi, poeti, navigatori e persone sole. Ad aggiungere la quarta categoria al noto refrain è Eurostat. Istituto europeo di statistica che ha diffuso i risultati di una survey sulla solitudine delle persone, relativi al 2015, che vedono l’Italia in testa alla class...
  • La povertà ci rende soli. La cultura noJuly 11, 2017 La povertà ci rende soli. La cultura no Italiani popolo di santi, poeti, navigatori e persone sole. Ad aggiungere la quarta categoria al noto refrain è Eurostat. Istituto europeo di statistica che ha diffuso i risultati di una survey sulla solitudine delle persone, relativi al 2015, che vedono l’Italia in testa alla classi...
  • Rendimenti in calo nel 2016 per i private equity che hanno investito in Italia, ma la media resta comunque al 14,5%July 7, 2017 Rendimenti in calo nel 2016 per i private equity che hanno investito in Italia, ma la media resta comunque al 14,5% Gli investimenti di private equity hanno reso un po’ meno l’anno scorso, rispetto al 2015, mantenendo comunque un buon livello di performance. Lo ha calcolato Kpmg corporate finance, che ieri ha presentato i dati di rendimento dei fondi, sulla base dei dati forniti da Aifi, che t...
  • Mobilità: la Germania ha più linee ma sono i francesi a usare di più i treniAugust 2, 2017 Mobilità: la Germania ha più linee ma sono i francesi a usare di più i treni Eurostat ha da poco rilasciato alcuni dati relativi alle linee ferroviarie europee. Lo scorso 25 gennaio sono stati resi pubblici i dati sulla lunghezza chilometrica delle linee ferroviarie in 37 stati del continente. Il giorno dopo si è aggiunto il dataset che si concentra sul quantitativ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *