È possibile distinguere migranti economici da clandestini?

Teniamoci alla larga dalla fantapolitica migratoria, cioè la pretesa insensata di gestire i flussi di persone distinguendo a scatola chiusa i migranti economici dai rifugiati ancora prima che partano alla volta dell’Italia (o dell’Europa). È una fascinazione, una suggestione che presuppone un controllo alla fonte praticamente impossibile da attuare.
E le ragioni sono sia politiche sia economiche. Partiamo dalle prime. L’immigrazione è trattata dall’Europa, ancora prima che dal nostro paese, come un’emergenza. Gli strumenti giuridici internazionali che permettono ai rifugiati, cioè alle persone in fuga da una minaccia esterna, di essere accolte in un programma di protezione sono stati disegnati negli anni Cinquanta (Convenzione di Ginevra e protocolli successivi) e basati su scenari conosciuti: guerre, persecuzioni politiche e razziali, minacce di morte. Di conseguenza il nostro approccio alla gestione dei flussi migratori è di stampo emergenziale.

Tra gennaio 2016 e febbraio 2017, secondo dati UNHCR elaborati di Openmigration, in Italia le richieste di asilo per ottenere lo status di rifugiato sono state 119.670 contro le oltre 700mila fatte alla Germania. Delle nostre richieste, il più alto numero proveniva da persone scappate dalla Nigeria (oltre 27 mila) e il più basso dal Ghana (quasi 5 mila).
Tralasciando per un attimo il giudizio sulla qualità dell’accoglienza, tutto, dall’intervento della Guardia Costiera ai controlli alle frontiere passando per l’accoglienza a terra fino alle pratiche di autorizzazione per la richiesta d’asilo è disegnato per rispondere alla gestione del viaggio di chi scappa, fugge, per ragioni considerate serie, gravi. Oggettive.Questo sistema è cioè concepito per rispondere alla richiesta

Articoli correlati

  • Il grande inganno per il Paese realeJune 20, 2018 Il grande inganno per il Paese reale Negli ultimi anni tutti coloro che hanno perso le elezioni in Italia (o non le hanno vinte) sono stati accusati di essere distanti dal cosiddetto Paese reale. Questa espressione viene spesso usata per evidenziare la lontananza tra le élite (politica e media, soprattutto) e il resto della p...
  • No alla vendita in Italia della cannabis lightJune 21, 2018 No alla vendita in Italia della cannabis light Non può essere esclusa la pericolosità, questa in sostanza la motivazione che ha spinto il Consiglio superiore di sanità (Css) ad esprimere, su richiesta del ministero della Salute, parere contrario alla vendita di cannabis light che è legale anche in Italia dal 2017. ...
  • Chelsea Manning: “Il carcere ha cristallizzato i miei valori”May 2, 2018 Chelsea Manning: “Il carcere ha cristallizzato i miei valori” Chelsea Manning a re:publica, Berlino (re:publica / Flickr CC / BY-SA 2.0) Berlino – “Sono atterrata qui e sono andata direttamente alla manifestazione del Primo maggio”, dice Chelsea Manning dal palco di Re:publica, la conferenza berlinese dedicata a internet e società. ...
  • Lo Swaziland cambia nome perché è troppo simile a SwitzerlandApril 20, 2018 Lo Swaziland cambia nome perché è troppo simile a Switzerland (Immagine: pixabay/CC)Il re Mswati III dello Swaziland ha deciso di ribattezzare il paese in eSwatini che vuol dire “terra degli Swazis“, uno dei gruppi principali che, insieme agli Ndebele e agli Zulu, formano gli Ngoni; popolo dell’Africa del Sud. I tre gruppi sono s...
  • Le consultazioni (secondo i dati) potrebbero durare fino a due mesiApril 6, 2018 Le consultazioni (secondo i dati) potrebbero durare fino a due mesi Le prime giornate di consultazioni elettorali non sono state segnate esattamente da fuochi d’artificio. Persino i più appassionati nerd della politica hanno dovuto accontentarsi del raddrizzatore di corazzieri o dalla battaglia di gabbiani davanti alle porte del Quirinale. Non propri...
  • Può la scienza salvare la democrazia?April 9, 2018 Può la scienza salvare la democrazia? di Marco Cappato* e Marco Perduca** A fine gennaio scorso, a oltre 20 anni dalla nascita della pecora Dolly, l’Istituto di neuro-scienze di Shanghai ha reso noto d’aver clonato Zhong Zhong e Hua Hua, le prime scimmie create con la stessa tecnica usata per l’ovino britannico. Sec...

Continua a leggere