(Foto: Pixabay)Non si scherza. Secondo un editoriale pubblicato sul British Medical Journal (Bmj) le dure leggi proibizionistiche sulle droghe (non solo sulla cannabis) stanno danneggiando la salute pubblica. E quando anche una delle riviste mediche più antiche e prestigiose del mondo arriva a schierarsi sostenendo la necessità di un cambiamento diretto verso la depenalizzazione e la regolamentazione di vendita e consumo per uso sia medico sia ricreativo di sostanze, i decisori politici dovrebbero proprio ascoltare.
Non si tratta di una semplice presa di posizione ideologica, nel numero del Bmj dedicato all’analisi delle leggi sulle droghe si trovano dati ed esempi concreti che l’editore capo Fiona Godlee, nella sua prefazione all’editoriale principale di Jason Reed e Paul Whitehouse, definisce “indiscutibili”. Fatti che non lascerebbero “nessuna giustificazione razionale perché si continuino a criminalizzare le droghe”.
Nonostante le pesanti restrizioni e le sanzioni previste finora dalle leggi britanniche per lo spaccio, la detenzione e il consumo di sostanze, la Scozia è il Paese con il tasso di mortalità legato alle droghe più elevato nell’Unione europea, un numero che si è raddoppiato negli ultimi 10 anni.
Le stime dicono, inoltre, che ogni contribuente inglese versa all’anno 400 sterline alla guerra alle droghe, ma i ricavi del commercio illecito continuano a crescere a livello mondiale alimentando crimine organizzato e miseria umana. Non per niente esistono studi che hanno dimostrato il legame tra l’ondata di criminalità armata nel Regno Unito e la maggiore diffusione di fentanil e crack nel mercato illecito: le controversie che nascono in questi contesti non possono essere risolte attraverso

Articoli correlati

  • La blockchain per individuare la cannabis di contrabbandoJuly 30, 2018 La blockchain per individuare la cannabis di contrabbando (Foto: Joseph Eid/Afp/Getty Images)La blockchain, la tecnologia legata al mondo delle criptovalute, come i bitcoin, torna a far parlare di sé. Questa volta, infatti, sembra essere utile per monitorare la cannabis di contrabbando. Infatti, utilizzando questo software, la TruTag Technologies...
  • Matematici sempre più richiesti, in Italia raddoppiano le offerte di lavoroAugust 21, 2018 Matematici sempre più richiesti, in Italia raddoppiano le offerte di lavoro Paul D’Arcy – Senior vice president di Indeed – Foto: Ufficio stampaConsiglio per gli adolescenti: se la volontà è trovare subito lavoro, è bene mettersi sotto con lo studio della matematica. Le metriche elaborate da Indeed, motore di ricerca globale dedicat...
  • BoJack Horseman, la quinta stagione arriva a settembreJuly 27, 2018 BoJack Horseman, la quinta stagione arriva a settembre I fan di BoJack Horseman sono stati finalmente accontentati: dopo aver passato un intero anno a chiedersi quando sarebbero arrivati i nuovi episodi nelle scorse ore l’arcano è stato svelato su Twitter. Con la sua solita irriverenza, infatti, il cavallo antropomorfo ex star delle sit...
  • I 10 film di squali più assurdi mai inventatiAugust 11, 2018 I 10 film di squali più assurdi mai inventati Esiste un mondo intorno ai film di squali, un mondo fatto di squali mutati, preistorici e in vacanza in luoghi come mari, lagune, paludi e montagne (?!) in cui non dovrebbero stare. Dal successo di Lo squalo ogni ritegno è caduto e lo sfruttamento dell’atavica paura del grande preda...
  • Maniac, la serie che è una grande e assurda trappola mentaleSeptember 21, 2018 Maniac, la serie che è una grande e assurda trappola mentale “Sento come se provassi tutte le emozioni“, dice a un certo punto GRTA, la potentissima intelligenza artificiale, molto empatica, che sta al centro di Maniac, e non c’è frase che potrebbe meglio descrivere l’effetto della nuova serie Netflix che debutta il 21 settem...
  • Perché lasciamo molti dati personali nelle schede di memoria usateJuly 2, 2018 Perché lasciamo molti dati personali nelle schede di memoria usate (Foto: Ansa)Va bene Cambridge Analytica e va bene il Russiagate: ma quando gli utenti vengono lasciati liberi di gestire i propri dati, cosa combinano? Fanno attenzione a proteggerli? Mica tanto, almeno a giudicare da una ricerca condotta dal team di cybersecurity dell’Universit&a...

Continua a leggere