Visualizzare il modello dell’organo malato di un paziente attraverso uno schermo non è di certo come poterlo ispezionare nella realtà, ma grazie ad approcci come la realtà virtuale e quella aumentata sono molti di più oggi i particolari che medici e chirurghi di oggi possono apprezzare. Il prossimo passo, però, e poterli ricostruire davvero, seppur con materiali sintetici, e poterli osservare da vicino come se avessimo tra le mani l’originale.
Ci sta lavorando un gruppo di ricercatori operativi tra il Mit di Boston e l’Università di Harvard, che ha appena messo a punto una tecnica per stampare in 3D modelli con una precisione senza precedenti.
E che non vale solo per la ricerca medica. Possiamo applicare gli stessi metodi per riprodurre e analizzare la superficie di Marte, per esempio, o della Luna, o modelli più precisi dei reperti archeologici o, ancora, lo stato dei ghiacciai. Il loro studio, pubblicato su Science Advances, è consultabile qui. Ma intanto guardatevi questo video: non vi sembra stupefacente?
(Science)
The post Ossa e cervelli stampati in 3D per migliorare la ricerca appeared first on Wired.

Articoli correlati

  • Come si formano le stelle? Ce lo rivelano (anche) le onde sonoreMay 18, 2018 Come si formano le stelle? Ce lo rivelano (anche) le onde sonore Enormi ammassi incandescenti di idrogeno: è più o meno così che possiamo definire le stelle. Ma come nasce esattamente una stella? Gli scienziati sono da sempre alla ricerca di spiegazioni su come magnetismo, gravità e altre forze in gioco riescano a far collassare la ...
  • Cinque per mille: scopri chi ha raccolto più soldi. Tutte le classificheApril 21, 2018 Cinque per mille: scopri chi ha raccolto più soldi. Tutte le classifiche La riforma del terzo settore chiede massima trasparenza sull’uso delle somme del cinque per mille dell’Irpef assegnate dai contribuenti. Un tesoretto da 491 milioni, conteso fra oltre 56mila enti. Quando la riforma sarà a regime, i beneficiari, a un anno dall’incasso, dov...
  • Così l’AI ci sta aiutando a scoprire nuovi materiali alla velocità della luceJune 18, 2018 Così l’AI ci sta aiutando a scoprire nuovi materiali alla velocità della luce Uno degli aspetti meno considerati dell’intelligenza artificiale è la sua capacità di accorciare il tempo. Cioè di velocizzare pratiche prima molto lunghe e dispendiose in termini di risorse ed energie, consentendo, nel caso che vedremo a scienziati e ricercatori, di oc...
  • Cinque per mille: scopri i Comuni più generosi e più fortunatiApril 23, 2018 Cinque per mille: scopri i Comuni più generosi e più fortunati La riforma del terzo settore chiede massima trasparenza sull’uso delle somme del cinque per mille dell’Irpef assegnate dai contribuenti. Un tesoretto da 491 milioni, conteso fra oltre 56mila enti. Quando la riforma sarà a regime, i beneficiari, a un anno dall’incasso, dov...
  • Cosa succede quando gli animali incontrano i loro simili stampati in 3DApril 20, 2018 Cosa succede quando gli animali incontrano i loro simili stampati in 3D Che ci fa questo esercito di rospi robotici, stampati in 3D, in mezzo alla natura? Ce lo spiega un team di ricercatori dell’Università di Windsor, che li sta impiegando per studiare da vicino il comportamento dei loro “colleghi” in carne e ossa. E, in particolare, quello ...
  • Un nuovo biomateriale che cambia colore come la pelle del camaleonteApril 3, 2018 Un nuovo biomateriale che cambia colore come la pelle del camaleonte Farfalle, piume di pavone e camaleonti sono famosi nel regno animale per i loro colori sgargianti. La peculiarità del loro manto, però, non risiede nei pigmenti, bensì nella loro particolare superficie, capace di riflettere diversamente la luce a seconda dell’angolazion...

Continua a leggere