Ci volevano un tonfo in Borsa e uno scandalo, chiamato Cambridge Analytica, che non accenna a placarsi per convincere Facebook a semplificare la gestione della privacy sulla sua piattaforma.
Come annunciato la scorsa settimana prima da Zuckerberg e poi da un post sul blog, Facebook ha deciso di ridisegnare il menù privacy da mobile. E proprio nel giorno in cui fonti stampa assicurano che il ceo parlerà al Congresso, l’azienda rilascia una nota stampa: “Le impostazioni, prima distribuite su quasi 20 schermate diverse, ora sono accessibili da un unico luogo. Abbiamo anche eliminato le impostazioni obselete, in modo tale che sia chiaro quali informazioni possono o non possono essere condivise con le app”.
Facebook ricorda che dal menù si può attivare l’autenticazione a due fattori, controllare tutta l’attività svolta sulla piattaforma e nel caso cancellare post, gestire le informazioni che Facebook utilizza per mostrare le pubblicità, per avere un’idea più precisa di quali sono le proprie opzioni di fronte a determinati annunci e controllare chi vede i post e le informazioni personali.
Annunciato anche Accedi alle tue informazioni, “uno strumento che consente di eliminare qualunque cosa non si vuole più nel proprio diario o profilo su Facebook”.
Inoltre, la piattaforma assicura che sta rendendo “più semplice scaricare i propri dati condivisi con Facebook. È possibile scaricarne una copia sicura e anche spostarla in un altro servizio. Questo include foto caricate, contatti aggiunti all’account, post sul diario e altro”. Sono inoltre previsti altri aggiornamenti di semplificazione del linguaggio dei termini di servizio.
The post Facebook semplifica

Articoli correlati

  • L’81% del web contro Zuck: così la Rete ha scaricato mr FacebookApril 18, 2018 L’81% del web contro Zuck: così la Rete ha scaricato mr Facebook Dalle stelle alle stalle. Dopo lo scandalo Cambridge Analytica, il crollo in Borsa e la doppia testimonianza davanti al Congresso, quello che era considerato il golden boy dei social network ha visto la propria reputazione rotolare nella polvere. E visto che internet è misurabile, è...
  • Stretta di Facebook sulle inserzioni politiche: sapremo chi le paga e da dove arrivanoApril 7, 2018 Stretta di Facebook sulle inserzioni politiche: sapremo chi le paga e da dove arrivano Le inserzioni politiche sono il vero nervo scoperto di Facebook. Sul quel campo si sono giocati alcuni degli scandali più grossi che hanno travolto la società di Menlo Park, e che ancora oggi alimentano pesanti dubbi sul risultato di alcune elezioni. Proprio per questo, nelle ultim...
  • Cambridge Analytica, contrordine: gli utenti Facebook coinvolti sono 87 milioniApril 5, 2018 Cambridge Analytica, contrordine: gli utenti Facebook coinvolti sono 87 milioni (Immagini: geralt/pixabay/CC)Sale da 50 milioni a 87 milioni il numero degli utenti i cui dati sono stati raccolti da Cambridge Analytica, lo comunica Facebook  con un post sul proprio blog. Un’operazione trasparenza, un mea culpa del Ceo Mark Zuckerberg che, mercoledì prossimo,...
  • Facebook: i profili ceduti a Cambridge Analytica sono 87 milioni, 214mila italianiApril 5, 2018 Facebook: i profili ceduti a Cambridge Analytica sono 87 milioni, 214mila italiani Ora si fa sul serio. Dopo gli annunci dei giorni scorsi, Facebook è chiamata alla prova dei fatti. E con la pubblicazione di due comunicati ufficiali nel lasso di poche ore, arrivano dettagli importanti sulla storia di Cambridge Analytica e novità importanti circa le misure per il ...
  • Cambridge Analytica, Facebook rimanda l’uscita dei suoi smart speakerMarch 28, 2018 Cambridge Analytica, Facebook rimanda l’uscita dei suoi smart speaker (Photo by Justin Sullivan/Getty Images)Chi si ricorda di Aloha e Fiona? I nomi in codice probabilmente non suonano familiari al grande pubblico, ma chi segue le vicende del mondo della tecnologia probabilmente li ricorderà come gli speaker intelligenti in via di sviluppo presso Facebook, e...
  • Dopo Cambridge Analytica Facebook annuncia 6 cambiamentiMarch 21, 2018 Dopo Cambridge Analytica Facebook annuncia 6 cambiamenti (Photo: LOIC VENANCE/AFP/Getty Images)Dopo giorni di silenzio, pagati a caro prezzo a Wall Street, Facebook dice la sua sul caso Cambridge Analytica. Lo fa con un post del suo fondatore, che si scusa e si giustifica. E lo fa con un post sul blog, in cui spiega alcune novità che saranno int...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *