Secondo le Nazioni Unite Facebook alimenta l’odio contro le minoranze in Myanmar

Facebook sta giocando un ruolo predominante di diffusione di incitamento all’odio in Myanmar, teatro di una crisi e di un possibile genocidio. Questo il parere delle Nazioni Unite. E proprio da Marzuki Darusman, presidente dell’Independent International Fact-Finding Mission delle Nazioni Unite in Myanmar, ha dichiarato ai giornalisti che i social media hanno svolto un “ruolo determinante” in Myanmar. 
Vittima della crisi birmana è l’etnia Rohingya, una minoranza musulmana costretta a fuggire dalla sua regione d’origine, Rakhine. Gli esperti di diritti umani parlano senza mezze misure di una vera e propria pulizia etnica in corso da questa estate, che avrebbe colpito oltre 700mila persone (secondo Amnesty International, come riporta Repubblica), costrette ad abbandonare la loro terra per rifugiarsi nel vicino Bangladesh.
Miccia del dramma sarebbe stata la risposta dell’esercito birmano agli attacchi dell’Arakan Rohingya Salvation Army, che insorgeva proprio contro l’oppressione governativa. Testimonianze parlano di interi villaggi bruciati (350) e terribili crimini contro l’umanità perpetrati nel corso di questi mesi.
Un’operazione che sarebbe stata foraggiata da una vera e propria propaganda tesa ad accentuare l’acredine presso l’opinione pubblica sfruttando i social media. E i social media in Myanmar, ha detto Darusman, sono Facebook.
A confermarlo è l’investigatrice per le Nazioni Unite, la psicologa Yanghee Lee Ashin Wirathu, che ha confermato che il social network di Mark Zuckerberg rappresenta una grande fetta della vita pubblica e privata e che viene utilizzata dal governo per diffondere informazioni. E ognuno, fa il suo gioco: “Veniva usato per trasmettere messaggi pubblici, ma sappiamo che i buddisti ultra-nazionalisti hanno il loro seguito su Facebook e stanno davvero scatenando molta violenza e molto odio

Articoli correlati

  • WhatsApp è l’app più usata in ItaliaMarch 20, 2018 WhatsApp è l’app più usata in Italia (Foto: Vincos.it – Vincenzo Cosenza)Gli italiani preferiscono WhatsApp e, almeno da mobile, non c’è Facebook che tenga. Questo è quello che emerge dalla classifica delle applicazioni più utilizzate su scala mondiale – in termini di utenti attivi al...
  • Instagram nell’ecommerce: sperimenta un sistema di pagamentoMay 4, 2018 Instagram nell’ecommerce: sperimenta un sistema di pagamento Dopo “i piani di Facebook per non farti uscire più da Facebook”, tocca a Instagram, che sta predisponendo tutto per fare in modo che si possa acquistare direttamente all’interno dell’applicazione. Il social network fotografico sta testando un sistema nativo di pagam...
  • Cos’è CubeYou, l’azienda dal ceo italiano che è stata bloccata da FacebookApril 10, 2018 Cos’è CubeYou, l’azienda dal ceo italiano che è stata bloccata da Facebook Altro giro, altra corsa. Che Cambridge Analytica potesse rappresentare solo la punta dell’iceberg di un sistema di gestione dei dati che zoppicava qua e là, qualcuno lo aveva ipotizzato. Proprio mentre Mark Zuckerberg prepara le sue udienze davanti al Congresso degli Stati Uniti, una...
  • Facebook testa la “Visualizzazione griglia” ed è subito InstagramMay 17, 2018 Facebook testa la “Visualizzazione griglia” ed è subito Instagram Se ne scopre sempre una. L’attuale modalità con la quale vediamo i post di Facebook del nostro profilo si chiama “Visualizzazione lista”. Dormiremo sonni tranquilli anche stanotte. Nella versione desktop del social network però, è comparsa un’opzione d...
  • Instagram introduce un nuovo filtro per fermare il cyberbullismoMay 2, 2018 Instagram introduce un nuovo filtro per fermare il cyberbullismo Mentre dal palco dell’F8 di San Josè Mark Zuckerberg apre le frontiere di Facebook al dating, Instagram introduce un nuovo filtro anti-bulli. Meno di un anno fa il social network aveva annunciato l’utilizzo del machine learning contro spam e commenti offensivi in otto...
  • Attacchi alle donne, Amnesty International contro TwitterMarch 21, 2018 Attacchi alle donne, Amnesty International contro Twitter Amnesty International contro Twitter. A detta dell’organizzazione, il social network non sta facendo abbastanza per evitare che la piattaforma sia un luogo tossico per le donne e che non intervenga in maniera decisiva quando gli abusi vengono portati alla sua attenzione, anch...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *