Che cos’è il boom sonico e perché è così rumoroso

Due jet sono passati velocemente sopra i cieli della Lombardia, a una velocità così alta da causare un boom sonico, un rumore simile a un’esplosione che ha spaventato parecchi cittadini. Ma che cos’è un boom sonico e perché genera un suono così potente? Ecco cosa risponde la scienza.
Ogni oggetto che produce rumore genera delle onde sonore (che altro non sono se non variazioni di pressione) che si diffondono nell’aria in modo uniforme e concentrico rispetto alla sorgente; se l’oggetto è in movimento, come nel caso di un aereo, queste onde saranno più ravvicinate nella direzione in cui l’oggetto procede e più diradate alle sue spalle.
Più un aereo va veloce, più le onde saranno compresse l’una vicina all’altra, finché, arrivati alla velocità del suono (nell’aria si parla di circa 340 metri al secondo a una temperatura di 15 gradi), queste onde si sommeranno l’una con l’altra: l’aereo a quel punto avrà sfondato il muro del suono, producendo un boato molto rumoroso (questo perché la sua intensità sarà la somma delle onde sonore prodotte) che continuerà fintanto che il volo proseguirà a velocità supersoniche ma sarà sentito solamente da chi finisce all’interno di quello che è chiamato cono di Mach e che segue l’oggetto in movimento (vedi l’estremo destro della figura qui sotto).

Solitamente, infatti, prima di vedere l’arrivo di un aereo che viaggia a velocità subsonica ne sentiamo il rumore. Se questo ha raggiunto velocità supersoniche, invece, capiterà il contrario: lo vedremo sfilare silenziosamente davanti a noi e ne sentiremo il rumore

Articoli correlati

  • Maturità 2018, la soluzione del compito di matematicaJune 21, 2018 Maturità 2018, la soluzione del compito di matematica Maturità 2018: la prima prova è andata. E oggi i maturandi dei licei scientifici si sono cimentati con la seconda prova, quella di matematica. Al solito, l’esame si articola in due problemi e un questionario con 10 domande: gli studenti devono ris...
  • Ecco la regola fondamentale della plasticità cerebraleJune 25, 2018 Ecco la regola fondamentale della plasticità cerebrale I nostri cervelli sono notoriamente plastici: miliardi di neuroni possono modificare le proprie funzionalità creando semplicemente connessioni (sinapsi) nuove e più forti con altri neuroni. È così che il cervello riesce a modificare la propria struttura e le propr...
  • World No Tobacco Day: il consumo di tabacco è diminuito, ma non abbastanzaMay 31, 2018 World No Tobacco Day: il consumo di tabacco è diminuito, ma non abbastanza Nel mondo ci sono ancora 1,1 miliardi di fumatori, di cui oltre l’80% vive nei paesi a basso e medio reddito. E oltre 7 milioni di persone all’anno muoiono a causa del consumo di tabacco. Sono questi alcuni dei dati allarmanti che emergono dal nuovo rapporto dell’Organizzazione ...
  • Più sei giovane e ben istruito più sarai propenso a cambiare lavoroJuly 9, 2018 Più sei giovane e ben istruito più sarai propenso a cambiare lavoro Più sei giovane e ben istruito, più sarai propenso a cambiare lavoro. A raccontarlo sulle pagine dello European Journal of Work and Organizational Psychology è stato un team di ricercatori del Politecnico federale di Zurigo e della University of East Anglia che, confrontando ...
  • Tu cosa vedi e cosa senti? Ecco 8 esempi in cui ognuno risponde diversamenteMay 17, 2018 Tu cosa vedi e cosa senti? Ecco 8 esempi in cui ognuno risponde diversamente var galleryContent5afd780c97126 = { "ID": "210081", "title": "Tu cosa vedi e cosa senti? Ecco 8 esempi in cui ognuno risponde diversamente", "next_gallery_id": -1, "post_url": "https://www.wired.it/scienza/lab/2018/05/17/esempi-differenze-percezione/", "next_post_id": null, "is_ring": false...
  • Un “naso” artificiale comunica allo smartphone se il cibo è avariatoJune 28, 2018 Un “naso” artificiale comunica allo smartphone se il cibo è avariato Quando si tratta di olfatto, non sempre il naso può aiutarci. Soprattutto quando dobbiamo capire se il cibo è ancora commestibile oppure no. Ora a venirci in soccorso è un nuovo dispositivo messo a punto dai ricercatori dell’Università di Nanchino, in Cina, che s...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *