Le leggende metropolitane sulle elezioni

(foto: MIGUEL MEDINA/AFP/Getty Images)Cinque anni fa, all’apice della febbre elettorale per le elezioni politiche, scoppiò il caso delle matite leccate. Il passaparola era semplice: bisognava umettare la matita con la saliva, altrimenti i poteri forti™ avrebbero potuto cancellare la nostra scelta. Tutto è nato, sembra, da una frase probabilmente scherzosa di un comico. Presa sul serio, ha cominciato a vivere di vita propria anche grazie a una sentenza del Consiglio di Stato che, letta attraverso le lenti invertite del confirmation bias, sembrava dare un fondamento giuridico alla strategia anti-brogli.
Forse è proprio ricordando quella ingenuità del 2013 che qualcuno si è già messo avanti col trolling, invitando per esempio a bruciare la propria tessera elettorale per verificarne l’autenticità.

Ma se è facile darsi di gomito e deridere chi può crededere a questo genere di storie, la realtà è che le elezioni sono il terreno ideale per la creazione di leggende metropolitane senza distinzione di schieramento: probabilmente molti di noi hanno creduto a qualcuna di esse.
Il complotto del 2006
Le accuse di brogli nelle elezioni italiane hanno una storia molto antica, e non siamo certo il solo paese a cui piace fare questo gioco. A questo turno è spuntato addirittura il tagliando antifrode, proprio con l’obiettivo di limitare le possibilità di irregolarità. La sicurezza non è mai troppa, ma quanto è facile, nella pratica, pilotare il risultato delle elezioni? La burocrazia che tanto odiamo in altri contesti in questo caso fa sì che sia molto laborioso (e rischioso) tentare qualche scorciatoia. Questo non vuol dire che sia impossibile, in particolare la preoccupazione

Articoli correlati

  • #senzadime, l’umore degli elettori del Pd su TwitterMarch 7, 2018 #senzadime, l’umore degli elettori del Pd su Twitter (foto: MIGUEL MEDINA/AFP/Getty Images)Dalle urne sono uscite poche certezze per la governabilità dell’Italia. Nessun partito o coalizione ha raggiunto il 40%, la soglia per ottenere la maggioranza assoluta. Si sono aperti quindi degli scenari di intese che stanno facendo discutere. T...
  • A Torino è stato registrato all’anagrafe un bimbo con due mammeApril 23, 2018 A Torino è stato registrato all’anagrafe un bimbo con due mamme Lunedì 23 aprile passerà alla storia per essere il giorno in cui in Italia un bambino nato da due genitori dello stesso sesso è stato registrato all’anagrafe. La firma sull’atto è quella del sindaco Chiara Appendino che era intervenuta in prima persona...
  • Quando il populismo invade la pubblicità: il caso Moby-TirreniaMarch 13, 2018 Quando il populismo invade la pubblicità: il caso Moby-Tirrenia Ieri tutti gli amanti del calcio che hanno comprato la Gazzetta dello Sport per vedere i commenti delle partite, si sono trovati di fronte a una pubblicità che ha fatto storcere la bocca a molti, almeno a giudicare dai tanti commenti sui social. Si tratta di una campagna istituzionale del ...
  • Elezioni 2018, cosa promettono i partiti su startup e banda largaFebruary 7, 2018 Elezioni 2018, cosa promettono i partiti su startup e banda larga (foto: Getty Images)Intelligenza artificiale, internet of things, reti 5G, blockchain, industria 4.0 e chi più ne ha, più ne metta: l’innovazione tecnologica e digitale è diventata cruciale per le prospettive di crescita economica delle nazioni avanzate (e non solo...
  • Se l’autobus non si ferma perché alla fermata ci sono solo immigratiMarch 14, 2018 Se l’autobus non si ferma perché alla fermata ci sono solo immigrati Sembrano cose piccole, trascurabili, per le quali potremmo trovare senza problemi una qualche giustificazione. E invece no. Un autobus che salta la “fermata dei migranti”, quella dove si raduna la maggior parte di quelli che abitano al campo di accoglienza di Marco, frazione di Rovere...
  • Come si scrive il testamento biologico?February 8, 2018 Come si scrive il testamento biologico? Ci ha fatto scrivere, discutere, emozionare. Ma fino alla scorsa settimana il testamento biologico rimaneva un concetto teorico, ancora non più di una legge pubblicata in gazzetta ufficiale. Ora le cose sono cambiate: con la vicenda di Patrizia Cocco, prima italiana che ha potuto scegliere...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *