La Finlandia ci ripensa: dietrofront sul reddito di base

Stop al reddito di base in Finlandia. Il dietrofront è arrivato in questi giorni, a un anno dall’introduzione dell’esperimento che aveva catalizzato l’attenzione di tutti i Paesi dell’Unione europea. Nel gennaio del 2017 il Paese lo aveva lanciato come progetto pilota di durata biennale. Primo in Europa ad avviare un programma di questa portata. Ora il governo di Helsinki annuncia non solo di non volerlo estendere né rinnovare, ma di volerlo cancellare definitivamente. Le motivazioni non sono ancora state chiarite.
Il test sul reddito di base ha coinvolto duemila persone volontarie che beneficiavano già di sussidi statali, di età compresa fra 25 e 58 anni, che hanno aderito su base volontaria. Gli interessati hanno ricevuto una cifra mensile di 560 euro, esentasse, al posto dei sussidi di disoccupazione. Un pagamento non soggetto a vincoli, ovvero veniva attribuito al richiedente senza che questo dovesse dimostrare che si stava impegnando a cercare un lavoro. O che stesse accettando impieghi proposti dall’ufficio di collocamento del Paese. La somma erogata con il reddito di base non avrebbe intaccato quella guadagnata con altri lavori.
Nel 2019 Helsinki avrebbe dovuto avviare la seconda fase dell’esperimento, con un’estensione dei versamenti a una platea maggiore che includesse anche gli occupati, specie che tra lavora in proprio o part time. Il prossimo anno invece Kela, l’agenzia locale del welfare, diffonderà il bilancio e i risultati dell’esperimento interrotto sul reddito di base. Il Paese starebbe già vagliando delle soluzioni alternative e sostitutive per riformare il sistema di welfare, già per altro molto

Articoli correlati

  • In Italia un giovane su 4 è un Neet: non lavora e non studiaJune 15, 2018 In Italia un giovane su 4 è un Neet: non lavora e non studia Circa un giovane su quattro in Italia non studia né lavora. È il fenomeno dei cosiddetti neet. L’acronimo inglese sta per “not (engaged) in education, employment or training”, una fascia di persone che non sono occupate né seguono percorsi di istruzione o fo...
  • Il lavoro risale, ma più persone emigrano: l’Istat legge l’Italia in 10 numeriMay 16, 2018 Il lavoro risale, ma più persone emigrano: l’Istat legge l’Italia in 10 numeri Migliora lo stato di salute dell’economia, ma aumentano le famiglie povere. Aumenta l’occupazione, ma diminuisce la popolazione. Cresce il prodotto interno lordo, ma meno che tra i vicini di casa in Europa. La fotografia dell’Italia scattata dall’Istituto nazionale di stat...
  • Occupazione: più italiani al lavoro in Europa che in patriaMay 31, 2018 Occupazione: più italiani al lavoro in Europa che in patria Per gli italiani meglio andare a lavorare all’estero. È questo ciò che si evince dalla lettura del report di Eurostat (l’ente statistico comunitario), Eu citizens in other Eu Member States (Cittadini europei negli altri Stati membri dell’Ue). Se guardiamo i nu...
  • I disoccupati spendono in gioco d’azzardo? La mappa dell’Italia disperataJune 6, 2018 I disoccupati spendono in gioco d’azzardo? La mappa dell’Italia disperata Combattere la disoccupazione con il gioco d’azzardo. O meglio, considerare quest’ultimo come una modalità per garantirsi un reddito in mancanza di un lavoro. Ci sono delle zone d’Italia nelle quali questo accade. O, per essere più precisi, in cui esiste una correla...
  • Una sex worker ci spiega quanto sia difficile guadagnare onlineJuly 19, 2018 Una sex worker ci spiega quanto sia difficile guadagnare online Nel corso degli anni e dei viaggi in giro per il mondo mi sono fatto un’idea sul sex work. Magari mi sbaglierò, ma ho la sensazione che più ancora dei giudizi morali (e quindi irrilevanti) legati al vendere piacere sessuale, l’astio nei confronti di questa pratica derivi...
  • In Islanda la parità di stipendio tra donne e uomini diventa leggeJuly 10, 2018 In Islanda la parità di stipendio tra donne e uomini diventa legge In Islanda la parità di stipendio tra uomo e donna è legge. Aziende, istituzioni pubbliche e private, banche e qualsiasi altro datore di lavoro con più di 25 dipendenti dovranno assicurare alle donne di essere pagate quanto i loro colleghi uomini. Del resto, da nove anni...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *