La nazione che ha assistito al calo più significativo delle domande di asilo in termini assoluti è la Germania, che pure lo scorso anno ha assorbito il 30,5% delle istanze di protezione internazionale presentate alle cancellerie europee. L’Italia, al contrario, è tra i Paesi che hanno visto crescere le richieste di asilo politico.
 
Questi i dati che saltano all’occhio dell’osservatore italiano tra quelli appena rilasciati da Eurostat sul tema dei migranti. Numeri che riguardano le cosiddette prime istanze, che danno cioè conto di coloro che per la prima volta hanno fatto richiesta di asilo. Se quindi qualcuno ci ha riprovato dopo una bocciatura, è escluso dal computo. Ora, secondo l’istituto europeo di statistica, lo scorso anno sono state 650mila le richieste di protezione internazionale. Un numero sostanzialmente dimezzato rispetto agli 1,2 milioni di istanze ricevute durante l’anno precedente.
 
Come detto, è la Germania la nazione che ha visto alleggerirsi maggiormente il peso. Berlino è passata infatti da 722mila a 198mila, una contrazione pari al 73%. Che pure non è bastata a frenare il malcontento popolare per la gestione del fenomeno da parte della cancelliera Merkel, che si è espresso in quel 12,6% ottenuto alle elezioni federali del settembre scorso dalla formazione di estrema destra Alternative fuer Deuschtland.
 
Addirittura più drastico, almeno in termini percentuali (-89%) il calo nell’Ungheria di un altro campione dell’estrema destra come Viktor Orbàn. Qui le richieste di protezione sono crollate in un anno da 28mila a poco più di 3mila. Ecco, nel dettaglio la situazione.
 

 
Nella parte sinistra del grafico

Articoli correlati

  • ScaleIT chiama i venture capital UsaMay 16, 2018 ScaleIT chiama i venture capital Usa «Finora negli Stati Uniti si è saputo poco o nulla di quello che succedeva nel mercato italiano dell’innovazione ma ora la situazione potrebbero cambiare». A parlare è Lorenzo Franchini, fondatore di ScaleIT, l’evento-piattaforma nato per favorire l’in...
  • Dove vanno a finire i soldi dell’Unione europea?March 16, 2018 Dove vanno a finire i soldi dell’Unione europea? La ripartizione della spesa da parte delle pubbliche amministrazioni è sempre uno dei temi più caldi quando si tratta di misurare il livello di attenzione da parte di un paese nei confronti dei cittadini. In attesa dei numeri per il 2017, Eurostat ha pubblicato i dati per il 2016 re...
  • Quali emozioni proviamo? Lo dice il colore del visoMarch 20, 2018 Quali emozioni proviamo? Lo dice il colore del viso (Foto: The Ohio State University)I colori sul volto possono essere una spia importante per riconoscere quali emozioni stiamo provando. Così, anche quando si è completamente immobili, il viso potrebbe tradire le nostre sensazioni, dalla paura alla rabbia, dalla tristezza a...
  • Olimpiadi a Torino, il Movimento 5 Stelle si divideMarch 12, 2018 Olimpiadi a Torino, il Movimento 5 Stelle si divide Le dichiarazioni di Beppe Grillo, che qualche giorno fa si è espresso a favore dei Giochi Olimpici 2026 a Torino, non hanno convinto i consiglieri comunali grillini, che non si sono presentati in Consiglio comunale, facendo mancare il numero legale per permettere alla sindac...
  • Europa, nel 2017 le emissioni di CO2 sono cresciute dell’1,8%May 23, 2018 Europa, nel 2017 le emissioni di CO2 sono cresciute dell’1,8% Da un punto di vista ambientale è un problema, da quello economico non necessariamente. Se è vero, come è vero, che la crisi economica aveva contribuito alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera, il fatto che nel 2017 siano aumentate su base tendenzial...
  • Lego perde pezzi: vendite in calo per la prima volta da 13 anniMarch 6, 2018 Lego perde pezzi: vendite in calo per la prima volta da 13 anni Alla Lego i segni di un piccolo cedimento si erano cominciati a intravedere nel giugno scorso. Quando, chiudendo il primo semestre dell’anno con le vendite in calo, l’azienda danese delle costruzioni giocattolo decise di licenziare 1.400 persone e avviare un reset (così lo chia...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *