Game of Thrones, com’è la prima puntata della settima stagione

Spoiler sulla trama della 1a puntata della 7a stagione di Game of Thrones
Gli episodi iniziali di ogni stazione di Game of Thrones sono fondamentalmente l’allegoria di un gruppo di lottatori che prendono posizione e si preparano al prossimo scontro. L’aspettativa si mescola con la voglia di riprendere le fila, di capire dopo mesi di attesa, trailer e immagini cosa è successo dopo l’ultima scena della stagione precedente. Un’attesa che di solito viene ripagata da episodi in cui fondamentalmente succede poco, salvo un paio di colpi di scena, mentre i pezzi si riposizionano sulla scacchiera, ma che l’aspettativa rende comunque piacevoli.
Prima ancora della sigla si parte col botto, chiudendo il cerchio una vendetta che in molti aspettavano da lungo tempo e che per i primi secondi inganna lo spettatore, facendogli credere di trovarsi di fronte a un flashback.

Poi inizia il grande gioco del “vediamo dove eravamo rimasti”. Gli Stark Jon e Sansa devono trovare l’equilibrio tra due caratteri completamente diversi ed esperienze opposte. Il primo ha paura di ciò che arriva da Nord, la seconda sa cosa succede se ignori il Sud. Sarà molto interessante capire come si evolverà la loro relazione e di sicuro Ditocorto cercherà in tutti i modi di mettersi nel mezzo. Dall’altra parte i Lannister si sentono accerchiati, Cersei e Jaime ormai sono due estranei con un sacco di parenti morti alle spalle e devono cercare nuove soluzioni per sopravvivere. Il loro segmento è probabilmente quello più interessante, sia dal punto di vista recitativo che psicologico, soprattutto

Articoli correlati

  • 5 fra le morti più drammatiche nelle serie tvMarch 1, 2018 5 fra le morti più drammatiche nelle serie tv ATTENZIONE: spoiler sull’ultimo episodio di The Walking Dead In generale le serie tv sono grandi narrazioni che cercano di includere il più possibile gli elementi fondanti della vita: l’amore, il dolore, le nascite e soprattutto le morti. I decessi dei personaggi chiavi, in ef...
  • 5 motivi per non perdersi la nuova serie BritanniaJanuary 25, 2018 5 motivi per non perdersi la nuova serie Britannia Ha debuttato lunedì su Sky Atlantic la nuova serie Britannia, una delle più recenti e più ambiziose produzioni originali di Sky, che sempre più in questi anni – dopo il capostipite Gomorra – punta su titoli prodotti in casa e che abbiano un appeal internazi...
  • Dal Signore degli Anelli a Game of Thrones, le serie tv che aspettiamo con ansiaMarch 19, 2018 Dal Signore degli Anelli a Game of Thrones, le serie tv che aspettiamo con ansia Stiamo vivendo senza dubbio un momento estremamente interessante per la narrativa seriale televisiva. Dopo la rivoluzione adoperata da show come E.R. o I Soprano e proseguita con Breaking Bad, Game of Thrones e l’arrivo in massa l’offerta di Netflix siamo in teoria arrivati a una sort...
  • Game of Thrones, per la prossima stagione si cercano 8 nuovi personaggiApril 20, 2018 Game of Thrones, per la prossima stagione si cercano 8 nuovi personaggi Mancano ancora parecchi mesi al debutto dell’ottava e ultima stagione di Game of Thrones. L’acclamata serie Hbo tornerà infatti solo nel 2019 e nel frattempo si inganna l’attesa alla ricerca di indizi e indiscrezioni. Pochi giorni fa era infatti uscita la ricostruzione di...
  • The Terror, il dramma artico fra tensione e grandiosa produzioneMarch 23, 2018 The Terror, il dramma artico fra tensione e grandiosa produzione In una scena del primo episodio di The Terror la telecamera si alza a volo d’uccello fino a inquadrare due navi fattesi piccolissime, intrappolate in un tappeto di ghiaccio. Sono la Erebus e la Terror, le due navi della marina britannica che dal 1845 compiono una spedizione nel Mare Artico ...
  • 5 scene tagliate dalle serie tv perché troppo violenteMarch 12, 2018 5 scene tagliate dalle serie tv perché troppo violente Negli ultimi anni gli show televisivi hanno spinto sempre più avanti il limite di ciò che è lecito mostrare su uno schermo. Ormai le scene di sesso esplicito, la nudità e la violenza sono abbastanza normali, anzi, alcuni network televisivi ne hanno fatto quasi una cifr...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *