Christopher Wylie, il whistleblower che ha rivelato i “Cambridge Analytica Files”. Credits: The GuardianChristopher Wylie, l’uomo senza il quale il nome “Cambridge Analytica” sarebbe rimasto per tutti solo il nome di un’azienda, domani testimonierà davanti al Senato degli Stati Uniti. E sembra non vedere l’ora. Nel tweet che ha pubblicato, nel quale allega la lettera d’invito ricevuta, conferma l’importanza di stanare meccanismi come quelli che lui per primo ha reso pubblici.
Perché Cambridge Analytica non è stato che un indicatore, spiega, come i canarini portati dai minatori sotto terra per avvertire il pericolo e salvarsi in tempo. “Dobbiamo fare di più per assicurarci che Facebook e gli altri siano responsabili nei confronti degli utenti”, scrive il whistleblower che ha detonato uno dei più grossi scandali che l’impero digitale ricordi.
Quello che ha portato davanti al Congresso due giorni di seguito il Ceo di Facebook Mark Zuckerberg e che ora vedrà lui testimoniare, decisamente su un altro fronte.

Tomorrow, I will be attending my first public testimony at the US Senate Judiciary Committee. Really pleased senators from both parties are coming. Cambridge Analytica was the canary in the coal mine. We need to do more to make sure Facebook and others are accountable to users. pic.twitter.com/IhbybrZiSn
— Christopher Wylie (@chrisinsilico) May 15, 2018

L’ex dipendente di Cambridge Analytica è atteso dal Comitato giudiziario lo attende in mattinata (ora locale). Il Dipartimento di giustizia americano e l’Fbi hanno aperto un’indagine sulla società che ha usato per le sue attività i dati di oltre 50 milioni di utenti Facebook, usati per un’altissima

Articoli correlati

  • Perché il caso Cambridge Analytica dovrebbe preccupare anche teMarch 19, 2018 Perché il caso Cambridge Analytica dovrebbe preccupare anche te Christopher Wylie, il whistleblower che ha rivelato i “Cambridge Analytica Files”. Credits: The GuardianLe rivelazioni del whistleblower Christopher Wylie, ex dipendente di Cambridge Analytica hanno il potenziale di diventare uno dei maggiori casi giornalistici degli ultimi anni. Lo s...
  • Da Assange a Wylie, il difficile mestiere del whistleblowerMarch 25, 2018 Da Assange a Wylie, il difficile mestiere del whistleblower Christopher Wylie come Edward Snowden, Juliana Assange? Chiariamolo subito, il paragone per ora non regge. È ancora troppo presto per capire se lo scandalo Cambridge Analytica, raccontato al mondo da Wylie, avrà gli stessi effetti di quello sollevato da Snowden sulla sorveglianza d...
  • Facebook, ora la poltrona di Zuckerberg scotta. I primi investitori ne chiedono la testaApril 3, 2018 Facebook, ora la poltrona di Zuckerberg scotta. I primi investitori ne chiedono la testa Era il 18 marzo scorso quando, con un comunicato, Facebook annunciava la sospensione degli account in possesso alla società di marketing Cambridge Analytica. Poche righe che sembravano aprire e chiudere un caso destinato all’oblio. E invece erano solo la prima scossa di un terremoto...
  • Facebook: i profili ceduti a Cambridge Analytica sono 87 milioni, 214mila italianiApril 5, 2018 Facebook: i profili ceduti a Cambridge Analytica sono 87 milioni, 214mila italiani Ora si fa sul serio. Dopo gli annunci dei giorni scorsi, Facebook è chiamata alla prova dei fatti. E con la pubblicazione di due comunicati ufficiali nel lasso di poche ore, arrivano dettagli importanti sulla storia di Cambridge Analytica e novità importanti circa le misure per il ...
  • L’anno nero di Zuckerberg (che intanto non si fa trovare)March 21, 2018 L’anno nero di Zuckerberg (che intanto non si fa trovare) Che fine ha fatto Mark Zuckerberg? È una delle domande più ricorrenti, e rimbalza fra Londra, Washington e Bruxelles. Facebook è finito nell’occhio del ciclone per lo scandalo Cambridge Analytica, ma per ora il Ceo si è chiuso in un eloquente silenzio. Nessun po...
  • Facebook sospende quasi duecento applicazioni dalla piattaformaMay 14, 2018 Facebook sospende quasi duecento applicazioni dalla piattaforma Il campus di Facebook a Menlo Park (Foto: Gaia Berruto/Wired)Nel bel mezzo dello scandalo Cambridge Analytica, il Ceo di Facebook Mark Zuckerberg aveva annunciato che avrebbe interrotto l’accesso a nuove applicazioni alla piattaforma, fino alla conclusione delle indagini necessarie a capire...

Continua a leggere