La domanda è di quelle da un milione di dollari. Complessa quanto lo è un sistema come il nostro, per gran parte gestito in autonomia dalle varie regioni, e che comprende una serie enorme di indicatori e sfaccettature. Eppure la presunta non sostenibilità del nostro sistema pubblico è ampiamente data per scontata all’interno del dibattito sul cosiddetto “secondo pilastro” che dovrebbe garantire maggiore e migliore copertura sanitaria per tutte le fasce della popolazione.
La necessità di questa “seconda” gamba non è un’idea portata avanti soltanto da chi propone pacchetti privati, come le assicurazioni o le aziende che offrono il cosiddetto “welfare aziendale”, ma anche da molti che analizzando i conti del comparto sanitario dello stato e i fallimenti in alcune aree in termini di accesso alle cure, che prevedono che se non ci si aprirà di più a nuove forme di welfare parallelo a quello pubblico, nei prossimi anni il sistema sanitario sarà destinato a crollare.
Dall’altra parte ci sono coloro i quali aborrono qualsiasi ingerenza privata all’interno del comparto pubblico, sostenendo che i problemi del settore pubblico si possano e si debbano soltanto risolvere investendo risorse pubbliche.
Perché non è vero che stiamo spendendo troppo
Il dato di partenza è che con l’aumento dell’età media degli italiani, e di conseguenza del numero di anziani in multicronicità, servirebbero troppe risorse per garantire a tutti i servizi di cui hanno bisogno.
In realtà i dati ci dicono che la spesa sanitaria pubblica è aumentata di meno rispetto a quanto preventivato dai vari documenti di economia e

Articoli correlati

  • Il Servizio Sanitario Nazionale italiano è sostenibile?May 20, 2018 Il Servizio Sanitario Nazionale italiano è sostenibile? La domanda è di quelle da un milione di dollari. Complessa quanto lo è un sistema come il nostro, per gran parte gestito in autonomia dalle varie regioni, e che comprende una serie enorme di indicatori e sfaccettature. Eppure la presunta non sostenibilità del nostro sistema p...
  • 10 foto di persone che sfidano l’omofobia nel mondoMay 17, 2018 10 foto di persone che sfidano l’omofobia nel mondo Il 17 maggio è la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia, ricorrenza promossa dall’Unione Europea e celebrata dal 2004. La data scelta non è casuale, coincide infatti con il giorno in cui, nel 1990, l’omosessualità venne rimoss...
  • Chi arriva e chi parte: i flussi migratori spiegati beneJuly 5, 2018 Chi arriva e chi parte: i flussi migratori spiegati bene Con i dovuti su e giù, negli ultimi anni emerge una tendenza chiara: diminuisce il numero di immigrati in Italia, aumenta il numero di emigrati dall’Italia verso l’estero. Secondo i dati resi disponibili dall’OCSE nel suo International Migration Database intorno al 2...
  • Rabbia Furiosa, da vero B movie, sceglie la violenza come cifra stilisticaJune 6, 2018 Rabbia Furiosa, da vero B movie, sceglie la violenza come cifra stilistica Rabbia furiosa è un instant cult. Esce questa settimana nei cinema ma ha già le caratteristiche del film di culto che altri hanno impiegato anni a guadagnare. Uscito a distanza ravvicinata da Dogman, racconta la storia del Canaro della Magliana “per davvero” come sottoli...
  • Propaganda, politica e percezione della sicurezza: la paura fa 27,6July 9, 2018 Propaganda, politica e percezione della sicurezza: la paura fa 27,6 Stessimo giocando a tombola, certamente, sarebbe 90. Qui, però, la questione è decisamente più seria. Inoltre, si parla di statistica: e 27,6% è la percentuale di italiani che si sentono poco o per niente sicuri quando si trovano da soli per la strada, la sera. O, se s...
  • Propaganda, politica e sicurezza: quanti italiani hanno davvero paura?July 14, 2018 Propaganda, politica e sicurezza: quanti italiani hanno davvero paura? Stessimo giocando a tombola, certamente, sarebbe 90. Qui, però, la questione è decisamente più seria. Inoltre, si parla di statistica: e 27,6% è la percentuale di italiani che si sentono poco o per niente sicuri quando si trovano da soli per la strada, la sera. O, se s...

Continua a leggere