Sarahah, l’app dei messaggi anonimi, è l’esatto contrario della sincerità

Come spesso accade con i bambini e gli adolescenti alle prese con le piattaforme digitali, Sarahah – se è genuina la versione che va raccontando in queste settimane l’ormai ex analista petrolifero e ideatore Zain al-Abidin Tawfiq – è un’altra vittima di una sorta di appropriazione indebita. Era nata come sgangherata macchina delatoria, o nella migliore delle ipotesi come cassetta dei consigli e dei suggerimenti, ed è diventata l’ennesima reincarnazione di Ask.fm. Il caro vecchio gioco del bussolotto in un locale assaltato da milioni di utenti. Fra l’altro riuscendo nell’impresa in cui sigle come Secret, Whisper o Yik Yak avevano miseramente fallito.
In questo caso, infatti, l’applicazione del 29enne saudita – che avevamo individuato prima che esplodesse anche in Europa mentre scalava gli app store negli Stati Uniti, Canada, Australia, Sudafrica – si è legata a una specie di gemmazione digitale: va cioè fortissimo da quando Snapchat consente con Paperclip di infilare i link nelle Storie.
Automaticamente Sarahah è diventata, piegando con naturalezza l’intento iniziale – che stando alle parole dell’inventore era appunto legato al mondo delle relazioni sociali e lavorative fra adulti – il fermo posta senza mittenti che mancava a quei fronti digitali. Idem con Instagram e gli altri social dove l’indirizzo assegnato al proprio account (nome.sarahah.com), e dal quale altro non si può fare che scrivere qualcosa, può essere infilato ovunque, dai post alle sezioni dedicate alle biografie. Trasformando quella piattaforma davvero basic nell’ennesimo canale di sfogo chirurgico, tuttavia ben più sensato degli esperimenti precedenti perché più integrato alle piattaforme mainstream: un po’ il dark side

Articoli correlati

  • È in arrivo la pubblicità su Messenger di FacebookJuly 12, 2017 È in arrivo la pubblicità su Messenger di Facebook A oltre due anni dal lancio di Messenger come piattaforma a sé stante, la consacrazione definitiva si chiama pubblicità: a partire dalle prossime settimane infatti, sul servizio di messaggistica di Facebook compariranno annunci pubblicitari. A comunicarlo è stata l’azie...
  • 750 milioni di nuove amicizie al giorno: Facebook raggiunge i 2 miliardi di utentiJune 28, 2017 750 milioni di nuove amicizie al giorno: Facebook raggiunge i 2 miliardi di utenti Le foto delle vacanze cominciano ad affastellarsi sulle bacheche e per Facebook è tempo di numeri: il social network ha raggiunto quota 2 miliardi di utenti, mentre i gruppi, da poco protagonisti del primo Facebook Communities Summit di Chigaco, sono utilizzati dal oltre 1 miliardo di...
  • Influencer: condivisione di competenze o svendita di follower?July 31, 2017 Influencer: condivisione di competenze o svendita di follower? Recentemente l’Antitrust, l’Autorità garante della Concorrenza e del mercato e lo IAP, cioè l’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria, in attesa che si sblocchi il ddl Concorrenza in discussione da due anni e che permetta di regolamentare al meglio le attivit...
  • Conseguenze istantanee da conversazioniJuly 15, 2017 Conseguenze istantanee da conversazioni Sempre più ristretta, rinchiusa di fatto in stanze virtuali a numero chiuso, circoscritta ad un numero esiguo di contatti. La sorpresa di questo 2017 sta in una comunicazione sincrona che vive un’esplosione sulle piattaforme di instant messagging, rimbalzando in chat condivise da gru...
  • Come ripulire l’inbox di Messenger di FacebookJuly 6, 2017 Come ripulire l’inbox di Messenger di Facebook (Foto: Maurizio Pesce / WIRED)Da quando Messenger di Facebook si è trasformato in piattaforma, la sua prossimità alla casella di posta elettronica è lampante. E proprio quella prossimità si porta appresso l’incubo dei messaggi che stagnano in fila per gli oltre 1...
  • 5 funzioni che vorremmo per le nostre app preferiteJuly 5, 2017 5 funzioni che vorremmo per le nostre app preferite (Foto: Bloomberg/Getty Images)Non esiste annuncio di una nuova funzione di un servizio che non sia anticipata (o seguita) dalla dichiarazione di un Ceo (o di un dirigente a piacere) che, più o meno, suona così: “I nostri utenti l’hanno chiesto con forza“. Anche se ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *