Elezioni concluse, urne chiuse. Comincia il racconto del voto. Come dopo ogni tornata elettorale, quello che segue è la raccolta, l’analisi, il commento di esperti e addetti ai lavori, alla ricerca dei motivi del risultato e degli scenari futuri.
Alcune considerazioni emerse sono chiare e condivise. Il Movimento 5 Stelle è il primo partito italiano. Il Centrodestra è la prima coalizione. Nessuno ha la maggioranza necessaria per governare. I commentatori ci hanno raccontato di un Italia spaccata a metà tra nord e sud. È davvero così?
Partendo da queste considerazioni e sfruttando il lavoro di OnData per la raccolta dati, è stata costruita l’InfoData delle elezioni italiane. Le informazioni che contiene si concentrano sulle performance dei quattro partiti principali in ognuno degli oltre 7mila comuni italiani per quanto riguarda il voto alla Camera. La quattro mappe nella parte alta della grafica mostrano la distribuzione del voto di Forza Italia, Lega, Movimento 5 Stelle e Partito Democratico. La mappa nella parte bassa è invece colorata in base al partito che tra i quattro ha preso la percentuale più alta.
NB: La mappa non tiene in considerazione altri partiti più piccoli. Non tutti i comuni visualizzati hanno realmente avuto come primo partito uno dei quattro principali. È il caso, ad esempio, del Trentino, dove la Südtiroler Volkspartei ha ottenuto grandi risultati, ma non è considerato nella visualizzazione.
Accanto, ogni piccolo pallino rappresenta un comune. È possibile evidenziare i risultati dei 4 partiti su tutta la visualizzazione cliccando sulle icone dei suoi leader. Il menù a sinistra

Articoli correlati

  • Le quattro fotografie dell’Italia uscita dal voto. Cosa abbiamo imparatoMay 29, 2018 Le quattro fotografie dell’Italia uscita dal voto. Cosa abbiamo imparato Sono passati 79 dalle elezioni dell’11 maggio. A poche ora dalla chiusura delle urne i commentatori ci hanno raccontato di un Italia spaccata a metà tra nord e sud. È davvero così? Partendo da queste considerazioni e sfruttando il lavoro di OnData per la raccolta dati, ...
  • Governo Cottarelli, cosa succede adessoMay 29, 2018 Governo Cottarelli, cosa succede adesso Dopo la defezione di Giuseppe Conte, il capo dello Stato Sergio Mattarella ha convocato Carlo Cottarelli, il quale ha ricevuto formale incarico di formare un governo particolarmente attento alle necessità contabili dell’Italia. Ha accettato l’...
  • In Italia falliscono meno aziende. Il trend è in atto dal 2015, lo dice CervedMay 14, 2018 In Italia falliscono meno aziende. Il trend è in atto dal 2015, lo dice Cerved Fallimenti in calo nel primo trimestre dell’anno. Secondo i calcoli di Cerved, sono fallite soltanto 2945  (-4,6% rispetto ai 3.087 del primo trimestre 2017), confermando il trend positivo, in atto da dieci trimestri, che ha portato i default sui livelli dei primi anni Duemila (scarica...
  • I super-ricchi in Italia sono cresciuti a quota 274.000 nel 2017June 19, 2018 I super-ricchi in Italia sono cresciuti a quota 274.000 nel 2017   Cliccando dentro la bolla viola Europe e scegliendo alla voce country, Italy è possibile leggere i dati relativi ai super-ricchi del nostro Paese e confrontarlo con quello di altre nazioni. Nel 2017 per la prima volta la ricchezza complessiva degli high net worth individual (Hnwi, ...
  • Il Cavaliere dimezzato (ma salvo) e il Movimento inesistenteMay 10, 2018 Il Cavaliere dimezzato (ma salvo) e il Movimento inesistente (Foto: Lapresse) Di chi è la resa? Dei Cinque Stelle o di Berlusconi? A conti fatti, fra chi ci guadagna in influenza e chi ci perde in credibilità, è ancora una volta l’ex cavaliere a uscirne mezzo salvo. Vero, era stato messo all’angolo dalla possibilità ...
  • Salute percepita: italiani bene ma non benissimo. 6 persone su 100 sono depresseApril 6, 2018 Salute percepita: italiani bene ma non benissimo. 6 persone su 100 sono depresse Secondo gli ultimi dati resi noti da Eurostat sulla salute percepita, fisica e mentale, nel 2016 gli italiani hanno dichiarato di stare meglio rispetto alla media dei paesi europei. La maggior parte della popolazione con più di 16 anni (circa 7 persone su 10) giudica positivo il proprio st...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *