Sale a quota 600mila euro il round di finanziamenti di Worldz, startup italiana che ha realizzato un software in grado di comprendere il valore economico delle condivisioni social degli utenti e, in base a questo valore, fornisce loro l’opportunità di avere uno sconto (personalizzato) su ogni acquisto in cambio di un post su Facebook.Ad una campagna di crowdfunding di successo, che ha visto la raccolta di 160mila euro, vanno ad aggiungersi 400mila euro stanziati da Invitalia SpA e 50mila euro di nuovi investimenti, per un totale di oltre 600mila euro.La cifra più importante è stata ottenuta con l’intermediazione finanziaria di Elteide SpA, la società italiana che si occupa di aiutare startup ed aziende a partecipare con successo a bandi di finanziamenti pubblici ed entrare in contatto con fondi di rilievo. Nuove assunzioni e il progetto dell’internazionalizzazioneGli investimenti verranno utilizzati, principalmente, per l’assunzione di nuove figure professionali nel reparto Sales ed IT. In secondo luogo, i fondi verranno dedicati allo sviluppo di un’attività di marketing mirata, atta al posizionamento dell’azienda.“Entro il 2020 vogliamo raggiungere un fatturato pari a 4 milioni di euro, con il superamento del milione di utenti attivi mensili – spiega Joshua Priore, CEO di Worldz – L’obiettivo più ambizioso, invece, riguarda l’internazionalizzazione, per portare Worldz fuori dal mercato italiano e diventare un punto di riferimento per gli store online e offline anche in altri Paesi.Le premesse, in questo momento, per raggiungere questi traguardi, sono ottime: in media il ritorno dell’investimento per gli e-commerce e i negozi che usano

Articoli correlati

  • Timone Fiduciaria sale al 24,2% di Azimut Holding. Il fondo Peninsula compra il 2,8%June 6, 2018 Timone Fiduciaria sale al 24,2% di Azimut Holding. Il fondo Peninsula compra il 2,8% Il titolo Azimut a Piazza Affari Timone Fiduciaria srl, la società che riunisce i soci aderenti al patto di sindacato di Azimut Holding spa, tra cui i dipendenti e i consulenti finanziari, salirà al 24,2% di Azimut Holding, grazie all’iniezione di nuovi capitali...
  • La holding di De Nora punta sulle finestre fotovoltaiche e investe altri 627 mila euro in Glass to PowerMay 17, 2018 La holding di De Nora punta sulle finestre fotovoltaiche e investe altri 627 mila euro in Glass to Power Federico De Nora spa, la holding del Gruppo Industrie De Nora spa, leader mondiale nella progettazione, produzione e fornitura di tecnologie elettrochimiche e per il trattamento delle acque, ha investito altri 627 mila euro in Glass to Power, spin-off dell’Università d...
  • Crescita e investimenti record per DesiveroJuly 16, 2018 Crescita e investimenti record per Desivero È un momento d’oro per Desivero, la piattaforma digitale nata nel 2016 per rivoluzionare, digitalizzandolo, il mondo della vendita, dell’installazione e della manutenzione di arredo bagno e impianti di termo-idraulica. La start-up è uscita da un trimestre di avvio 2018 a...
  • Imi Investimenti si fonde in Intesa Sanpaolo e si porta dietro i sette fondi di Imi Fondi Chiusi sgrJuly 13, 2018 Imi Investimenti si fonde in Intesa Sanpaolo e si porta dietro i sette fondi di Imi Fondi Chiusi sgr Imi Investimenti spa sarà fusa a breve in Intesa Sanpaolo. E’ stato depositato infatti ieri il progetto di fusione per incorporazione, dopo il via libera all’operazione da parte della Banca Centrale Europea e i soci di Intesa Sanpaolo, che rappresentino almeno il cinque per cen...
  • Edgar, il maggiordomo digitale per hotel raccoglie 200mila euro in 24 oreJune 15, 2018 Edgar, il maggiordomo digitale per hotel raccoglie 200mila euro in 24 ore Dei 400mila euro necessari per implementare il servizio e lanciare un piano di marketing, la metà li ha raccolti nelle prime 24 ore. È partita con il botto la campagna di crowdfunding di Edgar, servizio di concierge digitale nato lo scorso anno tra Cagliari e Firenze. “Ci aspe...
  • Mise, le startup  toccano quota 9milaJuly 6, 2018 Mise, le startup toccano quota 9mila Un esercito di piccole imprese in crescita, con pochi dipendenti e bilanci ancora contenuti, tanto che il 56,6% di loro risulta in perdita. Descrive così le startup innovative italiane l’ultima edizione del rapporto trimestrale redatto dal ministero dello Sviluppo economico (Mise) e...

Continua a leggere