L’autoritratto di Michelangelo nascosto in uno dei suoi quadri famosi

Un’immagine dell’imperituro scultore, pittore e artista italiano Michelangelo Buonarroti potrebbe nascondersi dentro un suo quadro, da lui dipinto nel 1525 e attualmente conservato al British Museum, in cui l’artista ritrae una sua cara amica, Vittoria Colonna, poetessa e nobildonna italiana, sua contemporanea. Questa auto-caricatura sembrerebbe celarsi fra le pieghe dell’abito della donna e il suo addome: in questo punto (indicato in figura con la lettera B), se si osserva con attenzione si può vedere un uomo che protende il braccio, intento a disegnare. Questo dettaglio è stato rilevato in un lavoro di Deivis de Campos, dell’Università federale di Scienze della salute di Porto Alegre. Lo studio è stato pubblicato su Clinical Anatomy. L’autore è riuscito a catturare questo dettaglio e a studiarne meglio le caratteristiche. Ecco una riproduzione del dipinto originale.
(Foto: Public domain)Se ci si avvicina con lo sguardo verso il braccio destro di Vittoria Colonna, si scorgerà il profilo ben tratteggiato di una persona che sta disegnando o dipingendo. La figura è ben nascosta ed molto più piccola rispetto a quella della donna raffigurata nel quadro. che la letteratura indica che che è riuscito a catturarlo e a fornire alcune ipotesi sulle caratteristiche di questo dettaglio.
Intanto, con questa sua raffigurazione, Michelangelo fornisce anche indicazioni sulle proprie dimensioni corporee e dunque sul suo stato di salute all’epoca, spiega l’autore del paper. Insomma, il più grande anatomista dei tempi ha lasciato informazioni anche sulla propria, di anatomia. La posizione in cui si è raffigurato, ad angolo acuto, in particolare, segnala che la persona

Articoli correlati

  • Ecco la regola fondamentale della plasticità cerebraleJune 25, 2018 Ecco la regola fondamentale della plasticità cerebrale I nostri cervelli sono notoriamente plastici: miliardi di neuroni possono modificare le proprie funzionalità creando semplicemente connessioni (sinapsi) nuove e più forti con altri neuroni. È così che il cervello riesce a modificare la propria struttura e le propr...
  • Yanny o Laurel? Ecco la versione audio del vestito bianco o bluMay 16, 2018 Yanny o Laurel? Ecco la versione audio del vestito bianco o blu (foto: Pixabay)“Non c’è dubbio che dice Yanny, non capisco come si possa sentire la parola Laurel!”; “Anche io sento Yanny”; “Io invece sento proprio Laurel”. Questo lo scambio di battute avuto poco fa tra colleghi, frutto della nuova sfi...
  • Ecco lo “scaldabagno” più veloce del mondoMay 15, 2018 Ecco lo “scaldabagno” più veloce del mondo 0,000000000000075 secondi. È questa la velocità lampo impiegata dall’acqua per passare da una temperatura ambiente a quella di ben 100mila gradi centigradi. Tutto grazie a un nuovo dispositivo laser a raggi X: a riuscire nella straordinaria impresa sono stati i ricercatori sve...
  • Scoperti altri neuroni responsabili del senso di fameJuly 6, 2018 Scoperti altri neuroni responsabili del senso di fame Quando ci sentiamo affamati, sappiamo che il nostro cervello ci sta mandando dei segnali in codice. Più precisamente, a parlarci è l’insula, un’area cerebrale coinvolta, tra le altre cose, nella conversione dei segnali in sensazioni, come appunto il senso di fame. Ma ora...
  • Se l’orologio biologico è sfasato, aumenta il rischio di disturbi dell’umoreMay 17, 2018 Se l’orologio biologico è sfasato, aumenta il rischio di disturbi dell’umore Se il nostro orologio interno è sballato, lo sarà anche il nostro umore. È questa la conclusione a cui sono giunti i ricercatori scozzesi dell’Università di Glasgow, che nel loro studio, appena pubblicato su Lancet Psychiatry, dimostrano che nei periodi in cui il...
  • Anche sotto anestesia, il nostro cervello rimane vigileJuly 5, 2018 Anche sotto anestesia, il nostro cervello rimane vigile Per molti di noi, il solo sentire “anestesia generale” può essere motivo di puro spavento e panico. Se da una parte, infatti, sappiamo che grazie all’anestesia non sentiamo alcun dolore durante un’operazione, dall’altra il fatto di non essere coscienti pu...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *