Ashley Madison, le vittime dell’hack incasseranno 3500 dollari. Oppure solo 2

Dati personali presi e pubblicati alla mercé di tutti: quello che ha riguardato il database del sito per incontri Ashley Madison è stato uno dei cyber-furti più famosi della storia, per dinamiche, danni e persone coinvolte. Eppure, sembra che le vittime possano recuperare un massimo di 3500 dollari a titolo di risarcimento.
La piattaforma per relazioni extraconiugali (il claim recitava “La vita è breve. Concediti una scappatella”) subì un attacco che coinvolse, nel 2015, 37 milioni di account. Una fuga di dati che secondo John McAfee non poteva che essere stato condotto da qualcuno interno all’azienda e che ha generato una coda lunga che ancora oggi esiste. Per le persone coinvolte, non c’era in gioco solo la sicurezza: molti furono gli utenti minacciati di estorsione perché non venisse fuori il loro segreto e molti i matrimoni andati alle ortiche. Per qualcuno, nella parte d’America benpensante, le pressioni di quella violazione hanno rappresentato la goccia che ha fatto traboccare il vaso di una condizione psicologica evidentemente già compromessa.
Il racconto delle difficoltà e paure dei giorni successivi alla violazione passa attraverso le parole di una cronista: “Nei primi giorni ho scritto a circa duemila utenti di Ashley Madison. All’inizio mi ha risposto qualche dozzina: erano spaventati e confusi riguardo a quello che l’attacco informatico poteva significare per loro”, ha spiegato Kristen Brown a Carola Frediani, nel suo libro “Guerre di rete”: “Molti erano anche sollevati di poter parlare con qualcuno che potesse spiegargli cosa stava succedendo. Altri mi hanno rivolto domande sulla loro situazione personale, e ho cercato di rispondere come potevo”.
Ruby Corp,

Articoli correlati

  • Negli Stati Uniti c’è una causa contro Spotify da 1,6 miliardi di dollariJanuary 3, 2018 Negli Stati Uniti c’è una causa contro Spotify da 1,6 miliardi di dollari Richieste danni in shuffle: la Wixen Music Publishing, il 29 dicembre, ha depositato una causa contro Spotify chiedendo un risarcimento di almeno 1,6 miliardi di dollari. L’editore, che rappresenta artisti come Tom Petty, Missy Elliot, Stevie Nicks e Neil Young, ritiene che l’azi...
  • Le piattaforme per single aperte solo ai sostenitori di TrumpFebruary 19, 2018 Le piattaforme per single aperte solo ai sostenitori di Trump “Make dating great again”: un motto quasi obbligatorio, per chi sceglie di mettere in piedi un sito di incontri per sostenitori di Donald Trump.  E infatti lo hanno usato entrambi i servizi per conoscere nuove persone che fanno selezione all’ingresso in base alle prefe...
  • Dopo l’allarme missilistico alle Hawaii tutti a vedere pornoJanuary 18, 2018 Dopo l’allarme missilistico alle Hawaii tutti a vedere porno Cosa succede nella mente di chi riceva l’allarme di un attacco missilistico, come quello di pochi giorni fa alle Hawaii, nessuno lo può davvero sapere. Ma certi dati aiutano a farsi un’idea di cosa succeda subito dopo. Come quelli di Pornhub, ormai leader nell’elaborazion...
  • Com’era Google Street View nel 2007?January 10, 2018 Com’era Google Street View nel 2007? Tutte le grandi aziende tech sono state delle startup e tutte le tecnologie hanno vissuto il brivido della prima presentazione pubblica: più o meno difficile, più o meno convincente, più o meno ardita. Il sito Kapwing.com, che ha anche un generatore di meme, ha messo su&...
  • Instagram obbedisce alla Russia e rimuove il video dell’attivista NavalnyFebruary 16, 2018 Instagram obbedisce alla Russia e rimuove il video dell’attivista Navalny L’attivista politico Aleksei Navalny, di nuovo nel mirino della censura russa, accusa Instagram di aver rimosso un suo contenuto dopo aver ricevuto pressioni da parte di un’agenzia governativa di Mosca. Al centro del video, la vicenda del vice primo ministro Sergei Prikhodko...
  • Perché gli italiani cercano Diletta Leotta su Pornhub?January 23, 2018 Perché gli italiani cercano Diletta Leotta su Pornhub? Escono le classifiche annuali di Pornhub: sono ricche di spunti, se ne parla per giorni. Cosa va di moda, cosa c’entra il fidget spinner, chi preferisce cosa. I terabyte fanno sorridere, perché il traffico del sito si misura in Petabyte. Un’occhiata alla classifica italiana &eg...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *