Stop all’uso dei contatti degli utenti: Apple frena gli sviluppatori di app

Apple ha modificato le regole del suo App Store per limitare il modo in cui gli sviluppatori riuscivano a ottenere e sfruttare i dati dei contatti dei possessori di iPhone. Secondo quanto scoperto da Bloomberg, le modifiche delle linee guida non sarebbero state formalmente annunciate, ma apportate già dalla scorsa settimana.
Agli sviluppatori viene ora vietato di trasformare le rubriche in un database di contatti e, soprattutto, di vendere quel database. Potranno comunque chiedere agli utenti elenchi di contatti da utilizzare all’interno della loro applicazione, riferendo loro esattamente cosa faranno di quelle informazioni. Se avessero in mente più di uno scopo per l’utilizzo, dovranno chiedere un ulteriore consenso.
Gli elenchi dei contatti iPhone contengono numeri di telefono, indirizzi email e foto del profilo di familiari, amici, colleghi, conoscenti. Quando gli utenti installano le app e quindi acconsentono all’uso di quelle informazioni, gli sviluppatori ottengono decine di potenziali punti dati sui contatti di ognuno. Questa è una fonte di informazioni che gli sviluppatori sono stati in grado di utilizzare, al di fuori del controllo di Apple.
Negli anni successivi al lancio dell’App Store nel 2008, sono a più riprese emersi abusi sugli elenchi di contatti, tanto che nel 2012 Apple ha aggiunto un modo per consentire agli utenti di approvare esplicitamente il consenso in maniera separata per rubrica, foto e posizione per ogni singola applicazione. Alcune, tra cui Uber e Facebook, consentono agli utenti di rimuovere i contatti che sono stati caricati, ma non c’è alcun meccanismo per farlo automaticamente con tutte le app installate su un iPhone.
Il nuovo corso

Articoli correlati

  • Pubblicità personalizzata, Google spiega come la sceglie e come disattivarlaJune 15, 2018 Pubblicità personalizzata, Google spiega come la sceglie e come disattivarla “Senator, we run ads”: quando Mark Zuckerberg ha risposto con queste parole nel corso dell’udienza davanti al Congresso degli Stati Uniti, l’occhio di bue che negli ultimi mesi ha illuminato la gestione dei dati personali degli utenti ha allargato il diametro, ridestando l...
  • Google mette la sua foto tra i criminali australiani: fa causa per diffamazioneJune 14, 2018 Google mette la sua foto tra i criminali australiani: fa causa per diffamazione Beccarsi un colpo di pistola nella schiena mentre si è seduti al ristorante nel 2004 e poi finire nei risultati di ricerca sotto la voce “Melbourne criminal underworld photos“: Milorad “Michael” Trkulja non ci sta. La sua battaglia legale contro Google può co...
  • Dall’hiv alla mail, Grindr condivideva informazioni sensibili dei suoi utentiApril 3, 2018 Dall’hiv alla mail, Grindr condivideva informazioni sensibili dei suoi utenti L’app di dating Grindr permetteva a terze parti di conoscere i dati sensibili dei loro utenti, ad esempio se avevano o meno l’hiv. Parliamo di circa 3.6 milioni di utenti attivi al giorno in tutto il mondo. Due aziende, Apptimize e Localytics, ricevevano alcune informazioni che g...
  • Gmail cambierà faccia nelle prossime settimaneApril 12, 2018 Gmail cambierà faccia nelle prossime settimane Una mail rivolta agli amministratori di G Suite fa trapelare un nuovo design di Gmail. Ancora difficile capire con esattezza cosa attenderà gli utenti, ma oltre alle anticipazione trapelate, Google ha confermato quando rivelato da The Verge: “Stiamo lavorando a importanti aggiornamen...
  • La nuova Gmail ti permette di menzionare gli utenti nel messaggioMay 23, 2018 La nuova Gmail ti permette di menzionare gli utenti nel messaggio Come sempre succede al cambio di stile di un servizio, serve un po’ di tempo prima di scoprire tutte le funzioni disponibili e, soprattutto, per farci l’abitudine. La nuova Gmail ha diverse frecce al suo arco, e una di queste è la possibilità di menzionare qualcuno ...
  • Net neutrality, gli Stati Uniti la cancellano: cosa succede ora?June 11, 2018 Net neutrality, gli Stati Uniti la cancellano: cosa succede ora? (foto: Getty Images)Le norme sulla net neutrality negli Stati Uniti sono ufficialmente abrogate da oggi, lunedì 11 giugno. A niente sono ancora valsi gli sforzi di alcuni membri del Congresso degli Stati Uniti, né delle aziende tech, che continuano a sostenere la causa con più...

Continua a leggere