Terza e ultima puntata  della nostra storia interattiva per raccontare come è cambiata l’Italia. La nostra analisi non si è fermata a raccontare l’Italia dei residenti stranieri con il loro numero, ma ci siamo chiesti quali sono stati i movimenti in questi ultimi anni, raccogliendo anche le informazioni relative al bilancio demografico, i cui dati sono disponibili sul sito dell’istat e arrivano fino al 2016.
Per questo motivo abbiamo sviluppato un’ulteriore grafica, che mostra i flussi di cittadini stranieri dal 2012 al 2016. L’idea era quella di cercare di capire i motivi per cui sono stati registrati nuovi residenti in questi anni, ovvero da dove arrivano i nuovi cittadini dei nostri comuni. Nella visualizzazione i flussi blu rappresentano i nuovi acquisiti, mentre quelli arancioni i residenti stranieri persi. È possibile evidenziare il grafico per le diverse motivazioni: acquisizione di cittadinanza italiana, nuovi nati, provenienti da altri comuni italiani, provenienti dall’estero. Oppure persi perché spostati in altri comuni italiani, all’estero o deceduti. Gli estremi dei flussi sono le regioni italiane, ma tramite il menù a tendina è possibile filtrare le singole regioni e trasformare questi estremi nelle province della regione di riferimento. Passando con il mouse su regioni/province è possibile svelare i numeri dietro questi flussi.

 
In generale i cittadini acquisiti sono in numero superiore a quelli persi. Nel 2016 sono stati 823mila 428, contro 399mila 371 persi che danno un bilancio di +424mila 057. I motivi sono svariati. Tra i persi la motivazione notevolmente più grande delle altre è un trasferimento dei residenti

Articoli correlati

  • Benzina, gasolio e Gpl: quanto ci è costato usare l’auto negli ultimi dieci anniApril 30, 2018 Benzina, gasolio e Gpl: quanto ci è costato usare l’auto negli ultimi dieci anni Sebbene negli ultimi dieci anni ci siano stati andamenti particolarmente altalenanti, i primi mesi del 2018 hanno fatto registrare prezzi molto simili alle medie sul passato decennio per quanto riguarda i principali carburanti sul territorio italiano. Nell’infografica che segue sono riporta...
  • Benzina, gasolio e Gpl: quanto ci è costato usare l’auto negli ultimi dieci anniMay 5, 2018 Benzina, gasolio e Gpl: quanto ci è costato usare l’auto negli ultimi dieci anni Sebbene negli ultimi dieci anni ci siano stati andamenti particolarmente altalenanti, i primi mesi del 2018 hanno fatto registrare prezzi molto simili alle medie sul passato decennio per quanto riguarda i principali carburanti sul territorio italiano. Nell’infografica che segue sono riporta...
  • Un’llusione ottica impazza sul web: i colori svaniscono se li fissiApril 11, 2018 Un’llusione ottica impazza sul web: i colori svaniscono se li fissi (Foto: NightBreeze13/Reddit)Giallo, arancione, blu, rosa, viola. Sono questi i colori dell’immagine statica apparsa ieri sul sito Reddit, che ha proposto l’illusione ottica. Basterà guardare fisso il punto centrale della figura (il puntino nero, vedi sotto) da 20 secondi ...
  • Davvero in Italia sono diminuite le auto blu?April 4, 2018 Davvero in Italia sono diminuite le auto blu? Auto blu fuori dal Quirinale (Foto Fabio Cimaglia / LaPresse)Le auto blu sono uno dei simboli più additati dei costi della politica. La battaglia per ridurle è partita nel 2012. E ha avuto uno dei picchi d’immagine nel 2015, quando l’allora premier Matteo Renzi annuncia ...
  • Il declino delle auto   diesel pesa sui consumi di platinoMay 15, 2018 Il declino delle auto diesel pesa sui consumi di platino Il calo delle vendite di automobili diesel sta pesando sui consumi di platino, avverte Johnson Matthey, uno dei maggiori produttori di marmitte catalitiche. In futuro tuttavia potrebbero essere le celle a idrogeno a risollevare le sorti del metallo, le cui quotazioni questo mese sono crollate s...
  • Voto ai partiti, lavoro e titolo di studio. Proviamo a unire i puntiniMay 30, 2018 Voto ai partiti, lavoro e titolo di studio. Proviamo a unire i puntini Capire perché le persone fanno quel che fanno e votano quel che votano è difficile. I dati sono scarsi e spesso poco recenti o non dettagliati abbastanza, e in più nelle scienze sociali stabilire legami di causalità fra elementi diversi spesso è tutt’altro...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *