Mit, ecco l’auto autonoma che può navigare anche le strade sconosciute

Mentre si marcia verso l’auto autonoma e l’integrazione dell’intelligenza artificiale nell’ecosistema dei veicoli del (prossimo) futuro, le quattro ruote iniziano a farsi strada da sole. Nel vero senso della parola. Senza, cioè, dover disporre di complicati modelli di mappe tridimensionali all’interno di contesti stradali ottimamente segnalati, con indicazioni orizzontali e verticali, in buone condizioni, corsie contrassegnate e spartitraffico “leggibili” dai cervelloni che sovrintendono la marcia. Si tratta del motivo per cui costruttori e altri colossi hi-tech portano avanti i test esclusivamente su strade urbane o, addirittura, all’interno di “città artificiali” costruite ad hoc.
Adesso un gruppo di ricercatori del Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory del Mit di Boston, il cosiddetto Csail, stanno lanciando il cuore (virtuale) oltre l’ostacolo. Stanno cioè sviluppando un nuovo sistema che consente alle auto driverless di inoltrarsi su strade secondarie, se non addirittura di campagna, in ogni caso su percorsi mai solcati in precedenza. Senza l’ausilio di una mappatura tridimensionale. Il sistema si chiama MapLite e in realtà funziona in modo più semplice di quanto si possa credere: combina semplici dati Gps, come quelli facilmente estraibili da piattaforme come Google Maps, con le informazioni acquisite da una serie di sensori che osservano e analizzano continuamente le condizioni della strada e dei dintorni.
Questo incrocio di tecnologie ha consentito al team di ricercatori di condurre le vetture su una serie di strade sterrate a Devens, in Massachusetts, un’ora da Boston, leggendo il percorso e le sue condizioni con oltre trenta metri di anticipo. Quanto sufficiente a non combinare

Articoli correlati

  • Così l’AI ci sta aiutando a scoprire nuovi materiali alla velocità della luceJune 18, 2018 Così l’AI ci sta aiutando a scoprire nuovi materiali alla velocità della luce Uno degli aspetti meno considerati dell’intelligenza artificiale è la sua capacità di accorciare il tempo. Cioè di velocizzare pratiche prima molto lunghe e dispendiose in termini di risorse ed energie, consentendo, nel caso che vedremo a scienziati e ricercatori, di oc...
  • Norman, l’algoritmo psicopatico ci allerta su dati e pregiudiziJuly 10, 2018 Norman, l’algoritmo psicopatico ci allerta su dati e pregiudizi È vero: le tre leggi della robotica formulate nel 1942 da Isaac Asimov, padre della narrativa fantascientifica, nel racconto Circolo vizioso, non trovano al momento una vera applicazione nella realtà. Seppur molto avanzati e a volte impressionanti (basti pensare alle ipertecnologich...
  • Lotta alla povertà e calamità, ecco dove può spingersi l’AIJuly 10, 2018 Lotta alla povertà e calamità, ecco dove può spingersi l’AI Ma tutta questa intelligenza artificiale ci servirà a risolvere davvero i problemi concreti (e gravi) del mondo? Oltre la salute, campo in cui il machine learning ha dimostrato di poterci aiutare da molti punti di vista, verso le sfide del pianeta? Se lo è domandato, in un breve ma ...
  • Oltre la guida autonoma, dove può servire l’intelligenza artificiale in autoJuly 23, 2018 Oltre la guida autonoma, dove può servire l’intelligenza artificiale in auto (Foto: Shutterstock)Stando a un’indagine firmata da Intel e Strategy Analytics, il mercato delle auto autonome, una volta maturo, potrebbe valere la stratosferica cifra di sette trilioni di dollari entro il 2045. La marcia in quella direzione è ormai consolidata e secondo le analisi ...
  • Obbligo o verità è un teen horror troppo teen per essere horrorJune 22, 2018 Obbligo o verità è un teen horror troppo teen per essere horror La maledizione demoniaca manda sms e gli si può rispondere con le emoji: le capisce. Una volta sarebbe stata una soluzione da Scary Movie, da parodia, impensabile in un vero film dell’orrore, invece sempre di più vediamo accadere che entità sovrannaturali comunicano tra...
  • Ora con l’intelligenza artificiale è possibile vedere attraverso i muriJune 13, 2018 Ora con l’intelligenza artificiale è possibile vedere attraverso i muri La visione a raggi X è sempre stata l’emblema della fantascienza, una fantasia inverosimile appanaggio solo dei supereroi, ma ora un team guidato da Dina Katabi del Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory del Mit di Boston è riuscito a realizzare il sogno di v...

Continua a leggere