(Immagine: SDO/NASA)Il Sole è più che mai inquieto. E stavolta il supercaldo non c’entra nulla: parliamo infatti della gigantesca macchia comparsa da qualche giorno sulla nostra stella – ad avvistarla, per primo, il Solar Dynamics Observatory della Nasa – che sta provocando una tempesta geomagnetica con conseguenze anche per il nostro pianeta. Stando a quanto ha appena dichiarato all’Ansa Mauro Masserotti, consigliere per lo spaceweather all’Osservatorio di Trieste dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf), infatti, “la macchia ha prodotto un’esplosione che ha scagliato uno sciame di particelle verso la Terra e che ha già provocato problemi alle comunicazioni radio sul Pacifico e sull’Artico, e potrebbe generare una tempesta magnetica di media intensità che potrebbe causare altri problemi alle comunicazioni e ai satelliti”. Anche il National Oceanic and Atmospheric Administration (Noaa), l’ente statunitense che monitora clima, oceani e atmosfera, ha confermato la previsione, spiegando che il flusso di particelle della tempesta geomagnetica è arrivato sulla Terra il 16 luglio e durerà probabilmente fino a tutta la giornata di oggi, innescando un fenomeno “di moderata entità”, una tempesta di livello G2, il secondo più grave su una scala che arriva fino a 5.

Come spiega la Nasa, la macchia è un’area della superficie solare più scura e fredda rispetto al resto: è stata chiamata Active Region 12665 ed è larga circa 120mila chilometri (molto più della Terra, approssimativamente quanto il pianeta Giove). “Si tratta”, dicono dall’agenzia spaziale statunitense, “di un’area che ha un’attività magnetica intensa e complessa, in rapida rotazione, che sta crescendo piuttosto

Articoli correlati

  • A Capodanno arriva una tempesta magneticaDecember 29, 2017 A Capodanno arriva una tempesta magnetica (Immagine: SDO/NASA)Oltre alla super Luna, Capodanno sarà caratterizzato da una tempesta magnetica. È in arrivo, infatti, una raffica di vento solare, ovvero uno sciame di particelle ad alta energia espulse dal Sole, che potrebbe scontrarsi con il campo magnetico terrestre il primo ...
  • Il primo Sistema solare affollato come il nostro. Ecco il videoDecember 20, 2017 Il primo Sistema solare affollato come il nostro. Ecco il video Si chiama Kepler-90i ed è l’ottavo (nonché l’ultimo scoperto) tra i pianeti orbitanti attorno a Kepler-90, una stella per molti aspetti molto simile al Sole ma che si trova a 2.545 anni luce da noi. Ora che sappiamo che esiste, possiamo dire che il nostro Sistema solare ...
  • Quale è l’anno più caldo di sempre? I metodi di calcolo ( diversi) di Nasa e NoaaJanuary 22, 2018 Quale è l’anno più caldo di sempre? I metodi di calcolo ( diversi) di Nasa e Noaa Diciamo subito che la sostanza è questa: i dati sull’andamento globale delle temperature registrate nel corso del 2017 sono ancora da record. Secondo la NASA, il 2017 è stato il secondo anno più caldo di sempre ed il più caldo tra quelli senza El Nino.  Seco...
  • Il 2016 è l’anno più caldo di sempre? I calcoli di Nasa e NoaaJanuary 27, 2018 Il 2016 è l’anno più caldo di sempre? I calcoli di Nasa e Noaa Diciamo subito che la sostanza è questa: i dati sull’andamento globale delle temperature registrate nel corso del 2017 sono ancora da record. Secondo la NASA, il 2017 è stato il secondo anno più caldo di sempre ed il più caldo tra quelli senza El Nino.  Seco...
  • Il 2016 è l’anno più caldo di sempre? I calcoli di Nasa e NoaaFebruary 13, 2018 Il 2016 è l’anno più caldo di sempre? I calcoli di Nasa e Noaa Diciamo subito che la sostanza è questa: i dati sull’andamento globale delle temperature registrate nel corso del 2017 sono ancora da record. Secondo la NASA, il 2017 è stato il secondo anno più caldo di sempre ed il più caldo tra quelli senza El Nino.  Seco...
  • Nei prossimi 50 anni il Sole ci scalderà menoFebruary 9, 2018 Nei prossimi 50 anni il Sole ci scalderà meno (Foto: Nasa)Tra il 2020 e il 2070 il nostro Sole ci riscalderà un po’ meno. A raccontarlo sulle pagine di Astrophysical Journal Letters sono stati i ricercatori dell’Università della California a San Diego, secondo cui la nostra stella nei prossimi 50 anni sar&agrav...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *