Il lavoro risale, ma più persone emigrano: l’Istat legge l’Italia in 10 numeri

Migliora lo stato di salute dell’economia, ma aumentano le famiglie povere. Aumenta l’occupazione, ma diminuisce la popolazione. Cresce il prodotto interno lordo, ma meno che tra i vicini di casa in Europa. La fotografia dell’Italia scattata dall’Istituto nazionale di statistica (Istat) nel suo rapporto annuale mostra le contraddizioni e le spinte opposte che governano la trasformazione del Belpaese.
1,5%
Il prodotto interno lordo nel 2017 è aumentanto con un tasso maggiore rispetto al 2016 (0,9%). L’Italia però è cresciuta meno delle altre nazioni europee e in un contesto espansivo a livello globale. Il Fondo monetario internazionale stima un +3,8% di crescita mondiale.
5,4%
Accelera l’incremento delle esportazioni italiane nell’ultimo anno. A livello di incasso, le vendite all’estero hanno aumento del 7,3% il proprio valore. Tuttavia sono cresciute in parallelo anche le importazioni (+5,3%). E il valore di queste ultime è aumentato più di quello dell’export: 8,6%. Tanto che il disavanzo commerciale tra import ed export resta sbilanciato a favore del primo e di molto: 47,5 miliardi di euro (sebbene il lieve diminuzione).
+0,8%
Segnali positivi per il comparto delle costruzioni, che dopo dieci anni registra un indice della produzione in positivo. Nel complesso però la spinta in avanti dell’economia italiana è dovuta al traino dei servizi: alloggio e ristorazione (+4,5%), logistica (+3,1%) e commercio (+2,3%). Tanto che in dieci anni è scomparso un milione di posti di lavoro tra operai e artigiani.
Colloquio di lavoro23 milioni
Gli occupati nel 2017. Sono 265mila in più rispetto all’anno prima. In questo modo, scrive spiega il presidente dell’Istat, Giorgio Alleva, “il

Articoli correlati

  • In Islanda la parità di stipendio tra donne e uomini diventa leggeJuly 10, 2018 In Islanda la parità di stipendio tra donne e uomini diventa legge In Islanda la parità di stipendio tra uomo e donna è legge. Aziende, istituzioni pubbliche e private, banche e qualsiasi altro datore di lavoro con più di 25 dipendenti dovranno assicurare alle donne di essere pagate quanto i loro colleghi uomini. Del resto, da nove anni...
  • Nuovi contratti a termine nel Decreto dignità: come funzionanoJuly 16, 2018 Nuovi contratti a termine nel Decreto dignità: come funzionano Cambiano i contratti a termine. È uno degli obiettivi del Decreto dignità, pubblicato la scorsa settimana è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale (decreto legge 12 luglio 2018, n.87). Con esso sono entrate in vigore le nuove “disposizioni urgenti per la dignità ...
  • L’Italia è fra i paesi dove si lavora meno la domenicaSeptember 10, 2018 L’Italia è fra i paesi dove si lavora meno la domenica (foto: Fabio Cimaglia / LaPresse)L’ultima proposta politica del governo Movimento 5 Stelle – Lega riguarda la chiusura domenicale di negozi e centri commerciali. Secondo il ministro del Lavoro Luigi Di Maio, infatti, stanno distruggendo le famiglie italiane “che non riescono pi&...
  • Un lavoro “da incubo”: Mirabilandia assume 400 mostri per HalloweenAugust 28, 2018 Un lavoro “da incubo”: Mirabilandia assume 400 mostri per Halloween Si cercano 400 mostri. È questo il singolare annuncio lanciato nelle ultime ore dal parco divertimenti Mirabilandia. E no, non c’è nessun errore. Per il quinto anno di fila il parco ravennate ha lanciato un casting “da incubo” in occasione delle celebrazioni di Hal...
  • Un lavoro nell’informatica: Everis assume 150 persone tra Roma e MilanoSeptember 5, 2018 Un lavoro nell’informatica: Everis assume 150 persone tra Roma e Milano Everis, società di consulenza multinazionale in ambito informatico, sta cercando 150 professionisti da assumere a Roma e a Milano. L’azienda multinazionale, uffici in 16 Paesi, 20mila dipendenti e un miliardo di fatturato, attiva da 22 anni nella consulenza per l’innovazione te...
  • Una sex worker ci spiega quanto sia difficile guadagnare onlineJuly 19, 2018 Una sex worker ci spiega quanto sia difficile guadagnare online Nel corso degli anni e dei viaggi in giro per il mondo mi sono fatto un’idea sul sex work. Magari mi sbaglierò, ma ho la sensazione che più ancora dei giudizi morali (e quindi irrilevanti) legati al vendere piacere sessuale, l’astio nei confronti di questa pratica derivi...

Continua a leggere