(foto: Sogin)Quando si parla di energia atomica, ogni decisione ha conseguenze a lunghissimo termine. Non solo perché le scorie impiegano secoli, se non millenni, prima di tornare inerti. Ma anche perché le operazione richieste per costruire, o smantellare, una centrale richiedono decenni di lavoro. È per questo che quando l’Italia ha detto di no al nucleare, forse non tutti si erano resi conto che le decisioni dei padri, in quel caso almeno, le avrebbero pagate i figli. Direttamente in bolletta.
Dal 2000 Sogin (società nata come costola dell’Enel e poi passata alle dirette dipendenze del ministero dell’Economia e delle finanze) si occupa del decommissioning italiano, cioè dello smaltimento delle quattro ex-centrali atomiche del nostro paese e delle scorie radioattive prodotte da altre fonti (impianti a scopo medico e di ricerca), sovvenzionata anche dai soldi prelevati direttamente dalle bollette elettriche degli italiani. Dopo 18 anni di attività è dunque lecito chiedersi: a che punto siamo? La risposta arriva direttamente dall’amministratore delegato Luca Desiata, che ha presentato a Roma i dati sulle attività di Sogin del 2017, e sui progetti previsti per il 2018.
Attività 2017
Lo scorso anno per Sogin – ha raccontato Desiata – è stato il secondo migliore da sempre in termini di attività di decommissioning. In totale, sono stati avviati progetti per 63,2 milioni di euro, cifra superiore del 13% alla media degli ultimi sette anni. La società inoltre ha diminuito fortemente l’organico, con un taglio del 6,4% dei costi per il personale. E ha incassato un accordo con la Nuclear

Articoli correlati

  • Deposito nucleare italiano, cosa significa gestire le scorie?March 30, 2018 Deposito nucleare italiano, cosa significa gestire le scorie? (Foto: Getty Images)Ci siamo quasi. A tre anni dalla stesura, la Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee (Cnapi), il documento che contiene la lista delle località compatibili alla costruzione del deposito nazionale delle scorie nucleari, sta per essere resa pubblica dal ministro ...
  • Nucleare, il governo pronto a indicare le aree per il deposito delle scorieMarch 21, 2018 Nucleare, il governo pronto a indicare le aree per il deposito delle scorie Scorie nucleari (foto Sogin)Il governo è pronto a pubblicare la carta con le aree adatte a ospitare il deposito nazionale delle scorie nucleari. La Cnapi (questo l’acronimo della mappa) evidenzierà i territori che hanno carte in regola per la costruzione del centro dove sarann...
  • Capire i cambiamentiMarch 4, 2018 Capire i cambiamenti L’articolo intitolato Futuri da leggere scritto da Luca De Biase e pubblicato domenica 25 febbraio 2018 su Nòva mi stimola a fare due osservazioni. La prima riguarda i metodi utilizzati per fare delle previsioni dalle varie organizzazioni citate, dal Club di Roma al pr...
  • Scorie nucleari, l’Italia rischia sanzioni dalla Corte di giustizia UeMay 17, 2018 Scorie nucleari, l’Italia rischia sanzioni dalla Corte di giustizia Ue Smaltimento di scorie nucleari (foto: LaPresse)L’Italia finisce davanti alla Corte di giustizia europea per non avere trasmesso per tempo alla Commissione europea il suo programma di gestione delle scorie nucleari. Ora il paese rischia una multa se non rimedierà in tempo utile. Roma ...
  • Elezioni, le iniziative delle aziende tech per facilitare il votoMarch 1, 2018 Elezioni, le iniziative delle aziende tech per facilitare il voto Foto: FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty ImagesIn occasione del voto di domenica 4 marzo, si moltiplicano le iniziative delle aziende per facilitare gli elettori, non solo dal punto di vista logistico. Per i cittadini di Roma e Milano, Uber mette a disposizione due corse promozionali per amici o f...
  • I sette motivi per cui i Millennials sono diversi dai loro nonniMarch 24, 2018 I sette motivi per cui i Millennials sono diversi dai loro nonni Partiamo dalle definizioni: i Millennials sono quelle persone che nel 2017 hanno una età compresa da 21 a 36 anni.  Per dirla in altro modo sono nati tra il 1981 e il 1996. Pew Interactive, centro di studi statuinitense, ha realizzato un nuovo grafico interattivo confrontand...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *