La tecnologia per l’inclusione socio educativa e per garantire lo studio a chi non può frequentare le lezioni in classe per motivi di salute. È questo l’obiettivo del progetto Tris giunto alla sua seconda fase e realizzato da Fondazione Tim in collaborazione con Cnr – Istituto delle Tecnologie Didattiche e Anp – associazione nazionale dei dirigenti pubblici e delle alte professionalità della scuola per portare la scuola a casa dei piccoli malati.
Una delle principali novità è la realizzazione, grazie all’Anp, del primo censimento in Italia dei ragazzi che non possono frequentare normalmente le lezioni in aula per fotografare questa realtà che al momento non si avvale di statistiche aggiornate. E accanto a questo sarà, inoltre, realizzata una mappatura delle pratiche adottate ad oggi nelle scuole, in assenza di una soluzione certificata e valida per tutti, per gestire questi casi di mancata frequenza.
Contestualmente verrà realizzata una piattaforma online per l’erogazione di un Massive Open Online Course (Mooc) sul modello Tris, che sarà accessibile a tutti i docenti, che potranno fruire di un corso certificato, corredato di tutoring da parte dei ricercatori del Cnr-Itd.
“TrisS” (Tecnologie di Rete e Inclusione Socio-educativa), è stato sperimentato dal 2013 al 2017 da Cnr-Itd di Genova, su richiesta del Miur, con il sostegno di Fondazione Tim, su tre studenti costretti a casa da una grave forma allergica (Mcs) e uno in attesa di trapianto e ha coinvolto 10 classi, con oltre 150 alunni e 112 docenti. Il modello ha dato vita a una cosiddetta classe ibrida che

Articoli correlati

  • È Vodafone l’operatore migliore sul 4G, secondo Open SignalMay 16, 2018 È Vodafone l’operatore migliore sul 4G, secondo Open Signal È Vodafone l’operatore migliore sul 4G, secondo le rilevazioni di Open Signal, appena pubblicate: è il più veloce in download, upload e quello che offre una più ampia copertura di rete. Tim però è il migliore sulla latenza 3G/4G e nella velocit&agr...
  • Iliad, occhio ai costi imprevistiJuly 2, 2018 Iliad, occhio ai costi imprevisti L’operatore francese Iliad non smette di far parlare di sé, vuoi per il quantitativo di persone già passate ai suoi servizi, vuoi per ragioni meno piacevoli come i problemi emersi nel corso degli ultimi giorni. Alle porte del weekend appena conclusosi, gli utenti che si sono l...
  • La blockchain va bene anche per i bond. Dopo i primi esperimenti in Regno Unito, c’è chi ci pensa anche in ItaliaJune 25, 2018 La blockchain va bene anche per i bond. Dopo i primi esperimenti in Regno Unito, c’è chi ci pensa anche in Italia La blockchain è sbarcata anche sul mercato obbligazionario. Lo scorso autunno, infatti, è stato emesso il primo bond denominato in criptovaluta, con un processo di emissione, liquidazione e regolamento condotto esclusivamente in ambiente blockchain. Men...
  • I supermercati italiani guadagnano dall’ecommerce lo 0,5% del fatturatoApril 30, 2018 I supermercati italiani guadagnano dall’ecommerce lo 0,5% del fatturato Shopping cart in a grocery storeLa liaison tra la grande distribuzione organizzata (gdo) e l’ecommerce è ancora di stampo adolescenziale, ma se le frequentazioni dovessero proseguire con questo ritmo, le cose potrebbero presto cambiare. Per far sì che la relazione ma...
  • Il debutto a ostacoli di Iliad: vantaggi low cost e questione sicurezzaJune 4, 2018 Il debutto a ostacoli di Iliad: vantaggi low cost e questione sicurezza La home page è abbastanza scarna, ma efficace a trasmettere l’unico e semplice messaggio: potere telefonare a piacimento e mandare tutti gli SMS che volete col vostro smartphone, 30 giga di traffico internet a soli 5,99 euro al mese. Dopo quasi due anni di attesa, sbarca in Italia l...
  • Iliad contro tutti, ecco le tariffe low cost che offrono gli altriJune 11, 2018 Iliad contro tutti, ecco le tariffe low cost che offrono gli altri (Foto: Lorenzo Longhitano)Con l’arrivo di Iliad in Italia anche chi non aderirà all’aggressiva offerta dell’operatore francese potrebbe finire col trarre benefici dalla situazione di concorrenza che si è creata con gli altri soggetti del settore. Molti degli operat...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *