(Foto: AFP/Getty Images)Pensavamo ci avessero lasciato in eredità caratteri facciali, segni di malattia, il loro guardaroba e addirittura alcuni tatuaggi, ma non il loro materiale genetico. Ma ci sbagliavamo. Ora, infatti, un team di ricercatori del Max Planck Institute di Jena, dell’università di New York e di quella di Tubinga è riuscito a prelevare, sequenziare e analizzare il dna di ben 93 mummie egiziane. I risultati, apparsi su Nature Communications, descrivono così la storia dell’antico Egitto, dimostrando come secoli di commercio e conquiste abbiano cambiato sorprendentemente i geni degli abitanti del Nilo: mentre gli antichi egizi erano strettamente legati alle popolazioni antiche del Medio Oriente e alle popolazioni neolitiche della penisola anatolica e dell’Europa, nei moderni egiziani si trovano invece interazioni con le popolazioni africane sub-sahariane, assenti completamente ai tempi dei faraoni.
Finora, estrarre il dna dalle mummie era considerato dalla comunità scientifica particolarmente difficile, soprattutto per il clima caldo, i livelli elevati di umidità e alcune sostanze chimiche utilizzate per la mummificazione, fattori che contribuiscono a degradare il dna. E sebbene questa non sia la prima analisi condotta sul dna antico delle mummie egizie, questa ricerca si è servita di tecniche di sequenziamento di nuova generazione e dell’uso di metodi di autenticità per garantire l’origine antica dei dati ottenuti, rendendoli veramente affidabili.
“Il nostro scopo era capire se le conquiste di Alessandro Magno e di altre potenze straniere avessero avuto un impatto genetico sulla popolazione egiziana”, spiega Johannes Krause, del Max Planck Institute. Il team di ricerca è così partito da 151

Articoli correlati

  • I Neanderthal erano degli artistiFebruary 23, 2018 I Neanderthal erano degli artisti (Foto: H. Collado)I Neanderthal, i nostri cugini estinti, erano dei veri e propri artisti. A raccontarlo sulle pagine di Science sono stati i ricercatori della University of Southampton e del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology, che hanno scoperto la prima importante prova che i Ne...
  • Lo straordinario olfatto della falenaMarch 2, 2018 Lo straordinario olfatto della falena Un team di ricercatori del Max Planck Institute di Jena, in Germania, ha appena scoperto (e pubblicato su Cell Reports) che le femmine delle falene (in particolare, del tipo Manduca sexta) sono in grado di scegliere il luogo idoneo a deporre le uova, ma anche dove procacciarsi il cibo, grazi...
  • Gli scienziati come devono comunicare sui social network?March 24, 2018 Gli scienziati come devono comunicare sui social network? (foto: Getty Images)Può la comunità scientifica litigare a proposito di selfie su Instagram? Eccome. Un editoriale della giovane ricercatrice canadese Meghan Wright, apparso su Science – una delle riviste scientifiche più importanti del mondo – ha messo ...
  • La mummia di Atacama? Non è un alieno, ma una bambina con malformazioniMarch 23, 2018 La mummia di Atacama? Non è un alieno, ma una bambina con malformazioni (Foto: Bhattacharya S et al. 2018)Cranio allungato a punta e cavità oculari stranamente grandi, 10 paia di costole invece di 12 e 20 vertebre anziché 24. Lunga circa 15 centimetri, Ata, la piccola mummia ritrovata in una città fantasma nel deserto di Atacama in Cile, &eg...
  • Il mini-robot che può viaggiare nel corpo umano. Eccolo in un videoFebruary 9, 2018 Il mini-robot che può viaggiare nel corpo umano. Eccolo in un video Un team di ricercatori del Max Planck Institute for Intelligent Systems di Stuttgard, in Germania, ci presenta la sua ultima creazione attraverso le pagine di Nature: un piccolo robot, o meglio, una nuova classe di piccoli robot, capace di viaggiare attraverso i tessuti del nostro corpo (ma non s...
  • L’ex dipendente si sfoga: “Lascio Google perché non sa più innovare”January 25, 2018 L’ex dipendente si sfoga: “Lascio Google perché non sa più innovare” (Foto: Mashable)Fosse la fine di una storia d’amore, questo sarebbe il momento delle recriminazioni. Se fosse il capolinea di un rapporto professionale, come è, pure. “La ragione principale per cui ho lasciato Google è che non può più innovare&rdq...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *