Sarahah, l’app dei messaggi anonimi, è l’esatto contrario della sincerità

Come spesso accade con i bambini e gli adolescenti alle prese con le piattaforme digitali, Sarahah – se è genuina la versione che va raccontando in queste settimane l’ormai ex analista petrolifero e ideatore Zain al-Abidin Tawfiq – è un’altra vittima di una sorta di appropriazione indebita. Era nata come sgangherata macchina delatoria, o nella migliore delle ipotesi come cassetta dei consigli e dei suggerimenti, ed è diventata l’ennesima reincarnazione di Ask.fm. Il caro vecchio gioco del bussolotto in un locale assaltato da milioni di utenti. Fra l’altro riuscendo nell’impresa in cui sigle come Secret, Whisper o Yik Yak avevano miseramente fallito.
In questo caso, infatti, l’applicazione del 29enne saudita – che avevamo individuato prima che esplodesse anche in Europa mentre scalava gli app store negli Stati Uniti, Canada, Australia, Sudafrica – si è legata a una specie di gemmazione digitale: va cioè fortissimo da quando Snapchat consente con Paperclip di infilare i link nelle Storie.
Automaticamente Sarahah è diventata, piegando con naturalezza l’intento iniziale – che stando alle parole dell’inventore era appunto legato al mondo delle relazioni sociali e lavorative fra adulti – il fermo posta senza mittenti che mancava a quei fronti digitali. Idem con Instagram e gli altri social dove l’indirizzo assegnato al proprio account (nome.sarahah.com), e dal quale altro non si può fare che scrivere qualcosa, può essere infilato ovunque, dai post alle sezioni dedicate alle biografie. Trasformando quella piattaforma davvero basic nell’ennesimo canale di sfogo chirurgico, tuttavia ben più sensato degli esperimenti precedenti perché più integrato alle piattaforme mainstream: un po’ il dark side

Articoli correlati

  • Instagram ti farà pubblicare video lunghi fino a un’oraJune 6, 2018 Instagram ti farà pubblicare video lunghi fino a un’ora Giusto l’altro giorno la notizia del sorpasso di YouTube, Instagram e Snapchat su Facebook per il pubblico di adolescenti americani. Oggi la buona nuova è che proprio contro lo streaming di The Big G, Menlo Park sguinzaglierà Instagram. Mentre l’esperimento di Watch di F...
  • Gli adolescenti americani preferiscono YouTube a FacebookJune 1, 2018 Gli adolescenti americani preferiscono YouTube a Facebook La metà degli adolescenti americani usa Facebook, ma solo dopo YouTube, Instagram e Snapchat. Lo scacchiere dei social Oltreoceano, tra i giovani dai 13 ai 17 anni, è cambiato, lasciando il 51% alla piattaforma di Mark Zuckerberg indietro rispetto alla piattaforma di video in s...
  • Più Storie che post, Facebook si prepara al sorpassoMay 3, 2018 Più Storie che post, Facebook si prepara al sorpasso Devi trovare buone storie: questo ti spiegano quando inizi scrivere. È l’abc del giornalismo e di ogni racconto che si rispetti. Storie è uno di quei termini che attraverso la tecnologia  ha trovato un altro campo semantico (come “bacheca” o “p...
  • Instagram nell’ecommerce: sperimenta un sistema di pagamentoMay 4, 2018 Instagram nell’ecommerce: sperimenta un sistema di pagamento Dopo “i piani di Facebook per non farti uscire più da Facebook”, tocca a Instagram, che sta predisponendo tutto per fare in modo che si possa acquistare direttamente all’interno dell’applicazione. Il social network fotografico sta testando un sistema nativo di pagam...
  • 5 account italiani che stanno usando IgTvJune 26, 2018 5 account italiani che stanno usando IgTv 5 account italiani che stanno usando IgTvSono passati pochi giorni dall’annuncio di IgTv, la nuova app integrata di Instagram che permette di caricare video verticali lunghi fino ad un’ora. Per ora, cercando fra i canali italiani già creati, si trovano più che altro brev...
  • Come funziona l’algoritmo di InstagramJune 5, 2018 Come funziona l’algoritmo di Instagram Nostalgici della disposizione cronologica dei post di Instagram, niente da fare: il social network non tornerà sui suoi passi. Anche perché con il nuovo algoritmo, sostiene l’azienda, gli utenti riescono a vedere il 90% dei post dei propri amici, mentre prima del passaggio da ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *