Gli adolescenti americani preferiscono YouTube a Facebook

La metà degli adolescenti americani usa Facebook, ma solo dopo YouTube, Instagram e Snapchat. Lo scacchiere dei social Oltreoceano, tra i giovani dai 13 ai 17 anni, è cambiato, lasciando il 51% alla piattaforma di Mark Zuckerberg indietro rispetto alla piattaforma di video in streaming in prima posizione (85%), seguito dal social di fotografia (72%) e dall’app del fantasmino (69%).
In coda seguono Twitter, Tumblr e Reddit, con un 3% che non usa nessuno dei citati. Questa la mappa delineata da un nuovo sondaggio del Pew Research Center.
In una precedente indagine pubblicata nel 2015, la quota del social si attestava al 71%, confermando un invecchiamento della sua utenza (però al tempo né YouTube né Reddit furono inclusi). Come ulteriore scarto rispetto al vecchio sondaggio nel 2014-2015 si richiedeva agli intervistati di fornire una risposta esplicita a prescindere dal fatto che usassero o meno ciascuna piattaforma, mentre nel 2018 è stato presentato agli intervistati un elenco di siti che permetteva loro di selezionare quelli usati.
Il 95% dei partecipanti al sondaggio possiede o ha accesso a uno smartphone  e il 45% ammette di essere connesso quasi costantemente. 
Il sondaggio, condotto tra il 7 marzo e il 10 aprile 2018, rileva inoltre che i giovani utenti non hanno sviluppato un’idea precisa sull’effetto che i social media hanno sulle loro vite. Una minoranza parla di un effetto prevalentemente positivo (31%), un’altra all’opposto, quindi prevalentemente negativo (24%), ma la quota maggiore (45%) afferma che non né positivo, né negativo.
Approfondendo il concetto, il gruppo che ha parlato di ripercussioni positive riscontrate dall’utilizzo dei social fa

Articoli correlati

  • Instagram ti farà pubblicare video lunghi fino a un’oraJune 6, 2018 Instagram ti farà pubblicare video lunghi fino a un’ora Giusto l’altro giorno la notizia del sorpasso di YouTube, Instagram e Snapchat su Facebook per il pubblico di adolescenti americani. Oggi la buona nuova è che proprio contro lo streaming di The Big G, Menlo Park sguinzaglierà Instagram. Mentre l’esperimento di Watch di F...
  • Instagram nell’ecommerce: sperimenta un sistema di pagamentoMay 4, 2018 Instagram nell’ecommerce: sperimenta un sistema di pagamento Dopo “i piani di Facebook per non farti uscire più da Facebook”, tocca a Instagram, che sta predisponendo tutto per fare in modo che si possa acquistare direttamente all’interno dell’applicazione. Il social network fotografico sta testando un sistema nativo di pagam...
  • Più Storie che post, Facebook si prepara al sorpassoMay 3, 2018 Più Storie che post, Facebook si prepara al sorpasso Devi trovare buone storie: questo ti spiegano quando inizi scrivere. È l’abc del giornalismo e di ogni racconto che si rispetti. Storie è uno di quei termini che attraverso la tecnologia  ha trovato un altro campo semantico (come “bacheca” o “p...
  • 12 cose che dovresti cancellare subito dal tuo profilo FacebookJuly 27, 2018 12 cose che dovresti cancellare subito dal tuo profilo Facebook Quali sono le cose da cancellare subito dal tuo profilo di Facebook? Spesso si utilizza la propria pagina personale sul social network più popolato al mondo con un po’ troppa leggerezza. Ci si dimentica che si ha davanti una platea potenzialmente miliardaria e che ciò che si p...
  • YouTube annuncia nuovi strumenti per personalizzare le pubblicitàJune 21, 2018 YouTube annuncia nuovi strumenti per personalizzare le pubblicità Il rapporto tra YouTube e i suoi inserzionisti ha subito non pochi scossoni negli ultimi anni. La lamentela più ricorrente da parte di chi investe i propri soldi nelle sponsorizzazioni riguardava il controllo che la piattaforma riusciva a operare sui contenuti: spot finiti sui video sbagli...
  • Il New York Times: “Facebook condivide i dati con Apple, Samsung e altri produttori”June 4, 2018 Il New York Times: “Facebook condivide i dati con Apple, Samsung e altri produttori” (Foto: Rodrigo Buendia/Getty Images)Collaborazioni per la condivisione dei dati degli utenti con almeno 60 produttori e aziende – da Apple ad Amazon, passando per Samsung, BlackBerry e Microsoft – alcune delle quali messe in piedi ancor prima che le sue applicazioni fossero così...

Continua a leggere