(Immagine: SDO/NASA)Il Sole è più che mai inquieto. E stavolta il supercaldo non c’entra nulla: parliamo infatti della gigantesca macchia comparsa da qualche giorno sulla nostra stella – ad avvistarla, per primo, il Solar Dynamics Observatory della Nasa – che sta provocando una tempesta geomagnetica con conseguenze anche per il nostro pianeta. Stando a quanto ha appena dichiarato all’Ansa Mauro Masserotti, consigliere per lo spaceweather all’Osservatorio di Trieste dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf), infatti, “la macchia ha prodotto un’esplosione che ha scagliato uno sciame di particelle verso la Terra e che ha già provocato problemi alle comunicazioni radio sul Pacifico e sull’Artico, e potrebbe generare una tempesta magnetica di media intensità che potrebbe causare altri problemi alle comunicazioni e ai satelliti”. Anche il National Oceanic and Atmospheric Administration (Noaa), l’ente statunitense che monitora clima, oceani e atmosfera, ha confermato la previsione, spiegando che il flusso di particelle della tempesta geomagnetica è arrivato sulla Terra il 16 luglio e durerà probabilmente fino a tutta la giornata di oggi, innescando un fenomeno “di moderata entità”, una tempesta di livello G2, il secondo più grave su una scala che arriva fino a 5.

Come spiega la Nasa, la macchia è un’area della superficie solare più scura e fredda rispetto al resto: è stata chiamata Active Region 12665 ed è larga circa 120mila chilometri (molto più della Terra, approssimativamente quanto il pianeta Giove). “Si tratta”, dicono dall’agenzia spaziale statunitense, “di un’area che ha un’attività magnetica intensa e complessa, in rapida rotazione, che sta crescendo piuttosto

Articoli correlati

  • Avvistata una nuova, enorme, macchia solareJuly 18, 2017 Avvistata una nuova, enorme, macchia solare Il Solar Dynamics Observatory della Nasa, o Sdo, ha appena captato una nuova macchia sulla superficie della nostra stella. Si tratta di un’area particolarmente attiva e instabile, dove il materiale solare è in balìa di fenomeni magnetici molto complessi, e che si sta estendend...
  • Nasa: scoperti 219 esopianeti, di cui 10 potenzialmente abitabiliJune 20, 2017 Nasa: scoperti 219 esopianeti, di cui 10 potenzialmente abitabili (Foto: Nasa)L’universo è sempre più affollato. Sono stati appena scoperti 219 nuovi pianeti esterni al nostro sistema solare, 10 dei quali avrebbero le dimensioni della Terra e si troverebbero nella zona abitabile, ovvero alla distanza adeguata dalla propria stella madre ...
  • Il 31 agosto l’asteroide Florence passerà a 7 milioni di chilometri dalla TerraAugust 30, 2017 Il 31 agosto l’asteroide Florence passerà a 7 milioni di chilometri dalla Terra Arriva Florence, l’asteroide più grande che finora sia transitato nei pressi della Terra. Tra il 31 agosto e il primo settembre 2017 Florence passerà vicino (almeno su scala siderale) al nostro pianeta, sfiorandone la traiettoria a una distanza di 7 milioni di chilometri, in p...
  • Clima, questo giugno tra i tre mesi più caldi della storiaJuly 20, 2017 Clima, questo giugno tra i tre mesi più caldi della storia (Foto: Getty Images)Se negli ultimi due mesi avete avuto l’impressione di un caldo insopportabile, non vi siete sbagliati. Il giugno 2017, infatti, è stato il terzo giugno più caldo di sempre, preceduto solo da quelli del 2015 e del 2016. A riferirlo gli esperti della Us Natio...
  • I 40 anni delle sonde VoyagerSeptember 5, 2017 I 40 anni delle sonde Voyager 20 agosto e 5 settembre. Nell’esplorazione spaziale queste due date hanno fatto, senza retorica, la storia. Era il 1977 quando le due sonde della missione Voyager della Nasa lasciavano la Terra tuffandosi nello Spazio. In 40 anni hanno messo tra noi e loro una distanza inimmaginabile: Voyag...
  • Verso un nuovo minimo solareJuly 24, 2017 Verso un nuovo minimo solare Hanno luogo più o meno ogni 11 anni e il prossimo è previsto tra il 2019 e il 2020: parliamo dei minimi solari, intervalli dove l’attività della nostra stella cala drasticamente e, di riflesso, anche le radiazioni che vengono percepite sulla Terra subiscono un’alt...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *