Embrioni e ogm: ecco i paesi più liberi di fare ricerca

È possibile misurare qualcosa come la libertà di fare ricerca scientifica? Un tentativo lo ha fatto Andrea Boggio, docente di Storia e scienze sociali alla Bryant University, I risultati sono stati presentati a Bruxelles, nell’ambito del quinto Congresso mondiale sulla libertà della ricerca scientifica, promosso dall’Associazione Luca Coscioni.
“Abbiamo sviluppato”, ha spiegato il docente dell’ateneo con sede in Rhode Island, “un indice che unisce diversi indicatori”. Due gli elementi esposti al pubblico nel corso dell’evento ospitato dal Parlamento europeo. Ovvero la libertà di usare gli embrioni in laboratorio e di fare ricerca sugli organismi geneticamente modificati (ogm).
Per quanto riguarda gli embrioni, in particolare, si è presa in considerazione la possibilità di fare innanzitutto ricerca di base. Ma anche il fatto che sia possibile condurre trial pre-clinici e clinici e infine di dare un’applicazione a quanto scoperto. I dati, raccolti attraverso un sondaggio, sottoposto a scienziati e ricercatori descrivono questa situazione:

“Il risultato”, ha sintetizzato Boggio, “è che solo pochi Paesi danno la possibilità di creare degli embrioni per la ricerca scientifica”. Ovvero Belgio e Cina, le due nazioni con l’indice più alto, Singapore, Spagna, Svezia, Regno Unito e Usa. “I trial preclinici sono permessi nella maggioranza dei Paesi, quelli clinici sono invece spesso proibiti”. Non solo. “Le leggi e i regolamenti sono spesso ambigui e non recenti. Quindi non tengono conto degli ultimi sviluppi scientifici e tecnologici”. Il primo passo per garantire il diritto alla scienza, la conclusione, “richiede che vengano riviste le politiche regolatorie”.
Oltre che sugli embrioni, Boggio si è concentrato anche

Articoli correlati

  • L’autoritratto di Michelangelo nascosto in uno dei suoi quadri famosiMarch 15, 2018 L’autoritratto di Michelangelo nascosto in uno dei suoi quadri famosi Un’immagine dell’imperituro scultore, pittore e artista italiano Michelangelo Buonarroti potrebbe nascondersi dentro un suo quadro, da lui dipinto nel 1525 e attualmente conservato al British Museum, in cui l’artista ritrae una sua cara amica, Vittoria Colonna, poetess...
  • Yanny o Laurel? Ecco la versione audio del vestito bianco o bluMay 16, 2018 Yanny o Laurel? Ecco la versione audio del vestito bianco o blu (foto: Pixabay)“Non c’è dubbio che dice Yanny, non capisco come si possa sentire la parola Laurel!”; “Anche io sento Yanny”; “Io invece sento proprio Laurel”. Questo lo scambio di battute avuto poco fa tra colleghi, frutto della nuova sfi...
  • Gioco d’azzardo, in calo tra i giovani, ma cresce tra gli adultiMay 3, 2018 Gioco d’azzardo, in calo tra i giovani, ma cresce tra gli adulti I giocatori d’azzardo sono sempre più adulti. Aumentano, infatti, quelli nella popolazione adulta, mentre diminuiscono quelli tra i 15 e i 19 anni di età. Mentre, In generale gli uomini (51,1%) giocano più delle donne (34,4%). Sono questi alcuni dei dati emers...
  • Ecco una nuova forma dell’acqua, solida e liquida allo stesso tempoFebruary 20, 2018 Ecco una nuova forma dell’acqua, solida e liquida allo stesso tempo Può l’acqua essere solida e liquida allo stesso tempo? Sembrerebbe assurdo, eppure un team di ricercatori del Lawrence Livermore National Laboratory e dell’Università della California-Berkeley è riuscito a ottenere una nuova forma dell’acqua, sottoponendola ...
  • Ecco lo “scaldabagno” più veloce del mondoMay 15, 2018 Ecco lo “scaldabagno” più veloce del mondo 0,000000000000075 secondi. È questa la velocità lampo impiegata dall’acqua per passare da una temperatura ambiente a quella di ben 100mila gradi centigradi. Tutto grazie a un nuovo dispositivo laser a raggi X: a riuscire nella straordinaria impresa sono stati i ricercatori sve...
  • Un nuovo algoritmo crea video da poche battute di testoFebruary 27, 2018 Un nuovo algoritmo crea video da poche battute di testo (Foto: Pixabay)Produrre una clip video con scene di vita reale a partire dai testi. I ricercatori della Duke University a Durham ci sono riusciti, tramite algoritmi di intelligenza artificiale che si basano sul machine learning. Per ora, i ricercatori hanno generato una serie di video d...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *