(Foto: SDO/NASA via Getty Images)Altro che missioni sulla Luna e su Marte: la Nasa punta ancora più in alto, preparandosi a toccare il Sole. È questa l’intenzione annunciata ufficialmente dall’agenzia spaziale americana durante la conferenza svolta al William Eckhardt Research Center Auditorium della University of Chicago, che ha svelato i primi dettagli della prima missione che punta al Sole: uno speciale veicolo spaziale sarà pronto a immergersi direttamente nel torrido caldo dell’atmosfera solare, permettendo così agli scienziati di comprendere meglio la composizione dell’atmosfera della nostra stella e alcuni fenomeni, come il vento solare. “Tante questioni fondamentali sul vento solare rimangono ancora senza risposta”, Rocky Kolb, della Division of the Physical Sciences alla University of Chicago.
La missione, chiamata Solar Probe Plus, partirà la prossima estate, nel 2018, con il lancio di una speciale sonda, la Parker Solar Probe, in onore dell’astrofisico Eugene Parker, che negli anni ’50 sviluppò la teoria sul vento solare. “Questa è la prima volta che la Nasa nomina un veicolo spaziale in onore di una persona ancora in vita”, spiega Thomas Zurbuchen, della direzione scientifica della Nasa di Washington. “È un testamento dell’importanza del suo lavoro, fondando un nuovo campo della scienza e che ha ispirato la mia ricerca e molte altre questione scientifiche che la Nasa continua a studiare e prova a comprendere ogni giorno. Sono molto eccitato di essere personalmente coinvolto per onorare un grande uomo e la sua eredità senza precedenti”.
Orbitando a 6,2 milioni di chilometri dalla superficie del Sole, la Parker Solar Probe dovrà far fronte alle elevatissime temperature e alle potenti radiazioni dell’atmosfera

Articoli correlati

  • Nasa, tutto il meglio del 2017 in un solo videoDecember 28, 2017 Nasa, tutto il meglio del 2017 in un solo video L’essere umano tornerà sulla Luna. Abbiamo scovato un Sistema solare molto simile al nostro. L’avvicinamento definitivo della sonda Cassini a Saturno: per la prima volta nella storia un nostro veicolo penetrava i suoi curiosi anelli. Sono solo alcune delle grandi notizie diffus...
  • A Capodanno arriva una tempesta magneticaDecember 29, 2017 A Capodanno arriva una tempesta magnetica (Immagine: SDO/NASA)Oltre alla super Luna, Capodanno sarà caratterizzato da una tempesta magnetica. È in arrivo, infatti, una raffica di vento solare, ovvero uno sciame di particelle ad alta energia espulse dal Sole, che potrebbe scontrarsi con il campo magnetico terrestre il primo ...
  • Estec, il cuore scientifico dell’Agenzia spaziale europeaOctober 20, 2017 Estec, il cuore scientifico dell’Agenzia spaziale europea (foto: Andrea Gentile/Wired)NOORDWIJK, PAESI BASSI – Il suo nome completo è Centro europeo per la ricerca e la tecnologia spaziale, ma in breve lo si può chiamare Estec. Inaugurato nel 1968, da quasi 50 anni svolge un ruolo di primo piano per tutte le ricerche dell’Agenz...
  • L’animazione del sistema solare di Trappist-1October 30, 2017 L’animazione del sistema solare di Trappist-1 Un video appena diffuso dalla Nasa ci mette sotto agli occhi il possibile aspetto del sistema di sette pianeti orbitanti attorno alla stella Trappist-1, l’ultimo scoperto in materia di esopianeti. E, sicuramente, il più interessante, quello finora dov’è più probab...
  • Il primo Sistema solare affollato come il nostro. Ecco il videoDecember 20, 2017 Il primo Sistema solare affollato come il nostro. Ecco il video Si chiama Kepler-90i ed è l’ottavo (nonché l’ultimo scoperto) tra i pianeti orbitanti attorno a Kepler-90, una stella per molti aspetti molto simile al Sole ma che si trova a 2.545 anni luce da noi. Ora che sappiamo che esiste, possiamo dire che il nostro Sistema solare ...
  • Halloween: ecco la playlist dei suoni horror della NasaOctober 31, 2017 Halloween: ecco la playlist dei suoni horror della Nasa (Foto: NASA/Newsmakers)Proprio in tempo per Halloween, la Nasa ha pubblicato una playlist di suoni dallo Spazio. Rumori piuttosto spaventosi: dalle cacofoniche onde di plasma alle gracchianti emissioni radiofoniche di Saturno, fino ad arrivare ai sospiri delle lune di Giove. E ora grazie all...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *