Dall’hiv alla mail, Grindr condivideva informazioni sensibili dei suoi utenti

L’app di dating Grindr permetteva a terze parti di conoscere i dati sensibili dei loro utenti, ad esempio se avevano o meno l’hiv. Parliamo di circa 3.6 milioni di utenti attivi al giorno in tutto il mondo. Due aziende, Apptimize e Localytics, ricevevano alcune informazioni che gli utenti dell’app di dating scelgono di condividere, comprese quelle sul virus e la data dell’ultimo test.
Secondo quanto riferito dal ricercatore della non-profit norvegese Sinteef Antoine Pultier a BuzzFeed News, le informazioni in merito alla sieropositività sono spedite alle altre app insieme a quelle ottenute dal gps, l’Id del telefono e la mail, il che consente un’identificazione precisa del soggetto.
Grindr ha risposto in un post ufficiale che nessuna di quelle informazioni è venduta a terze parti. Le due aziende di consulenza che avevano accesso ai dati erano deputate al miglioramento dell’app stessa e anzi, sottostavano a rigidi contratti in merito alla sicurezza dei dati ottenuti.
Il che, si è visto con Cambridge Analytica, non è esattamente sinonimo di garanzia sul futuro della privacy. Il punto infatti, non è la condizione contrattuale stabilita con i terzi, ma la condivisione con esterni all’azienda: “Anche se Grindr ha degli ottimi contratti che dicono che non possono fare niente con quelle informazioni, resta il fatto che esista un altro posto dove sono collocati dati altamente sensibili”, sottolinea a BuzzFeed News Cooper Quintin, dell’Electronic Frontier Foundation. Se qualcuno con intenti malevoli volesse sfruttarle, esisterebbe un altro posto a disposizione dove trovarle.
La categoria dello status hiv dell’app di incontri infatti, comprende anche ulteriori specifiche: chi vuole,

Articoli correlati

  • Dal salva password alla sicurezza, 5 estensioni utili per ChromeMay 2, 2018 Dal salva password alla sicurezza, 5 estensioni utili per Chrome Riempire il proprio browser di estensioni inutili, scaricate in preda alla foga, non è mai una buona idea. Potrebbero rallentare le prestazioni, oltre che occupare spazio inutile. Quindi, a ognuno la sua, in base alle proprie esigenze, e ricordando di tenere d’occhio l’aspetto ...
  • Stoya al Wired Next Fest: “Incolpare il porno per le molestie non serve a trovare una soluzione”May 26, 2018 Stoya al Wired Next Fest: “Incolpare il porno per le molestie non serve a trovare una soluzione” Come si sta evolvendo il mondo della pornografia, quali sono gli input che raccoglie dall’esterno per plasmarsi e rinnovarsi e come viene percepito dal resto del mondo? Sono domande alle quali non è facile trovare risposte soddisfacenti, ed è per questo che a tentare di rispon...
  • Gmail cambierà faccia nelle prossime settimaneApril 12, 2018 Gmail cambierà faccia nelle prossime settimane Una mail rivolta agli amministratori di G Suite fa trapelare un nuovo design di Gmail. Ancora difficile capire con esattezza cosa attenderà gli utenti, ma oltre alle anticipazione trapelate, Google ha confermato quando rivelato da The Verge: “Stiamo lavorando a importanti aggiornamen...
  • Kopel di WikiTribune al Wired Next Fest: “Ecco come aggiustare le fake news”May 26, 2018 Kopel di WikiTribune al Wired Next Fest: “Ecco come aggiustare le fake news” Non è un segreto che il livello di fiducia che il grande pubblico nutre nei confronti del mondo delle news come istituzione non sia esattamente alle stelle, da noi come altrove. Troppe le fonti che si contraddicono apertamente ed eccessivo il rumore di fondo dietro al quale le notizie si n...
  • Si chiama Norman Bates ed è la prima intelligenza artificiale psicopaticaJune 7, 2018 Si chiama Norman Bates ed è la prima intelligenza artificiale psicopatica Alfred HitchcockI precedenti: la Macchina degli Incubi (2016), l’intelligenza artificiale che applica filtri di terrore alle immagini e Shelley una collaborazione uomo-macchina per la scrittura collettiva di storie dell’orrore. Oggi è il turno della “prima intel...
  • Come importare Libero mail su Gmail in pochi secondiMay 7, 2018 Come importare Libero mail su Gmail in pochi secondi Come fare l’importazione di Libero mail su Gmail? L’inoltro delle mail e, più in generale, la gestione dell’indirizzo di posta elettronica sul popolare servizio di Google è possibile con alcuni piccoli stratagemmi. Rispetto a quanto possibile fino a qualche tempo f...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *