(Immagine: SDO/NASA)Il Sole è più che mai inquieto. E stavolta il supercaldo non c’entra nulla: parliamo infatti della gigantesca macchia comparsa da qualche giorno sulla nostra stella – ad avvistarla, per primo, il Solar Dynamics Observatory della Nasa – che sta provocando una tempesta geomagnetica con conseguenze anche per il nostro pianeta. Stando a quanto ha appena dichiarato all’Ansa Mauro Masserotti, consigliere per lo spaceweather all’Osservatorio di Trieste dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf), infatti, “la macchia ha prodotto un’esplosione che ha scagliato uno sciame di particelle verso la Terra e che ha già provocato problemi alle comunicazioni radio sul Pacifico e sull’Artico, e potrebbe generare una tempesta magnetica di media intensità che potrebbe causare altri problemi alle comunicazioni e ai satelliti”. Anche il National Oceanic and Atmospheric Administration (Noaa), l’ente statunitense che monitora clima, oceani e atmosfera, ha confermato la previsione, spiegando che il flusso di particelle della tempesta geomagnetica è arrivato sulla Terra il 16 luglio e durerà probabilmente fino a tutta la giornata di oggi, innescando un fenomeno “di moderata entità”, una tempesta di livello G2, il secondo più grave su una scala che arriva fino a 5.

Come spiega la Nasa, la macchia è un’area della superficie solare più scura e fredda rispetto al resto: è stata chiamata Active Region 12665 ed è larga circa 120mila chilometri (molto più della Terra, approssimativamente quanto il pianeta Giove). “Si tratta”, dicono dall’agenzia spaziale statunitense, “di un’area che ha un’attività magnetica intensa e complessa, in rapida rotazione, che sta crescendo piuttosto

Articoli correlati

  • Il video di un enorme tornado sulla superficie del SoleApril 10, 2018 Il video di un enorme tornado sulla superficie del Sole L’occhio del Solar dynamics observatory della Nasa ha ripreso nel dettaglio uno dei più spettacolari processi che hanno sede nella corona della nostra stella. Si tratta di un vero e proprio tornado, risalente all’aprile di due anni fa, ma le cui immagini sono state diffuse solo...
  • Quanto credi di conoscere il Sole?March 10, 2018 Quanto credi di conoscere il Sole? Ha un’età di 4 milioni e mezzo di anni. È il luogo più caldo dell’intero Sistema Solare. Senza di lui non sarebbe possibile alcuna forma di vita sulla Terra. I tratti distintivi del Sole non sono poi così difficili da tenere a mente sin da quando siamo...
  • InSight in partenza, la prima missione che studierà il cuore di MarteMay 2, 2018 InSight in partenza, la prima missione che studierà il cuore di Marte (foto: Nasa/Jpl-Caltech. Una rappresentazione artistica del razzo che contiene InSight, alla vigilia del lancio)La missione della Nasa InSight sta per partire. Sabato 5 maggio 2018 alle nostre 13:00, il veicolo spaziale verrà sparato dalla West Coast, in particolare dalla Vandenberg Air F...
  • Scoperti 15 nuovi esopianeti. Uno è una super Terra, forse abitabileMarch 14, 2018 Scoperti 15 nuovi esopianeti. Uno è una super Terra, forse abitabile Illustrazione concettuale (Foto: Tokyo Institute of Technology)In arrivo nuovi pianeti: gli scienziati hanno individuato 15 altri esopianeti vicini al Sistema solare – ma esterni – che orbitano intorno a stelle nane, in particolare nane rosse. Fra questi, vi sarebbe anche un mondo si...
  • La Nasa ricorda Stephen Hawking con un videoMarch 26, 2018 La Nasa ricorda Stephen Hawking con un video Protagonista del video qui sopra, realizzato dalla Nasa in occasione della sua scomparsa, è Stephen Hawking, il fisico reso celebre per le sue intuizioni sui buchi neri e la vera natura del “tempo” (ma non solo), nonché inconfondibile icona della scienza moderna. Lo ritr...
  • Check up completo per il pianeta MarteMay 5, 2018 Check up completo per il pianeta Marte Marte, di cui c’eravamo forse un po’ dimenticati negli ultimi mesi per le tante altre missioni spaziali che si sono succedute avrà finalmente il suo primo check up completo per il prossimo Natale, all’età di quattro miliardi e mezzo di anni più o meno. Gliel...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *