Ashley Madison, le vittime dell’hack incasseranno 3500 dollari. Oppure solo 2

Dati personali presi e pubblicati alla mercé di tutti: quello che ha riguardato il database del sito per incontri Ashley Madison è stato uno dei cyber-furti più famosi della storia, per dinamiche, danni e persone coinvolte. Eppure, sembra che le vittime possano recuperare un massimo di 3500 dollari a titolo di risarcimento.
La piattaforma per relazioni extraconiugali (il claim recitava “La vita è breve. Concediti una scappatella”) subì un attacco che coinvolse, nel 2015, 37 milioni di account. Una fuga di dati che secondo John McAfee non poteva che essere stato condotto da qualcuno interno all’azienda e che ha generato una coda lunga che ancora oggi esiste. Per le persone coinvolte, non c’era in gioco solo la sicurezza: molti furono gli utenti minacciati di estorsione perché non venisse fuori il loro segreto e molti i matrimoni andati alle ortiche. Per qualcuno, nella parte d’America benpensante, le pressioni di quella violazione hanno rappresentato la goccia che ha fatto traboccare il vaso di una condizione psicologica evidentemente già compromessa.
Il racconto delle difficoltà e paure dei giorni successivi alla violazione passa attraverso le parole di una cronista: “Nei primi giorni ho scritto a circa duemila utenti di Ashley Madison. All’inizio mi ha risposto qualche dozzina: erano spaventati e confusi riguardo a quello che l’attacco informatico poteva significare per loro”, ha spiegato Kristen Brown a Carola Frediani, nel suo libro “Guerre di rete”: “Molti erano anche sollevati di poter parlare con qualcuno che potesse spiegargli cosa stava succedendo. Altri mi hanno rivolto domande sulla loro situazione personale, e ho cercato di rispondere come potevo”.
Ruby Corp,

Articoli correlati

  • Come accedere al nuovo YouTube: più lineare e veloce, con la Modalità ScuroMay 3, 2017 Come accedere al nuovo YouTube: più lineare e veloce, con la Modalità Scuro “Semplicità, coerenza, bellezza”: queste le tre direttrici sulle quali YouTube ha studiato il nuovo design della piattaforma, annunciato ieri. Si tratta di un’anteprima riservata a un numero ristretto di utenti nel mondo, al quale però può accedere chi vuole...
  • uBlock Origin, l’ad-blocker facile da usareJune 12, 2017 uBlock Origin, l’ad-blocker facile da usare Un ad-blocker con tasto di accensione e spegnimento, che serva all’occorrenza e occupi meno spazio possibile: queste le promesse (e premesse) di uBlock Origin, il servizio per bloccare le pubblicità (e non solo), adesso disponibile anche per Chrome. Per non rischiare di risolver...
  • Dal tweet con refuso di Trump, i migliori meme di CovfefeMay 31, 2017 Dal tweet con refuso di Trump, i migliori meme di Covfefe I migliori Covfefe della nostra vita. Il refuso del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump è il generatore di meme più potente dell’ultimo mese (ma forse anche di più). Quando qui in Italia ancora la maggior parte delle persone doveva mettere il piede giù dal ...
  • Google Drive, in arrivo il backup di tutto il tuo computerJune 15, 2017 Google Drive, in arrivo il backup di tutto il tuo computer Vedi alla voce “pensare in grande”: presto Drive non solo continuerà a salvare e archiviare i documenti che vivono di vita propria all’interno del servizio, ma sarà in grado di effettuare il backup di ogni cartella proveniente da ogni angolo del proprio comput...
  • Con Mozilla, chiunque può donare la propria voce all’Intelligenza ArtificialeJuly 19, 2017 Con Mozilla, chiunque può donare la propria voce all’Intelligenza Artificiale Common VoiceIn piena era dell‘Intelligenza Artificiale, al motore della tecnologia e dei servizi digitali non servono solo le informazioni degli utenti, ma anche le loro voci. Per allenare i sistemi di riconoscimento vocali infatti, a chiunque intenda creare assistenti basati sull’AI,...
  • Non tutti gli AdBlock proteggono la tua privacyApril 25, 2017 Non tutti gli AdBlock proteggono la tua privacy Nessuno dei passi che vengono mossi online è davvero al riparo dal tracciamento. Neanche quando si pensa di essere protetti da un AdBlock. Se è vero che i servizi che bloccano la pubblicità vendono solitamente il salvataggio da molesti spot che saltano fuori da ogni angolo de...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *