Instagram nell’ecommerce: sperimenta un sistema di pagamento

Dopo “i piani di Facebook per non farti uscire più da Facebook”, tocca a Instagram, che sta predisponendo tutto per fare in modo che si possa acquistare direttamente all’interno dell’applicazione. Il social network fotografico sta testando un sistema nativo di pagamento, permettendo ad alcuni utenti di inserire i dati della propria carta di credito o debito all’interno del proprio profilo e impostare il pin di sicurezza, in modo da procedere con i pagamenti senza dover abbandonare la piattaforma.
In questo Instagram, già decretato terra promessa del lusso e delle idee di moda e tendenze che scorrono in mille rivoli sul social – recentemente ai marchi è stato dato anche più spazio per la pubblicità nelle Storie – si prepara a diventare un emporio digitale che potrebbe mettere i bastoni tra le ruote a molti. La nuova strategia, a regime, potrebbe anche dare il colpo di grazia a Snapchat. Già gravemente azzoppato dalla crescita delle Storie nei prodotti di Zuckerberg, con la virata di commercio potrebbe vedere vanificati gli sforzi profusi nel suo nuovo Snap Store.
A rivelare il nuovo test di Instagram a TechCrunch è stato Genady Okrain, il fondatore dell’app per la creazione di gif Momento. Interrogato in merito, un portavoce del social ha confermato di aver messo a disposizione i pagamenti nativi per la prenotazione di alcuni servizi, come ristoranti e parrucchieri, per un numero ristretto di partner.
Dei servizi di prenotazione la piattaforma aveva già parlato a marzo del 2017 – si poteva fare sulle pagine di alcuni clienti dell’app per riservare posti nei ristoranti Resy – ma non aveva

Articoli correlati

  • Gli adolescenti americani preferiscono YouTube a FacebookJune 1, 2018 Gli adolescenti americani preferiscono YouTube a Facebook La metà degli adolescenti americani usa Facebook, ma solo dopo YouTube, Instagram e Snapchat. Lo scacchiere dei social Oltreoceano, tra i giovani dai 13 ai 17 anni, è cambiato, lasciando il 51% alla piattaforma di Mark Zuckerberg indietro rispetto alla piattaforma di video in s...
  • Instagram ti farà pubblicare video lunghi fino a un’oraJune 6, 2018 Instagram ti farà pubblicare video lunghi fino a un’ora Giusto l’altro giorno la notizia del sorpasso di YouTube, Instagram e Snapchat su Facebook per il pubblico di adolescenti americani. Oggi la buona nuova è che proprio contro lo streaming di The Big G, Menlo Park sguinzaglierà Instagram. Mentre l’esperimento di Watch di F...
  • Come funziona Shopping nelle Storie di InstagramJune 13, 2018 Come funziona Shopping nelle Storie di Instagram A marzo l’arrivo in Italia di Shopping su Instagram e ora il passo successivo: l’approdo nelle Storie. Secondo quanto comunicato dall’azienda lo strumento ha superato la prova di interesse nei post del feed e per questo si sarebbe deciso di replicare anche nei video brevi. Come ...
  • Ora anche Instagram ti mostra quando gli amici sono onlineJuly 23, 2018 Ora anche Instagram ti mostra quando gli amici sono online Se c’era un luogo in cui la conversazione riusciva a restare entro i canoni del libero arbitrio sul tempo, quello era Instagram. Era, perché l’azienda ha annunciato di essere in fase di rilascio dello status di attività nella sua sezione di messaggi diretti. D’ora ...
  • 12 cose che dovresti cancellare subito dal tuo profilo FacebookJuly 27, 2018 12 cose che dovresti cancellare subito dal tuo profilo Facebook Quali sono le cose da cancellare subito dal tuo profilo di Facebook? Spesso si utilizza la propria pagina personale sul social network più popolato al mondo con un po’ troppa leggerezza. Ci si dimentica che si ha davanti una platea potenzialmente miliardaria e che ciò che si p...
  • Il New York Times: “Facebook condivide i dati con Apple, Samsung e altri produttori”June 4, 2018 Il New York Times: “Facebook condivide i dati con Apple, Samsung e altri produttori” (Foto: Rodrigo Buendia/Getty Images)Collaborazioni per la condivisione dei dati degli utenti con almeno 60 produttori e aziende – da Apple ad Amazon, passando per Samsung, BlackBerry e Microsoft – alcune delle quali messe in piedi ancor prima che le sue applicazioni fossero così...

Continua a leggere