La notizia cattiva è che l’Italia continua ad essere una delle nazioni europee in cui è più alto il numero di incidenti mortali sul lavoro. Quella meno cattiva è che se si normalizza il dato per il numero di abitanti, il nostro Paese è in linea con la media europea. Quella decisamente buona, infine, è che il numero di questo episodi è in costante calo negli ultimi anni.
 
In occasione della Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro promossa dall’Organizzazione mondiale del lavoro, una delle agenzie delle Nazioni Unite, Eurostat ha diffuso i dati relativi agli incidenti sul posto di lavoro. Numeri che partono dal 2008 e fotografano la situazione nel Vecchio Continente fino al 2014. E che Infodata ha rappresentato in questa infografica:

Nella sua visualizzazione standard, viene mostrato il numero totale di incidenti mortali avvenuti nel corso del 2014. Il filtro contenuto all’interno della mappa consente di andare indietro nel tempo arrivando, come detto, fino al 2008. I filtri che si trovano subito sotto la mappa permettono di visualizzare il dato standardizzato, ovvero il numero di incidenti ogni 100mila lavoratori, o di guardare agli incidenti non mortali. Questi filtri in particolare agiscono anche sulla seconda parte dell’infografica, dove vengono messe a confronto le situazioni in Italia e in Francia dal 2008 al 2014. Anche in questo caso, con i filtri è possibile selezionare altri Paesi per un raffronto.
 
Come accennato, l’Italia è uno dei Paesi in cui nel 2014 è stato più alto il numero di incidenti mortali:

Articoli correlati

  • Nel 2016 l’Europa ha dato asilo a tre migranti su cinque. E l’Italia?August 16, 2017 Nel 2016 l’Europa ha dato asilo a tre migranti su cinque. E l’Italia? Ogni cinque persone che chiedono asilo politico alle cancellerie europee, tre vedono accolte la loro domanda. È andata così nel 2016, terzo anno consecutivo in cui le istanze di protezione internazionale garantite dai governi del Vecchio Continente hanno superato i casi di quelle re...
  • Europa, la disoccupazione giovanile è in calo. Ma non ovunque, purtroppoOctober 5, 2017 Europa, la disoccupazione giovanile è in calo. Ma non ovunque, purtroppo   È in calo un po’ dappertutto e questo è senz’altro un elemento positivo, visto che stiamo parlando della disoccupazione giovanile. Il punto è che Paese che vai, situazione che trovi: se in Italia i livelli precedenti alla crisi del 2008 sono ancora molto lo...
  • Europa, cala la disoccupazione giovanile ma non ovunque. Il caso ItaliaOctober 8, 2017 Europa, cala la disoccupazione giovanile ma non ovunque. Il caso Italia   È in calo un po’ dappertutto e questo è senz’altro un elemento positivo, visto che stiamo parlando della disoccupazione giovanile. Il punto è che Paese che vai, situazione che trovi: se in Italia i livelli precedenti alla crisi del 2008 sono ancora molto lo...
  • L’Italia è il Paese degli ultraottantenni. Siamo primi in EuropaOctober 7, 2017 L’Italia è il Paese degli ultraottantenni. Siamo primi in Europa Non è una partita di calcio ma in questo campo non abbiamo proprio rivali. L’Italia è il Paese Europeo con la maggior quota (il 6,5%) di popolazione che, al primo gennaio 2015, aveva compiuto 80 anni o più. Lo ha reso noto Eurostat in occasione della giornata internazio...
  • Disoccupazione e dispersione scolastica: il senso della laureaOctober 11, 2017 Disoccupazione e dispersione scolastica: il senso della laurea La dispersione scolastica non sembra essere la principale causa della disoccupazione giovanile. Ma dai dati emerge come il mercato del lavoro non sia in grado di assorbire i giovani che non hanno completato gli studi. Per arrivare a queste conclusioni, Infodata ha fatto riferimento alla banca dat...
  • Il mercato del lavoro e il valore della laurea. Serve studiare?October 15, 2017 Il mercato del lavoro e il valore della laurea. Serve studiare? La dispersione scolastica non sembra essere la principale causa della disoccupazione giovanile. Ma dai dati emerge come il mercato del lavoro non sia in grado di assorbire i giovani che non hanno completato gli studi. Per arrivare a queste conclusioni, Infodata ha fatto riferimento alla banca dat...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *