(Foto: Wired)Tesla ha deciso di chiudere il 2018 in positivo. Per farlo darà il via a un piano di ristrutturazione aziendale che prevede però un’ondata di licenziamenti. La società di Elon Musk infatti, sarebbe pronta a licenziare circa il 9% dei lavoratori.
La società ha spiegato questi tagli in una comunicazione interna (poi riportata da Elon Musk su Twitter). I motivo sarebbe la rapida crescita registrata in questi anni, che avrebbe portato a una “duplicazione di molti ruoli”. In effetti, Tesla oggi dispone di circa 37mila dipendenti, un numero dodici volte maggiore rispetto a cinque anni addietro.

Difficult, but necessary Tesla reorg underway. My email to the company has already leaked to media. Here it is unfiltered: pic.twitter.com/4LToWoxScx
— Elon Musk (@elonmusk) 12 giugno 2018

Fatto sta che, calcolatrice alla mano, il piano coinvolgerà oltre 3mila persone. Tra i più colpiti, gli impiegati. Anche se Musk ha sottolineato che le persone licenziate riceveranno una cospicua buona uscita e un considerevole numero di azioni della società.
In questo modo Tesla punterebbe a sistemare i conti e aumentare i profitti. I continui ritardi nella produzione della Model 3, uniti alla velocità con cui la società brucia capitale e alle conseguenti perdite di bilancio, hanno suscitato negli ultimi tempi pesanti critiche da parte degli analisti. Con l’ipotesi di una nuova, inevitabile, raccolta di fondi da parte della società.
Ora, questa ristrutturazione aziendale potrebbe permettere invece a Tesla di chiudere il 2018 in utile. Sarebbe la prima volta nella recente storia dell’azienda. Una buona notizia che seguirebbe la positiva risposta dei

Articoli correlati

  • Incidente  Tesla, l’autopilota era attivo ma il conducente non aveva le mani sul volanteMarch 31, 2018 Incidente Tesla, l’autopilota era attivo ma il conducente non aveva le mani sul volante La Tesla Model X che il 23 marzo si è scagliata contro uno spartitraffico a Mountain View, prendendo fuoco e uccidendo Wei Huang, 38 anni, un ingegnere della Apple, aveva attivato il sistema di guida autonoma. Il conducente, però, non aveva le mani sul volante. Secondo la ricostruz...
  • Elon Musk vuole fare la classifica dei media miglioriMay 24, 2018 Elon Musk vuole fare la classifica dei media migliori (Foto: Justin Sullivan/Getty Images)Elon Musk si scaglia contro i media che, a suo dire almeno, sono spesso troppo critici e disonesti nei confronti di Tesla. Per questo motivo vuole creare un servizio online, un pagellone che attesti l’attendibilità di editori, giornali e giornalist...
  • La battaglia di Elon Musk contro la stampa che non acclama più la sua  TeslaMay 24, 2018 La battaglia di Elon Musk contro la stampa che non acclama più la sua Tesla Non si sentiva il bisogno di un altro miliardario irritato dalle notizie sul proprio conto o sulla propria azienda e che aspira a mettere il bavaglio ai media. In Italia abbiamo avuto degli illustri esempi (non ultimo il leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, con i giornalisti messi alla g...
  • Tesla punta sul crossover Model Y per far quadrare i contiMay 7, 2018 Tesla punta sul crossover Model Y per far quadrare i conti Un visionario, un genio, un fenomeno, un magnate del futuro o che per lo meno ci prova. Elon Musk viene definito una delle menti più interessanti e tra gli imprenditori più intraprendenti di questi anni e il sui progetti sono lì, da ammirare, da corteggiare e anche da ca...
  • Il vero problema di Tesla? Troppi robot, secondo gli analisti di Wall StreetMarch 29, 2018 Il vero problema di Tesla? Troppi robot, secondo gli analisti di Wall Street Altro che rischio indebitamento e incognita sulla guida autonoma! Il vero problema della Tesla, che sta affossando il titolo al Nasdaq, sono i robot. Parola degli analisti di Bernstein che seguono l’innovativa produttrice di vetture elettriche: Elon Musk ha esagerato nell’automatizza...
  • Da Facebook a Google, perché è impossibile boicottare i big del webApril 5, 2018 Da Facebook a Google, perché è impossibile boicottare i big del web Lo scandalo Cambridge Analytica ha messo per la prima volta all’angolo un colosso come Facebook. Le ripercussioni finanziarie e di immagine sono pesanti, e non è un caso che qualcuno abbia messo in discussione finanche la leadership di Mark Zuckerberg. Le acque, insomma, sono agitat...

Continua a leggere