I maiali geneticamente modificati e clonati (Foto: eGenesis)Una ricerca appena pubblicata sulla rivista Science racconta un passo avanti verso il possibile trapianto di organi di maiale nell’essere umano, grazie a una modifica genetica che rimuove dal dna suino i retrovirus potenzialmente pericolosi per la salute umana.
L’idea di utilizzare organi di maiale per sostituire quelli dell’uomo non è affatto nuova, perché fegato, cuore, polmone e altri organi hanno la stessa dimensione di quelli umani e analogo funzionamento. L’operazione cosiddetta di xenotrapianto dal maiale all’uomo, tuttavia, se da un lato è la più promettente rispetto a tutti gli altri animali, dall’altra presenta una serie di ostacoli biologici ed etici che complicano la sua effettiva applicabilità.
Uno di questi ostacoli, almeno secondo i ricercatori che hanno condotto lo studio coordinato dall’azienda eGenesis con sede a Cambridge, è ormai stato superato. Il timore di molti esperti era infatti che i retrovirus endogeni dei suini (i cosiddetti Perv, Porcine Endogenous RetroVirus) sparsi nel genoma del maiale-donatore potessero infettare la persona che riceve un cuore, un polmone o un rene come organo sostitutivo permanente o temporaneo, inducendo il cancro.
I dettagli della ricerca
Grazie alla tecnica di editing genomico Crispr-Cas9, in particolare, i ricercatori hanno letteralmente tagliato via dal dna suino le sequenze corrispondenti alle decine di potenziali fonti di infezione umana, identificate nella fase preliminare dello studio. I nuclei delle cellule modificate sono poi stati sostituiti a quelli delle cellule uovo di maiale, a partire dalle quali sono stati ricavati embrioni tramite le ormai assodate tecniche di clonazione. Una volta impiantati gli embrioni nell’utero di una scrofa, i maiali geneticamente

Articoli correlati

  • Ecco quando i gatti hanno cominciato a conquistare il mondoJune 20, 2017 Ecco quando i gatti hanno cominciato a conquistare il mondo (Foto: Getty Images)Da dove viene il gatto domestico? Secondo un recente studio dei ricercatori dell’Università di Leuven e del Royal Belgian Institute of Natural Sciences gli splendidi e amati felini sono stati addomesticati circa 9mila anni fa dalle prime comunità di agricol...
  • Cambridge University lancia la survey 2017 sul crowdfunding in EuropaJuly 18, 2017 Cambridge University lancia la survey 2017 sul crowdfunding in Europa Cambrige University lancia la sua terza ricerca sullo stato della finanza alternativa in Europa. Lo studio di consulenza specializzato Crowd Advisors partner per l’Italia   Dopo il successo dell’ultima ricerca, Sustaining Momentum: The European Alternative Finance Benchmarking R...
  • Scoperta una nuova specie di pesce luna in Nuova ZelandaJuly 25, 2017 Scoperta una nuova specie di pesce luna in Nuova Zelanda (Foto: Patrick Yananton/Facebook)Schivi e solitari, i pesci luna sono animali difficili da osservare in natura e forse è per questo che l’ultima specie conosciuta è stata identificata circa 130 anni fa. Questo almeno era lo stato dell’arte fino a pochi giorni fa, quando ...
  • Gli animali sentono anche il sapore dell’acqua?June 7, 2017 Gli animali sentono anche il sapore dell’acqua? Non solo acido, amaro, dolce, salato e umami: un recente studio del CalTech di Pasadena ha messo in luce (per ora sui topi) come molti animali percepiscano anche un sesto gusto, quello dell’acqua. Un fattore che potrebbe spiegare perché, quando assetati, questi vadano a cercare propr...
  • CO2, ecco la mappa regionale europea di chi ne consuma di piùJune 26, 2017 CO2, ecco la mappa regionale europea di chi ne consuma di più Per ridurre le emissioni di CO2 non basta tagliarle solo in fase di produzione. Ma bisogna agire anche sui consumi. Diversamente, il rischio è quello di spostare il problema senza risolverlo. È sulla base di questo assunto che un team della Norwegian university of science and techno...
  • Crispr e modifiche genetiche, ecco in che modo si va a colpire il bersaglio preciso nel dnaJuly 21, 2017 Crispr e modifiche genetiche, ecco in che modo si va a colpire il bersaglio preciso nel dna Le proteine Cas1 e Cas2 continuano a essere al centro dell’attenzione. Infatti, esattamente una settimana dopo essere riusciti a memorizzare una gif nel genoma di alcuni batteri grazie al sistema Crispr (di cui fanno parte appunto Cas1 e Cas2), i ricercatori dell’università del...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *