Chelsea Manning: “Il carcere ha cristallizzato i miei valori”

Chelsea Manning a re:publica, Berlino (re:publica / Flickr CC / BY-SA 2.0)
Berlino – “Sono atterrata qui e sono andata direttamente alla manifestazione del Primo maggio”, dice Chelsea Manning dal palco di Re:publica, la conferenza berlinese dedicata a internet e società. Manning è per la prima volta fuori dagli Usa dal suo arresto, avvenuto nel 2010, e per la prima volta si trova in quella che a tutti gli effetti è la capitale del cyberattivismo. Il prossimo 27 maggio, invece, sarà invece a Milano ospite del Wired Next Fest.
Chelsea Manning, classe 1987, è la whistleblower che passò oltre 600mila documenti riservati o segreti provenienti dagli archivi dell’intelligence e dell’esercito Usa, dando inizio, tra gli altri, al Cablegate e riscrivendo i paradigmi del whistleblowing e dell’informazione contemporanea. Dopo oltre 7 anni in carcere e due tentati suicidi, Manning è una donna libera da un anno ed è diventata una delle voce più potenti del panorama dell’attivismo digitale e oltre. Qui a Berlino ha portato la sua storia, la sua transizione e i temi di cui si sta occupando ora, a cominciare dagli aspetti etici dell’intelligenza artificiale e del machine learning.

international unity and solidarity ❤️ from kreuzberg/berlin #MayDay #WeGotThis pic.twitter.com/vI401b0DFK
— Chelsea E. Manning (@xychelsea) 1 maggio 2018

“Ho collaborato con tantissime persone che hanno lavorato per tirarmi fuori di prigione e che ora sono ancora al mio fianco”, ha detto Manning, commossa, ricordando la lunga battaglia per la sua scarcerazione, “loro sono stati incredibili e non avrei potuto fare il mio coming out al

Articoli correlati

  • Chi era Salvatore LigrestiMay 16, 2018 Chi era Salvatore Ligresti Salvatore Ligresti, l’immobiliarista e finanziere morto ieri a 86 anni, ha passato la prima parte della sua vita ad accumulare miliardi attraverso dubbie scalate finanziarie e la seconda a continuare ad accumularli per poi esserne del tutto spossessato dalle condanne giudiziarie. L&rsq...
  • È possibile distinguere migranti economici da clandestini?June 13, 2018 È possibile distinguere migranti economici da clandestini? Teniamoci alla larga dalla fantapolitica migratoria, cioè la pretesa insensata di gestire i flussi di persone distinguendo a scatola chiusa i migranti economici dai rifugiati ancora prima che partano alla volta dell’Italia (o dell’Europa). È una fascinazione, una suggest...
  • Lo strano caso di Blu, il nome che non va bene per una bambinaMay 23, 2018 Lo strano caso di Blu, il nome che non va bene per una bambina Il problema di Blu, la bimba di un anno e mezzo che la Procura di Milano vuole rinominare d’imperio, starebbe in un articolo, il numero 35, del Dpr 396/2000. Si tratta del “Regolamento per la revisione e la semplificazione dell’ordinamento dello stato civile”. Frutto, a su...
  • Perché Di Maio ha perso il suo governo e Salvini farà vedere le stelle al MovimentoMay 29, 2018 Perché Di Maio ha perso il suo governo e Salvini farà vedere le stelle al Movimento Il sondaggio di Swg per il TgLa7 di ieri ha scoperto le carte delle ultime, complicate 48 ore. Ora è chiaro a tutti perché Matteo Salvini abbia fatto saltare il tavolo: ha spolpato Forza Italia e sta iniziando con l’antipasto del Movimento 5 Stelle. Le stime danno infatti...
  • Il grande inganno per il Paese realeJune 20, 2018 Il grande inganno per il Paese reale Negli ultimi anni tutti coloro che hanno perso le elezioni in Italia (o non le hanno vinte) sono stati accusati di essere distanti dal cosiddetto Paese reale. Questa espressione viene spesso usata per evidenziare la lontananza tra le élite (politica e media, soprattutto) e il resto della p...
  • L’era dei muri che dividono il mondo. I confini della globalizzazioneJuly 1, 2018 L’era dei muri che dividono il mondo. I confini della globalizzazione Secondo uno studio pubblicato nel 2016 dagli esperti della University of Quebec, Elizabeth Vallet, Zoe Barry e Josselyn Guillarmou, quando il Muro di Berlino venne abbattuto, un quarto di secolo fa, erano 16 le recinzioni in tutto il mondo. Oggi sono addirittura 63, che interessano 67 stati, comp...

Continua a leggere