Vodafone investe oltre 18 miliardi nelle reti di nuova generazione

Un’operazione da 18,4 miliardi di euro. A tanto ammonta la cifra sborsata da Vodafone per assicurarsi le attività di Liberty Global in Germania, Repubblica Ceca, Ungheria e Romania. La compagnia telefonica inglese ha messo mano su parte degli affari europei di Liberty Global, un operatore statunitense di tv via cavo.
Il gruppo a stelle e strisce è presente in 12 Paesi europei con vari marchi commerciali. Attraverso questa operazione, Vodafone ha acquisito la divisione tedesca Unitymedia (secondo operatore via cavo in Germania) e le sue controllate nell’est Europa. La società inglese guidata da Vittorio Colao, rafforza così la sua presenza sul territorio tedesco (che rappresenta già il suo maggior mercato).
Come specificato nella nota ufficiale diramata dalla società, Vodafone combinerà le sue attuali attività di internet fisso e mobile con quelle di Unitymedia per “creare un concorrente nazionale per l’operatore storico in Germania”, diventando così il secondo fornitore nazionale. Il riferimento è a Deutsche Telekom, leader nella telefonia mobile della regione con T-mobile.
Non solo. In questo modo, Vodafone diventa anche “il primo proprietario di reti di nuova generazione (Next generation network) in Europa”, ha dichiarato Vittorio Colao, amministratore delegato del gruppo. I numeri: 54 milioni di abitazioni già collegate via cavo o fibra e 110 milioni di case e uffici raggiunti attraverso le reti di nuova generazione. Solo in Germania, questa manovra consentirà di portare connessioni gigabit a circa 25 milioni di case (il 62% delle famiglie del Paese) entro il 2022.
Un’operazione economicamente imponente. Si tratta della più grossa acquisizione fatta da

Articoli correlati

Continua a leggere