Inquina meno una dieta a base di ostriche e sardine di una vegetariana

Altro che dieta vegetariana o vegana. Per essere davvero amici dell’ambiente, bisognerebbe mangiare per lo più ostriche e sardine. A raccontarlo sulle pagine di Frontiers in Ecology and the Environment è stato un nuovo studio dei ricercatori della University of Washington, secondo cui la produzione di alimenti più ecosostenibile, e quindi con il minor impatto ambientale, sarebbe proprio quella di piccoli pesci, come le sardine e aringhe, e molluschi, come ostriche, cozze e capesante.
Per capirlo, i ricercatori americani hanno passato in rassegna centinaia di studi precedenti che analizzavano tutte le fasi del ciclo di vita di diversi prodotti di origine animale. Selezionandone 148, perché ritenuti più esaustivi, i ricercatori si sono poi concentrati principalmente su 4 parametri, per riuscire a valutare l’impatto sull’ambiente dei prodotti: l’energia impiegata, le emissioni di gas serra, il rilascio di nutrienti in eccesso (come i fertilizzanti) e di sostanze che potrebbero causare l’acidificazione (e quindi le piogge acide).
Per confrontare gli impatti ambientali tra i vari alimenti, i ricercatori hanno poi utilizzato una quantità standard di 40 grammi di proteine, circa quelle contenute in un hamburger, come riferimento. Per esempio, hanno calcolato la quantità di gas serra prodotta per 40 grammi di proteine in tutti i tipi di alimenti presi in esame. Dai risultati è emerso che la produzione alimentare con il minore impatto ambientale è la pesca di piccole specie di pesci, come sardine e acciughe, e l’acquacoltura di molluschi, come ostriche e cozze. E a seguire la pesca di pollack, nasello, merluzzo e salmone. Invece, il più

Articoli correlati

  • Con il caldo aumentano i suicidiJuly 24, 2018 Con il caldo aumentano i suicidi Siamo ormai in piena estate e le ondate di caldo sono sempre più intense e frequenti, tanto da avere un effetto anche sulla nostra salute mentale. A dimostrarlo sulle pagine di Nature Climate Change è stato uno studio dei ricercatori della Stanford University secondo cui, appunto, l...
  • Scoperti altri neuroni responsabili del senso di fameJuly 6, 2018 Scoperti altri neuroni responsabili del senso di fame Quando ci sentiamo affamati, sappiamo che il nostro cervello ci sta mandando dei segnali in codice. Più precisamente, a parlarci è l’insula, un’area cerebrale coinvolta, tra le altre cose, nella conversione dei segnali in sensazioni, come appunto il senso di fame. Ma ora...
  • Grafene, scoperta una sua nuova e rivoluzionaria proprietà: proiettare luceMay 22, 2018 Grafene, scoperta una sua nuova e rivoluzionaria proprietà: proiettare luce Il grafene continua a stupirci. Infatti, il team di ricercatori del progetto Graphene Flagship ha appena mostrato per la prima volta un nuova proprietà del grafene: la capacità di generare luce alla terza armonica ottica, controllabile elettricamente. Questa scoperta, raccontano su ...
  • Con la stimolazione cerebrale diminuisce la violenzaJuly 3, 2018 Con la stimolazione cerebrale diminuisce la violenza Stimolare la corteccia prefrontale, la parte del cervello responsabile del controllo dell’istinto e delle decisioni, potrebbe ridurre l’intenzione di una persona di commettere una violenza di oltre il 50%. A raccontarlo sulle pagine del Journal of Neuroscience è una nuova ricer...
  • Sorpresa: a Londra le api vivono meglio che in campagnaJune 27, 2018 Sorpresa: a Londra le api vivono meglio che in campagna Topi, piccioni e addirittura volpi. Non è una novità che alcuni animali sembrano essersi “adattati” proprio bene nelle nostre città. E ora, all’elenco delle specie che possono trarre alcuni vantaggi dalle aree urbane, sembrano esserci anche le api. A ra...
  • Anche sotto anestesia, il nostro cervello rimane vigileJuly 5, 2018 Anche sotto anestesia, il nostro cervello rimane vigile Per molti di noi, il solo sentire “anestesia generale” può essere motivo di puro spavento e panico. Se da una parte, infatti, sappiamo che grazie all’anestesia non sentiamo alcun dolore durante un’operazione, dall’altra il fatto di non essere coscienti pu...

Continua a leggere