Come reagisci quando ti colgono alla sprovvista e ti spaventi? Aggredisci, fuggi o ti paralizzi? Un team di ricercatori della Stanford University School of Medicine ha investigato su quali parti del cervello determinano questa reazione inconsapevole e rapidissima (meno di un secondo).
Gli scienziati hanno impiegato come modello per lo studio il topo, i cui circuiti nervosi sono stati analizzati con tecniche di imaging mentre l’animale veniva spaventato e reagiva allo stimolo in modo diverso via via nel tempo. Nel video che vi presentiamo, un rapido dietro-le-quinte e alcune curiosità della ricerca.
Le possibili applicazioni dei risultati ottenuti? Ampliare le nostre conoscenze (e di conseguenza le possibilità di intervento) sulle condizioni in cui questi circuiti vanno in tilt, come succede nelle fobie e nei disturbi da stress post-traumatico.
(Nature)
The post Ecco come funziona la paura dentro al cervello appeared first on Wired.

Articoli correlati

  • Ecco come ottenere neuroni da cellule del sangueJune 6, 2018 Ecco come ottenere neuroni da cellule del sangue (foto: Mikhail Tereshchenko / Getty Images)A un team di ricercatori della Stanford University School of Medicine bastano tre settimane e l’aggiunta di quattro proteine per convertire i linfociti T (un tipo di cellule immunitarie) isolati da campioni di sangue in neuroni funzionanti. La tecn...
  • Ricreati in laboratorio i prioni umani, proteine letali che causano rare malattie del cervelloJune 8, 2018 Ricreati in laboratorio i prioni umani, proteine letali che causano rare malattie del cervello Sono agenti infettivi, ma non sono né virus né batteri, bensì proteine. Stiamo parlando dei prioni, proteine responsabili di una serie di malattie neurodegenerative rare (come per esempio la ben nota Bse, malattia della mucca pazza), che sono oggi ancora inguaribili e letali....
  • La potenza dei gamberettiMay 3, 2018 La potenza dei gamberetti Se chiediamo a uno studioso di oceanografia qual è la forza che può spingere le acque superficiali verso le profondità dei fondali, molto probabilmente risponderà: il vento e le onde. Eppure un nuovo studio, firmato dall’Università di Stanford, c...
  • Questo robot si muove grazie a muscoli veriJune 6, 2018 Questo robot si muove grazie a muscoli veri Una piccola impalcatura meccanica ricoperta da muscoli in materiale vivente: è così che si presenta il primo dito cyborg della storia, appena messo a punto da un team di ricercatori dell’ Università di Tokyo. Per realizzare il “bioibrido”, così l...
  • Come funzioneranno le protesi del futuro grazie ai nervi artificialiJune 7, 2018 Come funzioneranno le protesi del futuro grazie ai nervi artificiali Non “solo” arti che si muovono con la forza del pensiero, o che afferrano oggetti senza romperli: il futuro della prostetica sta alzando l’asticella ancor più su. A farcelo capire è l’ultimo studio di un team di ricercatori dell’Università di Sta...
  • Cancro, chi usa la medicina alternativa ha più probabilità di non farcelaJuly 20, 2018 Cancro, chi usa la medicina alternativa ha più probabilità di non farcela I malati di cancro che utilizzano la medicina alternativa hanno maggiori probabilità di morire. A lanciare l’allarme sulle pagine di Jama Oncology sono stati i ricercatori del Cancer Center di Yale e del Cancer Outcomes, Public Policy and Effectiveness Research Center (Copper) della ...

Continua a leggere