10 opere d’orrore che devono tutto (o quasi) a George Romero

Il metro con cui si misurano i grandi cineasti non è solo quello che serve a determinare la grandezza delle loro opere, ma anche quello con cui si dà conto di quanto il loro pensiero, le loro idee e le loro invenzioni abbiano cambiato il cinema come lo conosciamo. L’influenza, il debito e il calco diretto che George A. Romero ha impresso sulla storia del cinema a partire dal 1968 sono difficili da stimare, tanto profonde e fondamentali sono state le sue intuizioni. Una maniera di farlo è affrontare uno ad uno i film che non esisterebbero senza i suoi.
Campione del cinema a basso budget e alta polemica, inventore dell’horror di protesta, fondatore del cinema di mezzanotte (assieme a Alejandro Jodorowski e David Lynch), l’impatto di Romero sul cinema è stato così devastante che ancora oggi ne sentiamo l’influenza, ancora oggi è possibile cioè che qualcuno, per primo, prenda un tratto dei suoi film o delle sue innovazioni e lo utilizzi per film contemporanei, ribadendone di fatto l’attualità.
Abbiamo cercato di racchiudere in 10 esempi le molte maniere in cui questo cineasta ha sconvolto l’industria del cinema e gli ha fatto fare un passo in avanti, scoprendosi matura anche nelle storie in cui non credeva di poterlo essere.
1. Non aprite quella porta
Il film di Tobe Hooper è considerato la quintessenza dell’horror di protesta. Uno dei film più schockanti dei suoi anni e contemporaneamente uno dei più violenti attacchi al sistema americano: la scoperta di finzione ma anche reale dell’esistenza di un

Articoli correlati

  • Romero, lo zombie e la metafora del clickbaitingJuly 17, 2017 Romero, lo zombie e la metafora del clickbaiting È morto George A. Romero, il papà degli zombie. Il regista, nato a New York nel 1940, era conosciuto a livello mondiale per La notte dei morti viventi  (1968) film su un gruppo di ragazzi trincerati in una casa che viene assaltata dagli zombie da un vicino cimitero. Per la veri...
  • La corazzata Potemkin NON è una cagata pazzescaJuly 3, 2017 La corazzata Potemkin NON è una cagata pazzesca Chissà perché poi proprio La Corazzata Potemkin… Chissà perché proprio su questo film fantastico è caduta la mannaia della “cagata pazzesca”, il giudizio impietoso immediatamente condiviso dagli altri impiegati con 92 minuti d’applausi e...
  • Otto attrici per una Diva!, film fuori concorso a VeneziaSeptember 4, 2017 Otto attrici per una Diva!, film fuori concorso a Venezia Venezia – “Sono rimasto sorpreso. Sorpreso e colpito quando mi sono trovato tra le mani l’autobiografia di Valentina Cortese”. A parlare è Francesco Patierno, regista italiano che alla settantaquattresima edizione del Festival del cinema di Venezia ha presentato fuo...
  • Brutti e Cattivi, la sorpresa italiana a Venezia: quando la malavita incontra il kitschSeptember 8, 2017 Brutti e Cattivi, la sorpresa italiana a Venezia: quando la malavita incontra il kitsch Venezia – Non è una sorpresa che il film di Cosimo Gomez, esagerato già nei cartelloni e in come trucca i suoi attori, sia il film sorpresa di questa stagione italiana. Brutti e Cattivi arriva a Venezia (nella sezione Orizzonti) mentre il festival volge alla chiusura...
  • Crazy Night, la notte è ancora da leoni e non da leonesseJuly 27, 2017 Crazy Night, la notte è ancora da leoni e non da leonesse Tutto il cinema americano sta lentamente ribaltando gli stereotipi di genere, sta cioè sovvertendo gli atteggiamenti che i propri personaggi, almeno nella produzione hollywoodiana, hanno tenuto per decenni. La patria del cinema in cui gli uomini sono la parte d’azione e le donne sono...
  • 5 motivi per rivedere Balle spazialiJune 23, 2017 5 motivi per rivedere Balle spaziali Da una grande saga derivano grandi parodie. Il 24 giugno 1987 usciva nelle sale americane Balle spaziali, la parodia della trilogia originale di Star Wars realizzata dal maestro della risata Mel Brooks. In una galassia molto, molto, molto, molto lontana il Presidente Scrocco e il comandante Lord ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *