5 motivi per cui Mad Men ha fatto la storia della tv

Esattamente dieci anni fa, il 19 luglio 2007, facevamo la conoscenza gli uomini di Madison Avenue, i pubblicitari anni ’60 pronti a tutto che – proprio per il nome della strada in cui si concentravano le agenzie newyorchesi dell’epoca – hanno dato il titolo alla serie Amc Mad Men. Creata da Matthew Weiner, già autore de I Soprano, la serie durò per sette stagioni fino al 2015, vincendo 16 Emmy e 5 Golden Globes e venendo a tutt’oggi considerata come una delle serie degli ultimi anni con il più grande impatto sulla nostra cultura.
Gli episodi erano incentrati su Don Draper (Jon Hamm), pubblicitario di spicco dell’agenzia Sterling Cooper e poi socio della Sterling Cooper Draper Pryce, e su tutte le persone che giravano attorno alla sua vita professionale e sentimentale: dalla segreteria tanto ambiziosa e talentuosa da diventare copywriter Peggy Olson (la Elizabeth Moss di The Handmaid’s Tale) al contraddittorio mentore Roger Sterling (John Slattery); dall’insoddisfatta e sfortunata moglie Betty (January Jones) alla procace e determinata capo segretaria Joan Harris (Christina Hendricks).
A metà strada fra la scrupolosa ricostruzione storica e la spietata parodia di un intero periodo nonché dei valori di una determinata categoria, Mad Men è riuscito, grazie alla centralità dello storytelling e alla profondità dei personaggi, a raccontare come pochi altri le luci e le ombre di un intero decennio, tanto che il finale si chiude proprio nel novembre 1970. Vediamo alcuni dei motivi per cui questa serie ha segnato indelebilmente la storia della televisione e non solo.
1. La storia per raccontare il presente
L’attenzione maniacale con cui Weiner

Articoli correlati

  • Cosa significano le ultime mosse di Sky e MediasetApril 3, 2018 Cosa significano le ultime mosse di Sky e Mediaset Quelli attorno al weekend pasquale sono stati giorni davvero intensi per quanto riguarda i grandi gruppi che operano nel settore televisivo italiano. A cominciare dalla notizia, giunta venerdì 30 marzo, sul clamoroso accordo fra Sky e Mediaset. Clamoroso perché negli ultimi dieci an...
  • Better Call Saul, possibile il ritorno di Jesse Pinkman?February 27, 2018 Better Call Saul, possibile il ritorno di Jesse Pinkman? Avevamo lasciato il personaggio di Jesse Pinkman al suo destino ben otto anni fa nel finale di Breaking Bad. Proprio in quell’episodio si liberava dai suoi tormenti e fuggiva sghignazzante nella notte. Non è detto, però, che il suo personaggio non possa fare ritorno presto sul...
  • The Handmaid’s Tale 2, le prime immagini delle colonieMarch 15, 2018 The Handmaid’s Tale 2, le prime immagini delle colonie Il prossimo aprile arriverà su Hulu, e poco dopo anche da noi su Tim Vision, l’attesa seconda stagione di The Handmaid’s Tale, la serie che ha conquistato l’anno scorso il pubblico con la sua dolorosa distopia e i riferimenti attuali al trattamento delle donne. Ancora poc...
  • The Walking Dead, un bilancio dell’ottava stagione in 5 puntiApril 17, 2018 The Walking Dead, un bilancio dell’ottava stagione in 5 punti ATTENZIONE: spoiler sull’ottava stagione di The Walking Dead Si è conclusa in questi giorni, prima sul network americano Amc e poi anche da noi in Italia su Fox, l’ottava stagione di The Walking Dead. Questi sedici episodi appena terminati erano visti, sia dagli showrunner sia ...
  • The Handmaid’s Tale, nella seconda stagione la libertà ha un prezzo altissimoApril 24, 2018 The Handmaid’s Tale, nella seconda stagione la libertà ha un prezzo altissimo Brutale. L’esordio della seconda stagione di The Handmaid’s Tale, la serie tv che ha fatto la storia l’anno scorso divenendo la prima produzione di uno streamer a vincere l’Emmy più ambito, conferma e anzi acuisce la caratteristica principale del primo ciclo di epis...
  • 5 cose che abbiamo imparato da QuarkMarch 19, 2018 5 cose che abbiamo imparato da Quark Il 18 marzo 1981 andava in onda la prima puntata di Quark, storica trasmissione di divulgazione scientifica condotta da Piero Angela che fu il capostipite di moltissimi spin-off e dimostrò che il pubblico italiano era anche avido di conoscenza e non solo di lustrini, sceneggiati e canzoni....

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *