I maiali geneticamente modificati e clonati (Foto: eGenesis)Una ricerca appena pubblicata sulla rivista Science racconta un passo avanti verso il possibile trapianto di organi di maiale nell’essere umano, grazie a una modifica genetica che rimuove dal dna suino i retrovirus potenzialmente pericolosi per la salute umana.
L’idea di utilizzare organi di maiale per sostituire quelli dell’uomo non è affatto nuova, perché fegato, cuore, polmone e altri organi hanno la stessa dimensione di quelli umani e analogo funzionamento. L’operazione cosiddetta di xenotrapianto dal maiale all’uomo, tuttavia, se da un lato è la più promettente rispetto a tutti gli altri animali, dall’altra presenta una serie di ostacoli biologici ed etici che complicano la sua effettiva applicabilità.
Uno di questi ostacoli, almeno secondo i ricercatori che hanno condotto lo studio coordinato dall’azienda eGenesis con sede a Cambridge, è ormai stato superato. Il timore di molti esperti era infatti che i retrovirus endogeni dei suini (i cosiddetti Perv, Porcine Endogenous RetroVirus) sparsi nel genoma del maiale-donatore potessero infettare la persona che riceve un cuore, un polmone o un rene come organo sostitutivo permanente o temporaneo, inducendo il cancro.
I dettagli della ricerca
Grazie alla tecnica di editing genomico Crispr-Cas9, in particolare, i ricercatori hanno letteralmente tagliato via dal dna suino le sequenze corrispondenti alle decine di potenziali fonti di infezione umana, identificate nella fase preliminare dello studio. I nuclei delle cellule modificate sono poi stati sostituiti a quelli delle cellule uovo di maiale, a partire dalle quali sono stati ricavati embrioni tramite le ormai assodate tecniche di clonazione. Una volta impiantati gli embrioni nell’utero di una scrofa, i maiali geneticamente

Articoli correlati

  • Cosa ci rende umani? La risposta è nell’evoluzione del nostro cervelloDecember 1, 2017 Cosa ci rende umani? La risposta è nell’evoluzione del nostro cervello (foto: Wellcome Images/Wikipedia)Cosa ci rende esseri umani? Come nasce la nostra particolarissima esperienza del mondo? Domande eterne, di cui tradizionalmente si cercano le risposte nella filosofia e nella religione. E su cui oggi anche la scienza che prova a dire la sua. E come è natura...
  • Gli uccelli sanno comunicare il loro disgusto. Ecco come in questo videoJanuary 11, 2018 Gli uccelli sanno comunicare il loro disgusto. Ecco come in questo video Un gruppo di scienziati guidato dall’università di Cambridge ha osservato e filmato il comportamento di alcuni uccelli durante il pasto, rilevando che tra questi animali le capacità di imparare gli uni dagli altri sono davvero sorprendenti. Lo studio, appena pubblicato su Natu...
  • Marte è più ricca di ghiaccio di quanto pensassimoJanuary 12, 2018 Marte è più ricca di ghiaccio di quanto pensassimo (Foto: Nasa)Sotto la superficie di Marte ci sarebbe molto più ghiaccio di quanto pensiamo. A raccontarlo sulle pagine di Science è stato un team di ricercatori, guidati da Colin M. Dundas della Us Geological Survey a Flagstaff (Stati Uniti), che, servendosi delle osservazioni del Ma...
  • Spazio, ecco come trasformare in alimenti gli escrementi degli astronautiJanuary 30, 2018 Spazio, ecco come trasformare in alimenti gli escrementi degli astronauti (Foto: European Space Agency)Per un lungo viaggio spaziale, per esempio per Marte, portare cibo già confezionato richiederebbe troppo spazio e troppo peso (più peso inoltre significa più carburante e più costi). Per riuscire finalmente ad affrontare la sfida dei viaggi...
  • CancerSeek, nuove prove di biopsia liquida per i tumoriJanuary 19, 2018 CancerSeek, nuove prove di biopsia liquida per i tumori Si chiama CancerSeek e come suggerisce il nome va a caccia di cellule tumorali. Più correttamente va alla ricerca di proteine e dna rilasciati da cellule tumorali, permettendone l’identificazione. A oggi il test è in grado di identificare, con sensibilità diverse, ...
  • Giulio Regeni, ciò che sappiamo a due anni dal rapimentoJanuary 25, 2018 Giulio Regeni, ciò che sappiamo a due anni dal rapimento Giulio Regeni, dottorando italiano dell’università di Cambridge, è stato rapito il 25 gennaio 2016. Torturato ed ucciso, il suo corpo è stato abbandonato nelle vicinanze di una prigione dei servizi segreti egiziani a Il Cairo, il 3 febbraio 2016. Il giovane ri...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *