(Immagine: SDO/NASA)Il Sole è più che mai inquieto. E stavolta il supercaldo non c’entra nulla: parliamo infatti della gigantesca macchia comparsa da qualche giorno sulla nostra stella – ad avvistarla, per primo, il Solar Dynamics Observatory della Nasa – che sta provocando una tempesta geomagnetica con conseguenze anche per il nostro pianeta. Stando a quanto ha appena dichiarato all’Ansa Mauro Masserotti, consigliere per lo spaceweather all’Osservatorio di Trieste dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf), infatti, “la macchia ha prodotto un’esplosione che ha scagliato uno sciame di particelle verso la Terra e che ha già provocato problemi alle comunicazioni radio sul Pacifico e sull’Artico, e potrebbe generare una tempesta magnetica di media intensità che potrebbe causare altri problemi alle comunicazioni e ai satelliti”. Anche il National Oceanic and Atmospheric Administration (Noaa), l’ente statunitense che monitora clima, oceani e atmosfera, ha confermato la previsione, spiegando che il flusso di particelle della tempesta geomagnetica è arrivato sulla Terra il 16 luglio e durerà probabilmente fino a tutta la giornata di oggi, innescando un fenomeno “di moderata entità”, una tempesta di livello G2, il secondo più grave su una scala che arriva fino a 5.

Come spiega la Nasa, la macchia è un’area della superficie solare più scura e fredda rispetto al resto: è stata chiamata Active Region 12665 ed è larga circa 120mila chilometri (molto più della Terra, approssimativamente quanto il pianeta Giove). “Si tratta”, dicono dall’agenzia spaziale statunitense, “di un’area che ha un’attività magnetica intensa e complessa, in rapida rotazione, che sta crescendo piuttosto

Articoli correlati

  • Il 31 agosto l’asteroide Florence passerà a 7 milioni di chilometri dalla TerraAugust 30, 2017 Il 31 agosto l’asteroide Florence passerà a 7 milioni di chilometri dalla Terra Arriva Florence, l’asteroide più grande che finora sia transitato nei pressi della Terra. Tra il 31 agosto e il primo settembre 2017 Florence passerà vicino (almeno su scala siderale) al nostro pianeta, sfiorandone la traiettoria a una distanza di 7 milioni di chilometri, in p...
  • L’animazione del sistema solare di Trappist-1October 30, 2017 L’animazione del sistema solare di Trappist-1 Un video appena diffuso dalla Nasa ci mette sotto agli occhi il possibile aspetto del sistema di sette pianeti orbitanti attorno alla stella Trappist-1, l’ultimo scoperto in materia di esopianeti. E, sicuramente, il più interessante, quello finora dov’è più probab...
  • Dove finisce il Sistema solare?September 26, 2017 Dove finisce il Sistema solare? A differenza delle cartine geografiche che raffigurano il Mondo, quando ci troviamo nello Spazio i confini tra i vari distretti non sono mai così netti. Basti pensare alla “provincia” in cui si trova il nostro Pianeta: il Sistema solare. Come ci racconta anche questa animazione...
  • I 40 anni delle sonde VoyagerSeptember 5, 2017 I 40 anni delle sonde Voyager 20 agosto e 5 settembre. Nell’esplorazione spaziale queste due date hanno fatto, senza retorica, la storia. Era il 1977 quando le due sonde della missione Voyager della Nasa lasciavano la Terra tuffandosi nello Spazio. In 40 anni hanno messo tra noi e loro una distanza inimmaginabile: Voyag...
  • Il nostro Sistema solare ha nuovi inquilini: due asteroidiSeptember 25, 2017 Il nostro Sistema solare ha nuovi inquilini: due asteroidi Nel nostro Sistema solare ci sono due nuovi coinquilini. Una coppia di asteroidi molto simili tra loro che si muovo insieme, uno intorno all’altro. E che si trovano esattamente nella fascia principale di asteroidi fra le orbite di Giove e di Marte. A scoprirli è stato il team di astr...
  • Eclissi totale di Sole, perché non si vedrà dall’ItaliaAugust 21, 2017 Eclissi totale di Sole, perché non si vedrà dall’Italia (Foto: David Loh/EyeEm/Getty Images)Ci siamo. È finalmente arrivato il 21 agosto: il giorno dell’evento astronomico dell’anno. Proprio oggi infatti avverrà un’eclissi totale di Sole: dalle 18.:04 italiane la Luna si frapporrà tra il Sole e la Terra, coprendo...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *