Nuovo giro, nuovo nome: Google ci riprova con la messaggistica istantanea, e pare già pronta a pensionare Allo, app presentata solo qualche mese fa, per far spazio a una nuova piattaforma chiamata semplicemente Chat.
La notizia è stata battuta in anteprima dal sito The Verge, e quanto pare stavolta Big G vuole fare le cose in grande. L’obiettivo vero, infatti, non sarebbe solo quello di entrare nel complesso mondo della messaggistica (dove WhatsApp e WeChat dominano indisturbate), ma di sostituire del tutto i vecchi SMS. Con “Chat”, infatti, l’intento è quello di introdurre il protocollo RCS (Rich Communication Services), basato sulla trasmissione dei dati, in accordo con gli operatori telefonici. E sugli smartphone Android, “Chat” dovrebbe via via sostituire l’applicazione predefinita per l’invio dei messaggi. Un po’ come ha fatto Apple con iMessage, insomma, dove i messaggi fra iPhone vengono trasmessi con la connessione dati. È ipotizzabile, dunque, che anche “Chat” funzioni in modo simile fra device Android, ed è prevista anche una versione per desktop . Mentre rimane da capire come sarà strutturata nei casi di device con sistema operativo differente. Inoltre, secondo queste prime indiscrezioni, “Chat” non prevede l’introduzione della crittografia “end to end”, modalità che rende visibili i messaggi esclusivamente a chi li invia e a chi li riceve.
Un tentativo difficile
L’arrivo di “Chat” è previsto entro l’anno, e di fatto introdurrà funzioni ormai classiche nel mondo della messaggistica istantanea: dall’invio di foto e video, fino ad adesivi e Gif. Va detto, tuttavia, che il tentativo (l’ennesimo) di Google

Articoli correlati

  • Tim Senza limiti ti permette di chattare e ascoltare musica come vuoiApril 27, 2018 Tim Senza limiti ti permette di chattare e ascoltare musica come vuoi Non tutti i giga sono uguali, da quando gli smartphone sono diventate piattaforme multiuso con le quali navigare, ascoltare musica, chattare e restare sempre connessi proprio come impone la digital life. La generazione social, in particolare, utilizza lo smartphone sempre più come strument...
  • Gdpr al via: già denunciate Google e Facebook per «consenso forzato»May 25, 2018 Gdpr al via: già denunciate Google e Facebook per «consenso forzato» A poche ore dal debutto del Gdpr, c’è già chi potrebbe sperimentare le maxi-sanzioni della stretta europea sulla privacy. “None of your business” (letteralmente: non sono affari tuoi), un’associazione no profit fondata dall’avvocato austriaco Max Schre...
  • È sfida aperta sul mercato delle notizie: arriva Microsoft NewsJune 20, 2018 È sfida aperta sul mercato delle notizie: arriva Microsoft News Che il mercato delle news fosse al centro dei pensieri dell’industria tecnologica ne avevamo già le prove. Google, Apple e Facebook, nel corso degli ultimi dieci anni, hanno investito risorse importanti nel settore delle notizie. Ora si aggiunge Microsoft che ha appena annunciato M...
  • Come fare a meno di Google: missione difficile ma non impossibileMay 9, 2018 Come fare a meno di Google: missione difficile ma non impossibile Lo scandalo Cambridge Analytica ha catalizzato le attenzioni di mezzo mondo su Facebook. Il social network di Mark Zuckerberg è diventato, nel giro di pochi giorni, il capro espiatorio di un’epoca basata sui dati personali e sul business che gli gravita attorno. Eppure, nonostante Z...
  • Le 10 app più scaricate nella storia dell’App StoreJuly 10, 2018 Le 10 app più scaricate nella storia dell’App Store Per soffiare assieme alla Apple sulle dieci candeline della torta di compleanno del suo App Store, abbiamo “impacchettato” le applicazioni più desiderate (e scaricate) della sua storia, pronte da “spacchettare” e scoprire nella gallery qui in alto.  Dal 10 lugl...
  • YouTube Music, il rilancio la piattaforma musicale di GoogleMay 17, 2018 YouTube Music, il rilancio la piattaforma musicale di Google Con 1,5 miliardi di utenti mensili che fruiscono contenuti musicali, YouTube rimane la piattaforma di streaming numero uno al mondo per quanto riguarda la musica (e no solo). Ma mentre aumentano gli iscritti a servizi a pagamento come Spotify e Apple Music, anche la società gestita da...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *