(Foto: Amazon)In effetti, la naturale evoluzione dell’essere ovunque, è l’essere “in qualsiasi momento”. Sembra che Amazon-piglia-tutto sia al lavoro su un’app di messaggistica, che dovrebbe chiamarsi “Anytime”. L’azienda ha iniziato a tastare il terreno interrogando gli utenti attraverso un sondaggio, per capire quali siano le caratteristiche più importanti di un servizio del genere per il pubblico.
Secondo quanto riportato da AftNews, le domande rivolte alle persone darebbero l’idea di un prodotto già pronto per essere lanciato, che avrebbe caratteristiche miste tra un social network e una chat. Priorità alle conversazioni, incluse audio e video chiamate, e sicurezza: c’è anche la parolina magica, “crittografia”, per informazioni particolarmente riservate. Il che non è da sottovalutare (si pensi ai dati bancari) visto che il servizio dovrebbe consentire rapporti con aziende, prenotazioni, acquisti (ovviamente).
In aggiunta, una serie di funzioni per gruppi (compresi i giochi, che ricordano tanto Messenger o Telegram con i loro bot) e ancora filtri fotografici e maschere (Snapchat, anyone?).
(Foto: AftNews)Dalla comunicazione-sondaggio recapitata ai clienti, sembra apparire anche la possibilità di rintracciare persone in base al nome utente (un po’ come succede su Telegram), anche se i dettagli non sono ancora noti.
Nei primi mesi dell’anno, Amazon ha lanciato un’alternativa a Skype for Business, chiamata Chime, mentre nuove funzioni di video e audio chiamate sono state pensate per il suo dispositivo Alexa.
The post Amazon pensa a un servizio di messaggistica, Anytime appeared first on Wired.

Articoli correlati

  • Telegram come Snapchat, arrivano i messaggi che si autodistruggonoJuly 24, 2017 Telegram come Snapchat, arrivano i messaggi che si autodistruggono (Foto: Telegram)Telegram si mette all’inseguimento degli avversari: l’ultimo aggiornamento in arrivo sulla piattaforma sia per Android sia per iOS — ma non per Mac e PC — porta una caratteristica che questa volta, più che dettare il passo agli avversari, s...
  • Le Storie di Instagram si potranno pubblicare direttamente su FacebookSeptember 8, 2017 Le Storie di Instagram si potranno pubblicare direttamente su Facebook (Foto: Bloomberg/Getty Images)Per la serie “tentar non nuoce”, Facebook sta testando un modo per rinvigorire un po’ la sua sezione Storie. L’idea è quella di permettere a chi le registra su Instagram di poterle pubblicare direttamente anche sul social network p...
  • Addio al convertitore audio per YouTubeSeptember 6, 2017 Addio al convertitore audio per YouTube Chiunque abbia cercato di ottenere una traccia audio da un video di YouTube conosce YouTube-MP3.org. O, sarebbe meglio dire, conosceva. Il celebre sito che converte clip in tracce mp3, infatti, sta per chiudere i battenti (e già non funziona più). Anche se il document...
  • L’Obama che parla in questo video è stato creato da un’intelligenza artificialeJuly 14, 2017 L’Obama che parla in questo video è stato creato da un’intelligenza artificiale Obama doppia se stesso. O meglio, una macchina lo aiuta a doppiare se stesso. O meglio ancora: un gruppo di ricercatori dell’Università di Washington ha creato un metodo capace di prendere l’audio di qualcuno che parla e creare un video della stessa persona che utilizza quelle ...
  • Arabia Saudita, se basta una minigonna a raccontare un paeseJuly 19, 2017 Arabia Saudita, se basta una minigonna a raccontare un paese Alla fine di aprile un decreto del re dell’Arabia Saudita stabilisce che le donne non avranno più bisogno del consenso del guardiano, il parente maschio responsabile del loro controllo, per svolgere una serie di attività comuni, come avere un posto di lavoro pubblico o immatri...
  • Visa premia i ristoranti che dicono addio al contanteJuly 20, 2017 Visa premia i ristoranti che dicono addio al contante (Foto: Mashable)Visa dichiara ufficialmente guerra al contante. A partire dal mese di agosto infatti lancerà una nuova iniziativa chiamata Cashless Challenge. Verranno selezionati 50 tra ristoranti, caffè e operatori di street food da aiutare nel passaggio ai pagamenti elettronici. ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *