Che cos’è il boom sonico e perché è così rumoroso

Due jet sono passati velocemente sopra i cieli della Lombardia, a una velocità così alta da causare un boom sonico, un rumore simile a un’esplosione che ha spaventato parecchi cittadini. Ma che cos’è un boom sonico e perché genera un suono così potente? Ecco cosa risponde la scienza.
Ogni oggetto che produce rumore genera delle onde sonore (che altro non sono se non variazioni di pressione) che si diffondono nell’aria in modo uniforme e concentrico rispetto alla sorgente; se l’oggetto è in movimento, come nel caso di un aereo, queste onde saranno più ravvicinate nella direzione in cui l’oggetto procede e più diradate alle sue spalle.
Più un aereo va veloce, più le onde saranno compresse l’una vicina all’altra, finché, arrivati alla velocità del suono (nell’aria si parla di circa 340 metri al secondo a una temperatura di 15 gradi), queste onde si sommeranno l’una con l’altra: l’aereo a quel punto avrà sfondato il muro del suono, producendo un boato molto rumoroso (questo perché la sua intensità sarà la somma delle onde sonore prodotte) che continuerà fintanto che il volo proseguirà a velocità supersoniche ma sarà sentito solamente da chi finisce all’interno di quello che è chiamato cono di Mach e che segue l’oggetto in movimento (vedi l’estremo destro della figura qui sotto).

Solitamente, infatti, prima di vedere l’arrivo di un aereo che viaggia a velocità subsonica ne sentiamo il rumore. Se questo ha raggiunto velocità supersoniche, invece, capiterà il contrario: lo vedremo sfilare silenziosamente davanti a noi e ne sentiremo il rumore

Articoli correlati

  • Plastica: possiamo mangiarne più di 100 frammenti a pastoApril 11, 2018 Plastica: possiamo mangiarne più di 100 frammenti a pasto Potremmo ingoiare più di 100 minuscoli frammenti di plastica a ogni pasto principale. A raccontarlo sulle pagine di Environmental Pollution sono i ricercatori dell’Università di Heriot-Watt di Edimburgo, secondo cui la plastica, che può provenire da mobili e tessuti sin...
  • Anche i ciechi hanno un sonar biologico per orientarsi nello spazioFebruary 28, 2018 Anche i ciechi hanno un sonar biologico per orientarsi nello spazio Anche i ciechi sono abilissimi nel rilevare la presenza di oggetti presenti nello spazio circostante. Come? Attraverso un sistema del tutto naturale, un sonar biologico, chiamato ecolocazione (sì, quasi il superpotere di Daredevil dei fumetti e delle serie tv della Marv...
  • Tracce di cocaina ed eroina si trovano anche sulle dita di chi non fa uso di drogaMarch 22, 2018 Tracce di cocaina ed eroina si trovano anche sulle dita di chi non fa uso di droga Tracce di eroina e cocaina sulle nostre dita, o meglio sulle nostre impronte digitali. È quello che hanno scoperto i ricercatori inglesi dell’università di Surrey, che hanno raccontato su Clinical Chemistry come le droghe siano ormai talmente tanto diffuse che il 13% di c...
  • Tu cosa vedi e cosa senti? Ecco 8 esempi in cui ognuno risponde diversamenteMay 17, 2018 Tu cosa vedi e cosa senti? Ecco 8 esempi in cui ognuno risponde diversamente var galleryContent5afd780c97126 = { "ID": "210081", "title": "Tu cosa vedi e cosa senti? Ecco 8 esempi in cui ognuno risponde diversamente", "next_gallery_id": -1, "post_url": "https://www.wired.it/scienza/lab/2018/05/17/esempi-differenze-percezione/", "next_post_id": null, "is_ring": false...
  • Se la ricerca non è considerata un lavoroApril 14, 2018 Se la ricerca non è considerata un lavoro Fai ricerca? Allora non lavori. È la sgradevole sorpresa che molti ricercatori in questi giorni si trovano davanti mentre compilano il nuovo questionario del Consorzio interuniversitario AlmaLaurea sulla condizione occupazionale dei dottori di ricerca. Come ha segnalato un ricercatore ital...
  • Ecco lo “scaldabagno” più veloce del mondoMay 15, 2018 Ecco lo “scaldabagno” più veloce del mondo 0,000000000000075 secondi. È questa la velocità lampo impiegata dall’acqua per passare da una temperatura ambiente a quella di ben 100mila gradi centigradi. Tutto grazie a un nuovo dispositivo laser a raggi X: a riuscire nella straordinaria impresa sono stati i ricercatori sve...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *