Romero, lo zombie e la metafora del clickbaiting

È morto George A. Romero, il papà degli zombie. Il regista, nato a New York nel 1940, era conosciuto a livello mondiale per La notte dei morti viventi  (1968) film su un gruppo di ragazzi trincerati in una casa che viene assaltata dagli zombie da un vicino cimitero. Per la verità, già prima lo zombie era apparso al cinema, ad esempio nel lontano 1932 con White Zombie, dove i morti viventi erano resuscitati da un negromante di Haiti. Con Romero la figura dello zombie entra nel cinema di genere, lo trasforma e ne esce per popolare altri ambiti dell’intrattenimento: i videoclip (Thriller di Michael Jackson), il fumetto e le serie tv (The Walking Dead), i videogiochi (Resident Evil), perfino la commedia adolescenziale (Warm Bodies).

Nessuno avrebbe immaginato che lo zombie, così come l’aveva concepito Romero, potesse sopravvivere tanto. Perché la sua figura è rimasta uguale a se stessa, al massimo è mutata a livello allegorico rispecchiando ora la paura della guerra fredda e del nemico sovietico (La notte dei morti viventi) ora quella di una pandemia (World War Z). Lo zombie è un morto più che resuscitato, riabilitato alla vita attraverso una motilità stentata, affamato di carne umana e che, nella maggior parte dei casi, deve essere colpito in testa per venire abbattuto. Nient’altro. Se parlasse, piangesse smetterebbe di essere zombie. Se avesse un passato, lo stesso. Vive in un eterno presente di putrefazione e versi simili a conati. C’è niente di più riduttivo e noioso?
Eppure, a partire da Romero questo

Articoli correlati

  • Come ti ammazzo il bodyguard e il declino della commedia americanaOctober 6, 2017 Come ti ammazzo il bodyguard e il declino della commedia americana Il cinema americano non fa più commedie vere. Fa film comici semmai. Le commedie, cioè i racconti plausibili ed umoristici, che non siano pieni zeppi di gag ma abbiano un equilibrio narrativo più sofisticato, non esistono più. L’industria e il pubblico le ha...
  • Addio Fottuti Musi Verdi, i TheJackaL hanno girato un vero film per ragazzi italianoNovember 9, 2017 Addio Fottuti Musi Verdi, i TheJackaL hanno girato un vero film per ragazzi italiano Si avverte quasi un certo senso del dovere nell’aver messo al centro della propria trama la storia di un grafico che non trova lavoro e che, quando lo trova, finisce in situazioni infernali, alle dipendenze di datori senza senso (Fortunato Cerlino e Salvatore Esposito, già Savastano ...
  • Borg-McEnroe, vince alla Festa del cinema di RomaNovember 6, 2017 Borg-McEnroe, vince alla Festa del cinema di Roma «It’s no accident, I think, that tennis uses the language of life. Advantage, service, fault, break, love, the basic elements of tennis are those of everyday existence, because every match is a life in miniature.» Che tradotto è: «Non è un caso, credo, che il...
  • Otto attrici per una Diva!, film fuori concorso a VeneziaSeptember 4, 2017 Otto attrici per una Diva!, film fuori concorso a Venezia Venezia – “Sono rimasto sorpreso. Sorpreso e colpito quando mi sono trovato tra le mani l’autobiografia di Valentina Cortese”. A parlare è Francesco Patierno, regista italiano che alla settantaquattresima edizione del Festival del cinema di Venezia ha presentato fuo...
  • Hostiles, il film sulla divisione razziale apre la Festa del cinema di RomaOctober 26, 2017 Hostiles, il film sulla divisione razziale apre la Festa del cinema di Roma Indiani che uccidono banchi. Bianchi che uccidono indiani. Indiani che si uccidono tra loro. I nemici, gli ostili del titolo (Hostiles, per l’appunto), sono ovunque nel film di Scott Cooper, e non si fanno problemi a macellare neonati in culla e bambine dalle trecce bionde. Siamo nel New Me...
  • Valerian e la Città dei Mille Pianeti, la recensione di un flop annunciatoSeptember 20, 2017 Valerian e la Città dei Mille Pianeti, la recensione di un flop annunciato Valerian e la Città dei Mille Pianeti arriva finalmente al cinema anche in Italia. Finalmente perché nella maggior parte del mondo il film di Luc Besson è uscito a luglio. Sapete bene come vanno queste cose: noi italiani d’estate preferiamo andare al mare, fare aperitiv...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *