«Facebook è gratis e lo sarà sempre», recitava quello che per lungo tempo è stato il claim del social network per eccellenza. Non è difficile immaginare che gran parte del successo della creatura di Mark Zuckerberg sia attribuibile proprio a questo concetto e all’efficacia con cui è stato comunicato. Poi è arrivato lo scandalo Cambridge Analytica, le tech hanno perso la propria (supposta) innocenza ed ecco che le regole del gioco potrebbero cambiare: Facebook ha condotto ricerche di mercato per comprendere se una versione «pay» della piattaforma, a pagamento e senza pubblicità, porterebbe più iscritti.Lo rivela Bloomberg che fa riferimento a contatti avvenuti nelle ultime settimane. Era successo altre volte in passato che «Zuck» e soci prendessero in esame l’ipotesi di affiancare alla versione «free» del social network una «premium», ma non se ne era mai fatto niente. Stavolta, proprio alla luce del datagate e alla crescente domanda di privacy da parte degli utenti, potrebbe essere diverso. Non è detto che il progetto vada in porto, ma a Menlo Park se ne parla eccome, per quanto i vertici dell’azienda si siano rifiutati di commentare le indiscrezioni raccolte dall’agenzia stampa.

I vantaggi del «sistema» pubblicitàZuckerberg e il coo Sheryl Sandberg hanno trascorso gran parte della call con gli analisti sulla trimestrale 2018 a sottolineare i vantaggi di una rete supportata dalla pubblicità che secondo loro permette all’azienda di raggiungere il maggior numero di persone, senza distinzione di classe sociale. Ma non è l’unico modo per portare avanti il business. «Abbiamo certamente pensato

Articoli correlati

  • Facebook, un quarto degli utenti ha disinstallato l’appSeptember 6, 2018 Facebook, un quarto degli utenti ha disinstallato l’app Che Facebook non sia più un social network sulla cresta dell’onda lo sappiamo da anni: la crescita non è più quella di una volta e la fetta più giovane della popolazione preferisce frequentare altri lidi. In queste ore però un sondaggio pubblicato in quest...
  • Facebook ha chiesto alle banche di condividere i dati dei loro clientiAugust 6, 2018 Facebook ha chiesto alle banche di condividere i dati dei loro clienti I tuoi soldi o i tuoi dati. Il concetto chiave che tiene in piedi molti servizi offerti dai big californiani della tecnologia è diventato, negli anni, un mantra assai diffuso a certe latitudini. Se di mezzo c’è Facebook, poi, il disegno sembra sempre molto chiaro. E le ultime...
  • Troppo tempo sui social: Facebook lancia il timer per controllarne l’usoAugust 1, 2018 Troppo tempo sui social: Facebook lancia il timer per controllarne l’uso Nel 2004 controllavamo il telefonino 9 volte all’ora, oggi lo facciamo più di 15 volte, cioè una volta ogni 3-4 minuti. E secondo la ricerca “Global Digital 2018” passiamo circa 6 ore e 8 minuti al giorno su internet, di cui quasi due sui social network. Forse anc...
  • In Italia una persona su tre usa Facebook per trovare lavoroJune 26, 2018 In Italia una persona su tre usa Facebook per trovare lavoro I social network sono sempre più utilizzati in Italia come strumento per la ricerca di lavoro. Non solo Linkedin, che rimane ancora oggi il punto di riferimento principale. A quanto pare infatti, cresce costantemente il numero di utenti italiani che cercano lavoro tramite Facebook. Lo rive...
  • Bitcoin, Facebook torna sui suoi passi: riammessa (in parte) la pubblicitàJune 27, 2018 Bitcoin, Facebook torna sui suoi passi: riammessa (in parte) la pubblicità Facebook torna sui suoi passi e ritira il bando totale alla pubblicità per i bitcoin e le altre criptovalute. Continueranno a non essere accettati gli annunci per le Offerte iniziali di valuta, le Ico, e le opzioni binarie, ritenute entrambe ancora troppo pericolose per il grande pubblico...
  • Facebook resiste in Cina per un solo giornoJuly 26, 2018 Facebook resiste in Cina per un solo giorno Mark Zuckerberg (Photo by Alex Wong/Getty Images)Quel che si dice “breve, ma intenso“. Il giorno dopo aver dato il permesso a Facebook di aprire una filiale in Cina, il governo ha ritirato tutta la documentazione aziendale, iniziando a censurarne anche le notizie inerenti alla faccend...

Continua a leggere