(Foto: AFP/Getty Images)Pensavamo ci avessero lasciato in eredità caratteri facciali, segni di malattia, il loro guardaroba e addirittura alcuni tatuaggi, ma non il loro materiale genetico. Ma ci sbagliavamo. Ora, infatti, un team di ricercatori del Max Planck Institute di Jena, dell’università di New York e di quella di Tubinga è riuscito a prelevare, sequenziare e analizzare il dna di ben 93 mummie egiziane. I risultati, apparsi su Nature Communications, descrivono così la storia dell’antico Egitto, dimostrando come secoli di commercio e conquiste abbiano cambiato sorprendentemente i geni degli abitanti del Nilo: mentre gli antichi egizi erano strettamente legati alle popolazioni antiche del Medio Oriente e alle popolazioni neolitiche della penisola anatolica e dell’Europa, nei moderni egiziani si trovano invece interazioni con le popolazioni africane sub-sahariane, assenti completamente ai tempi dei faraoni.
Finora, estrarre il dna dalle mummie era considerato dalla comunità scientifica particolarmente difficile, soprattutto per il clima caldo, i livelli elevati di umidità e alcune sostanze chimiche utilizzate per la mummificazione, fattori che contribuiscono a degradare il dna. E sebbene questa non sia la prima analisi condotta sul dna antico delle mummie egizie, questa ricerca si è servita di tecniche di sequenziamento di nuova generazione e dell’uso di metodi di autenticità per garantire l’origine antica dei dati ottenuti, rendendoli veramente affidabili.
“Il nostro scopo era capire se le conquiste di Alessandro Magno e di altre potenze straniere avessero avuto un impatto genetico sulla popolazione egiziana”, spiega Johannes Krause, del Max Planck Institute. Il team di ricerca è così partito da 151

Articoli correlati

  • Protone e antiprotone? Non sono poi così diversiOctober 19, 2017 Protone e antiprotone? Non sono poi così diversi (Foto: Getty Images)Fisica, novità dal mondo delle particelle subatomiche: accurate misurazioni del momento magnetico (una particolare proprietà quantistica) di protoni e antiprotoni hanno svelato che le due particelle sono molto più simili di quello che si potesse pensare. A...
  • Il potenziale delle alghe verdiOctober 14, 2017 Il potenziale delle alghe verdi Le alghe verdi, quelle minuscole creature che si fa di tutto per evitare che crescano nelle piscine e sulle barche, sono una delle grandi speranze del futuro prossimo dell’alimentazione umana, perché si sviluppano facilmente e presentano caratteristiche molto adatte alle nostre esige...
  • Le canne tra i giovani non aumentano dove la cannabis medica è legaleNovember 14, 2017 Le canne tra i giovani non aumentano dove la cannabis medica è legale (Foto: Sean Gallup/Getty ImagesGli spinelli fumati tra gli adolescenti non sono aumentati dove la cannabis è stata legalizzata a scopo terapeutico. A riferirlo è uno studio dei ricercatori della Columbia University Medical Center che sulla pagine di Prevention Science, dimostra...
  • Ecco l’angolo più remoto della nostra galassiaOctober 19, 2017 Ecco l’angolo più remoto della nostra galassia Un gruppo di ricercatori dell’istituto di radioastronomia Max Planck di Bonn in collaborazione con l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics di Boston è appena riuscito a osservare direttamente la distanza di una delle regioni più remote della Via Lattea dal Sole e d...
  • Ora siamo in grado di applicare modifiche temporanee all’rnaOctober 26, 2017 Ora siamo in grado di applicare modifiche temporanee all’rna (Foto: Andreas Rentz/Getty Images)A ormai cinque anni dalla sua comparsa nel mondo della medicina e delle genetica, dimostrando applicazioni promettenti dalla cura per i cancro e hiv ai biocarburanti e all’agricoltura, Crispr continua a sorprenderci. Infatti, la più avanzata tec...
  • Anche Samsung avrà il suo speaker intelligente: arriverà nei prossimi mesiDecember 18, 2017 Anche Samsung avrà il suo speaker intelligente: arriverà nei prossimi mesi (Foto: Getty Images)Sarà il 2018 l’anno del primo smart speaker di Samsung. Dopo un 2017 passato a ipotizzare e smentire l’esistenza di un altoparlante intelligente nei piani della casa coreana, era stato proprio il gruppo coreano a confermare di avere nei propri piani di immet...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *