I maiali geneticamente modificati e clonati (Foto: eGenesis)Una ricerca appena pubblicata sulla rivista Science racconta un passo avanti verso il possibile trapianto di organi di maiale nell’essere umano, grazie a una modifica genetica che rimuove dal dna suino i retrovirus potenzialmente pericolosi per la salute umana.
L’idea di utilizzare organi di maiale per sostituire quelli dell’uomo non è affatto nuova, perché fegato, cuore, polmone e altri organi hanno la stessa dimensione di quelli umani e analogo funzionamento. L’operazione cosiddetta di xenotrapianto dal maiale all’uomo, tuttavia, se da un lato è la più promettente rispetto a tutti gli altri animali, dall’altra presenta una serie di ostacoli biologici ed etici che complicano la sua effettiva applicabilità.
Uno di questi ostacoli, almeno secondo i ricercatori che hanno condotto lo studio coordinato dall’azienda eGenesis con sede a Cambridge, è ormai stato superato. Il timore di molti esperti era infatti che i retrovirus endogeni dei suini (i cosiddetti Perv, Porcine Endogenous RetroVirus) sparsi nel genoma del maiale-donatore potessero infettare la persona che riceve un cuore, un polmone o un rene come organo sostitutivo permanente o temporaneo, inducendo il cancro.
I dettagli della ricerca
Grazie alla tecnica di editing genomico Crispr-Cas9, in particolare, i ricercatori hanno letteralmente tagliato via dal dna suino le sequenze corrispondenti alle decine di potenziali fonti di infezione umana, identificate nella fase preliminare dello studio. I nuclei delle cellule modificate sono poi stati sostituiti a quelli delle cellule uovo di maiale, a partire dalle quali sono stati ricavati embrioni tramite le ormai assodate tecniche di clonazione. Una volta impiantati gli embrioni nell’utero di una scrofa, i maiali geneticamente

Articoli correlati

  • Privacy e dna, si può ricostruire come è fatto un viso a partire dalle sole informazioni geneticheSeptember 7, 2017 Privacy e dna, si può ricostruire come è fatto un viso a partire dalle sole informazioni genetiche (Immagine: Venter et al.,2017)Nel mondo sono ormai migliaia le persone che hanno fornito spontaneamente il proprio dna ad agenzie come 23andMe e Ancestry per ricevere una mappa delle proprie predisposizioni per questa o quell’altra malattia o per ricostruire il proprio albero genealogico. C...
  • Ecco come funzionano le allucinazioni nel cervelloSeptember 8, 2017 Ecco come funzionano le allucinazioni nel cervello Vi è mai capitato di sentir suonare o vibrare il vostro smartphone per poi rendervi conto che invece ve lo stavate solo immaginando? Si tratta — ma è solo uno dei tanti esempi possibili — di un’allucinazione, cioè di quel fenomeno che ci porta...
  • La nostra pancetta è tutta colpa dei NeanderthalOctober 6, 2017 La nostra pancetta è tutta colpa dei Neanderthal (Foto: PIERRE ANDRIEU/GETTY IMAGES)Quanto dell’uomo di Neanderhal è in noi? Due studi del Max Plank Institute di Lipsia (Germania) appena pubblicati su Science e sull’American Journal of Human Genetics rivelano nuove caratteristiche degli esseri umani moderni condizionate dai g...
  • Cambridge University lancia la survey 2017 sul crowdfunding in EuropaJuly 18, 2017 Cambridge University lancia la survey 2017 sul crowdfunding in Europa Cambrige University lancia la sua terza ricerca sullo stato della finanza alternativa in Europa. Lo studio di consulenza specializzato Crowd Advisors partner per l’Italia   Dopo il successo dell’ultima ricerca, Sustaining Momentum: The European Alternative Finance Benchmarking R...
  • Scoperta una nuova specie di pesce luna in Nuova ZelandaJuly 25, 2017 Scoperta una nuova specie di pesce luna in Nuova Zelanda (Foto: Patrick Yananton/Facebook)Schivi e solitari, i pesci luna sono animali difficili da osservare in natura e forse è per questo che l’ultima specie conosciuta è stata identificata circa 130 anni fa. Questo almeno era lo stato dell’arte fino a pochi giorni fa, quando ...
  • Animali, l’archivio di modelli 3D più grande del mondo conterrà oltre 20mila specieSeptember 7, 2017 Animali, l’archivio di modelli 3D più grande del mondo conterrà oltre 20mila specie Dal pescegatto alla talpa, dal pipistrello allo scoiattolo: un nuovo progetto statunitense intende raccogliere le immagini radiografiche di tutte le specie di vertebrati del Pianeta in un unico gigantesco archivio, nella forma di modelli in 3D. Le specie saranno più di 20mila e la tecnica ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *