Romero, lo zombie e la metafora del clickbaiting

È morto George A. Romero, il papà degli zombie. Il regista, nato a New York nel 1940, era conosciuto a livello mondiale per La notte dei morti viventi  (1968) film su un gruppo di ragazzi trincerati in una casa che viene assaltata dagli zombie da un vicino cimitero. Per la verità, già prima lo zombie era apparso al cinema, ad esempio nel lontano 1932 con White Zombie, dove i morti viventi erano resuscitati da un negromante di Haiti. Con Romero la figura dello zombie entra nel cinema di genere, lo trasforma e ne esce per popolare altri ambiti dell’intrattenimento: i videoclip (Thriller di Michael Jackson), il fumetto e le serie tv (The Walking Dead), i videogiochi (Resident Evil), perfino la commedia adolescenziale (Warm Bodies).

Nessuno avrebbe immaginato che lo zombie, così come l’aveva concepito Romero, potesse sopravvivere tanto. Perché la sua figura è rimasta uguale a se stessa, al massimo è mutata a livello allegorico rispecchiando ora la paura della guerra fredda e del nemico sovietico (La notte dei morti viventi) ora quella di una pandemia (World War Z). Lo zombie è un morto più che resuscitato, riabilitato alla vita attraverso una motilità stentata, affamato di carne umana e che, nella maggior parte dei casi, deve essere colpito in testa per venire abbattuto. Nient’altro. Se parlasse, piangesse smetterebbe di essere zombie. Se avesse un passato, lo stesso. Vive in un eterno presente di putrefazione e versi simili a conati. C’è niente di più riduttivo e noioso?
Eppure, a partire da Romero questo

Articoli correlati

  • Il ragazzo invisibile: seconda generazione, dove sono i supereroi?January 4, 2018 Il ragazzo invisibile: seconda generazione, dove sono i supereroi? Inizia facendo sfoggio di un pedigree fumettistico inesistente Il ragazzo invisibile: seconda generazione, cioè facendo il riassunto del film precedente tramite le tavole di un fumetto, come se l’origine di tutto venisse da lì al pari dei cinefumetti hollywoodiani (che spesso ...
  • Dickens: L’uomo che inventò il Natale è solo un altro Canto di NataleDecember 21, 2017 Dickens: L’uomo che inventò il Natale è solo un altro Canto di Natale C’è una mitologia propria del cinema secondo la quale quando si racconta di un grande scrittore nel momento in cui sta per scrivere la sua opera più importante, lo si deve fare fingendo che la sua vita in quel momento abbia seguito il medesimo andamento di quella storia l&igra...
  • Star Wars, Episodio IX ha come titolo di lavoro Black DiamondDecember 18, 2017 Star Wars, Episodio IX ha come titolo di lavoro Black Diamond Una delle sage più amate del cinema continua a confermare che la Forza scorre potente in lei: Star Wars: Gli Ultimi Jedi ha debuttato lo scorso weekend nelle sale di tutto il mondo e ha già messo insieme 220 milioni di dollari solo negli Stati Uniti (e in Italia ha superato i 4...
  • Gli Incredibili 2, svelati i nuovi personaggiJanuary 23, 2018 Gli Incredibili 2, svelati i nuovi personaggi Per vederli di nuovo in azione dovremo attendere fino alla fine dell’estate, ma proprio per questo in queste settimane la Disney piano piano sta svelando nuovi, piccoli dettagli per quanto riguarda Gli Incredibili 2. Dopo la breve sinossi diffusa la settimana scorsa, infatti, questa volta &...
  • Perché non abbiamo ancora visto “Chiamami con il tuo nome” in ItaliaNovember 29, 2017 Perché non abbiamo ancora visto “Chiamami con il tuo nome” in Italia In Italia non l’ha visto ancora nessuno, eppure è quasi un anno che Chiamami con il tuo nome ha debuttato (era Gennaio al Sundance e poi a Febbraio è passato al festival di Berlino), cosa abbastanza inusuale per un film italiano. Ma del resto Chiamami con il tuo nome è ...
  • Hannah: lo sgretolamento di una donna sconfitta dal doloreFebruary 7, 2018 Hannah: lo sgretolamento di una donna sconfitta dal dolore Presentato in concorso allo scorso Festival del cinema di Venezia, Hannah – nuovo film del giovane regista Andrea Pallaoro – trentino da anni residente negli Stati Uniti – è valso a Charlotte Rampling la Coppa Volpi come migliore attrice. Non si poteva fare...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *