NEW YORK - Un accordo strategico e una joint-venture con NetApp, una soluzione completa per la gestione della sicurezza sui suoi device e soprattutto una ambizione enorme: diventare il numero uno al mondo nel settore dell’informatica aziendale e consumer. È il futuro di Lenovo, l’azienda multinazionale con l’anima cinese che, di nuovo sotto la guida Yuanquin Yang, ha un piano molto ambizioso per conquistare il mondo.
Cominciamo dagli accordi. Nel corso della prima giornata dell’evento Transform 2.0 in corso a New York, Lenovo ha annunciato una partnership e accordo strategico con NetApps, azienda americana che si occupa di storage e cloud, oltre a varie novità nella sua divisione server soprattutto per quanto riguarda l’area dell’archiviazione dati. L’accordo prevede tra l’altro una joint venture in Cina per la fornitura di soluzioni locali nel mercato in più forte crescita a livello mondiale per dati e storage e fa parte della più ampia strategia sulla digital transformation che, per Lenovo, è la chiave con la quale guidare la crescita della multinazionale.
«La digital trasformation in realtà – dice Yang – è una intelligent tranformation perché vede entrare in gioco l’AI. Servono però infrastrutture dati e terminali sempre più sofisticati e potenti, flessibili. Serve anche potenza di calcolo e algoritmi sofisticati per poter gestire la grande massa di dati e di know how aziendale dei vari settori necessari a creare i presupposti per la trasformazione intelligente, cioè digitale ma aiutata anche dalle AI».L’accordo prevede che le due aziende sviluppino congiuntamente la gamma di prodotti di storage a marchio

Articoli correlati

  • Google progetta il chip «intelligente» per l’internet delle cose. Le novità sul cloudJuly 26, 2018 Google progetta il chip «intelligente» per l’internet delle cose. Le novità sul cloud Su una moneta da cinque centesimi di euro ce ne stanno quattro. È il chip che Google ha progettato e fa realizzare per l’intelligenza artificiale sulle periferiche: telecamere, sensori, automobili, i mille e mille oggetti che compongono la internet delle cose smart. Dice al Sole 24 ...
  • Function-as-a-service per le startup? Il mito dell’impresa senza serverSeptember 6, 2018 Function-as-a-service per le startup? Il mito dell’impresa senza server Poche cosa sono certe per uno startupper. La prima, se non l’unica, è che l’It inteso come tutta quella parte di servizi e funzioni che transitano su un computer o su un server possono essere gestiti su un computer o un server di un altro. Rispetto ai nostri nonni oggi chi vuo...
  • Google vuole tornare in Cina con un motore di ricerca che si auto-censuraAugust 2, 2018 Google vuole tornare in Cina con un motore di ricerca che si auto-censura Era il 22 marzo del 2010 quando Google, dopo due mesi tesissimi sul tema delle censure online, chiudeva il suo motore di ricerca in Cina. Oggi, più di otto anni dopo, il gigante di Mountain View potrebbe tornare sui suoi passi. Secondo la stampa americana, infatti, gli ingegneri di Big G ...
  • Cubbit, la startup che vuole diventare la Uber del cloudJuly 28, 2018 Cubbit, la startup che vuole diventare la Uber del cloud in esposizione a The Art of The Brick (Foto: Maurizio Pesce / Wired)di Davide Lillo del master in Comunicazione della scienza della Sissa di Trieste Esiste un detto tra i geek che recita: “Il cloud non esiste, è solo il computer di qualcun altro”. Sarà iperbolico e volut...
  • Il futuro di Google non è più solo pubblicità. Le novità su cloud e AiJuly 25, 2018 Il futuro di Google non è più solo pubblicità. Le novità su cloud e Ai Il futuro di Google potrebbe non essere (solo) la pubblicità. Grazie al cloud e all’intelligenza artificiale, si apre una strada inedita per la casa di Mountain View. Il colosso hi-tech americano, che oggi vede il suo fatturato provenire per quasi il 90% dall’advertising, ha i...
  • Facebook resiste in Cina per un solo giornoJuly 26, 2018 Facebook resiste in Cina per un solo giorno Mark Zuckerberg (Photo by Alex Wong/Getty Images)Quel che si dice “breve, ma intenso“. Il giorno dopo aver dato il permesso a Facebook di aprire una filiale in Cina, il governo ha ritirato tutta la documentazione aziendale, iniziando a censurarne anche le notizie inerenti alla faccend...

Continua a leggere