Sarahah, l’app dei messaggi anonimi, è l’esatto contrario della sincerità

Come spesso accade con i bambini e gli adolescenti alle prese con le piattaforme digitali, Sarahah – se è genuina la versione che va raccontando in queste settimane l’ormai ex analista petrolifero e ideatore Zain al-Abidin Tawfiq – è un’altra vittima di una sorta di appropriazione indebita. Era nata come sgangherata macchina delatoria, o nella migliore delle ipotesi come cassetta dei consigli e dei suggerimenti, ed è diventata l’ennesima reincarnazione di Ask.fm. Il caro vecchio gioco del bussolotto in un locale assaltato da milioni di utenti. Fra l’altro riuscendo nell’impresa in cui sigle come Secret, Whisper o Yik Yak avevano miseramente fallito.
In questo caso, infatti, l’applicazione del 29enne saudita – che avevamo individuato prima che esplodesse anche in Europa mentre scalava gli app store negli Stati Uniti, Canada, Australia, Sudafrica – si è legata a una specie di gemmazione digitale: va cioè fortissimo da quando Snapchat consente con Paperclip di infilare i link nelle Storie.
Automaticamente Sarahah è diventata, piegando con naturalezza l’intento iniziale – che stando alle parole dell’inventore era appunto legato al mondo delle relazioni sociali e lavorative fra adulti – il fermo posta senza mittenti che mancava a quei fronti digitali. Idem con Instagram e gli altri social dove l’indirizzo assegnato al proprio account (nome.sarahah.com), e dal quale altro non si può fare che scrivere qualcosa, può essere infilato ovunque, dai post alle sezioni dedicate alle biografie. Trasformando quella piattaforma davvero basic nell’ennesimo canale di sfogo chirurgico, tuttavia ben più sensato degli esperimenti precedenti perché più integrato alle piattaforme mainstream: un po’ il dark side

Articoli correlati

  • Come cambia Snapchat con le recensioni e i consigli per muoversiOctober 11, 2017 Come cambia Snapchat con le recensioni e i consigli per muoversi È arrivato il momento in cui Snapchat può fare un salto di livello, diventando maggiormente appetibile per il mercato del marketing e contemporaneamente più utile a chi si muove in giro per il mondo e necessita di servizi che vadano al di là di ottimi filtri ...
  • Facebook, dopo gli sfondi, arrivano i commenti coloratiSeptember 7, 2017 Facebook, dopo gli sfondi, arrivano i commenti colorati (Foto: The Next Web)Agli sfondi colorati degli status su Facebook, ammesso di averne capito l’utilità, ci siamo col tempo abituati (più o meno), ma sta per arrivare un’ottima alternativa: i commenti colorati. L’opzione — “spoilerata” da The N...
  • Influencer: condivisione di competenze o svendita di follower?July 31, 2017 Influencer: condivisione di competenze o svendita di follower? Recentemente l’Antitrust, l’Autorità garante della Concorrenza e del mercato e lo IAP, cioè l’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria, in attesa che si sblocchi il ddl Concorrenza in discussione da due anni e che permetta di regolamentare al meglio le attivit...
  • Conseguenze istantanee da conversazioniJuly 15, 2017 Conseguenze istantanee da conversazioni Sempre più ristretta, rinchiusa di fatto in stanze virtuali a numero chiuso, circoscritta ad un numero esiguo di contatti. La sorpresa di questo 2017 sta in una comunicazione sincrona che vive un’esplosione sulle piattaforme di instant messagging, rimbalzando in chat condivise da gru...
  • Sessanta milioni di emoji ogni giorno su Facebook: ecco le più usateJuly 17, 2017 Sessanta milioni di emoji ogni giorno su Facebook: ecco le più usate Inguaribili romantici. In occasione del World Emoji Day (inventato dal fondatore di Emojipedia, Jeremy Burge), Facebook e Messenger hanno deciso di rilasciare i dati relativi all’uso delle faccette in tutto il mondo. Quella più usata su Facebook, in Italia, è quella che manda ...
  • Instagram abbiamo un problema di addominali (e superficialità)September 22, 2017 Instagram abbiamo un problema di addominali (e superficialità) Il business della forma fisica vale 3,7 miliardi di dollari nel mondo, e se la passa benissimo: secondo il Global Wellness Institute, solo tra il 2013 e il 2015 è cresciuto del 10,6%. Una bella fetta di tutta questa ricchezza gira oggi tra le mani degli influencer di Instagram, una flotta ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *