Mark Zuckerberg ha dichiarato in un’intervista di essere d’accordo «nello spirito» con la Gdpr, il regolamento europeo sulla privacy che avrà efficacia dal 25 maggio. Fino ad oggi si pensava anche nella pratica, per ragioni logistiche: visto che tutti gli utenti di Facebook esterni a Stati Uniti e Canada sono gestiti dalla sede internazionale di Dublino, in Irlanda, la Gdpr dovrebbe riguardare sia i 370 milioni di utenti in Europa sia, e soprattutto, gli 1,5 miliardi di utenti sparsi nel resto del mondo, dal Sud Africa all’Indonesia. A quanto pare, non sarà così.
Un’inchiesta dell’agenzia britannica Reuters ha rivelato che Facebook è intenzionata a portare tutti gli utenti extra-europei sotto alla legislazione della California, sottraendoli alla legge irlandese e quindi ai paletti in arrivo con la Gdpr. Una mossa che equivale a “spostare” un miliardo e mezzo di persone nella giurisidizione americana, sfuggendo alle strettoie del regolamento in arrivo al 25 maggio. Proprio negli scorsi giorni Facebook aveva sponsorizzato una serie di aggiornamenti pensati nel rispetto delle nuove regole europee, dal consenso sui dati al riconoscimento facciale. Un’infornata di update che, però, avrà effetto solo su meno di 400 milioni di utenti sui più di 2 miliardi profili custoditi nei server dell’azienda di Menlo Park.

Tasse in Irlanda, dati in California Facebook rientra nella lunga lista di giganti tecnologici americani che hanno scelto di aprire una sussidiaria in Irlanda, nel 2008, approfittando del mix favorevole fra fisco leggero (la corporate tax è al 12,5%, un record su scala Ocse) e patti

Articoli correlati

  • Riconoscimento facciale e minori, come cambia Facebook per gli europeiApril 18, 2018 Riconoscimento facciale e minori, come cambia Facebook per gli europei   Sono giorni di intensa attività a Menlo Park. Restyling di sezioni delle Impostazioni, post che spiegano il funzionamento della macchina, come quello di ieri sulla gestione dei dati da parte di Facebook quando l’utente non è collegato. Ora, si parla dell’adat...
  • WhatsApp cambia regole: accesso vietato a chi ha meno di 16 anniApril 25, 2018 WhatsApp cambia regole: accesso vietato a chi ha meno di 16 anni Anche Whatsapp, la app di messaggistica istantanea comprata da Facebook nel 2014,si adegua alle nuove norme europee sulla privacy. In vista dell’applicazione della Gdpr, il regolamento che debutterà il 25 maggio, l’azienda ha alzato da 13 a 16 anni l’età minima pe...
  • Il ravvedimento operoso di FacebookMay 5, 2018 Il ravvedimento operoso di Facebook Durante la conferenza annuale dedicata agli sviluppatori di Facebook, la cosiddetta F8, Zuckerberg ha deciso di affrontare gli strascichi della vicenda Cambridge Analytica con un mix di ironia e soluzioni concrete.  La prima emerge nel corso della presentazione dei nuovi prodotti, quando Mar...
  • Perché è così difficile cancellarsi da Facebook?April 25, 2018 Perché è così difficile cancellarsi da Facebook? (Foto: Getty Images)Facebook è morto, lunga vita a Facebook. A valle dell’affaire Cambridge Analytica, in molti hanno dato per spacciato il social network di Zuckerberg, reo di aver utilizzato impropriamente (molto impropriamente) i dati in suo possesso, condividendo informazioni sen...
  • «Crescita a ogni costo», scriveva nel 2016 un top manager di FacebookMarch 30, 2018 «Crescita a ogni costo», scriveva nel 2016 un top manager di Facebook «Connettiamo le persone. Ecco perché tutto il lavoro che facciamo per la crescita è giustificato. Forse a qualcuno costa la vita perché si espone ai bulli, forse qualcuno muore in un attacco terroristico coordinato sulla nostra piattaforma. Ma connettere le persone &eg...
  • Le anticipazioni sulle scuse di Zuckerberg: «Avremmo potuto fare di più su fake news, odio e privacy»April 9, 2018 Le anticipazioni sulle scuse di Zuckerberg: «Avremmo potuto fare di più su fake news, odio e privacy» Il Congresso ha pubblicato il discorso che Mark Zuckerberg pronuncera’ davanti alla commissione sull’Energia a alla commissione sul Commercio della Camera mercoledi’. “E’ stato un mio errore, chiedo scusa”, si legge nella testimonianza preparata da Zuckerberg ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *