Come cambia l’illuminazione pubblica: dai primi lampioni del passato alla città ultra-connessa

L’invenzione della prima lampada rudimentale, secondo le ricostruzioni storiche, risale grossomodo a 70mila anni fa. Inizialmente si trattava di semplici involucri resistenti al calore riempiti con materiale organico (di solito grasso animale), a cui poi si dava fuco. Solo successivamente furono aggiunti gli stoppini per controllare la velocità di combustione. Circa 6mila anni fa fu realizzata la prima lampada a olio, mentre 5mila anni fa presero forma le prime candele, e da allora l’illuminazione domestica e pubblica è evoluta in un lungo percorso di continue innovazioni.
Dobbiamo attendere fino al Diciottesimo secolo per l’invenzione del primo bruciatore centrale per le lampade a olio, fondamentale per regolare la velocità di combustione e quindi l’intensità dell’illuminazione. Nascono così le prime forme di illuminazione pubblica delle strade, ovviamente non centralizzate e che richiedevano l’accensione e lo spegnimento manuale di ciascun punto di luce. Dopo la tecnologia a olio fu il momento della combustione a gas, con lampade che per la prima volta iniziarono a somigliare agli attuali lampioni cittadini. E con sistemi che, finalmente, potevano essere gestiti in maniera centralizzata, proprio come accadde per la prima volta a Parigi nel 1825.
Nel corso del Diciannovesimo secolo però cambia tutto, di nuovo. L’arrivo delle lampadine elettriche rivoluziona tutta l’illuminazione privata e pubblica: una tecnologia che oggi definiremmo disruptive. Così New York, seguita a ruota anche da Torino e Milano, diventa la prima città illuminata con lampioni dalla forma analoga a quelli moderni.
Però la storia non finisce qui. Il Ventesimo secolo vede non solo lo sviluppo di innumerevoli soluzioni tecniche e ingegneristiche per

Articoli correlati

  • Il primo cyberattacco? Duecento anni fa, ai telegrafiMay 31, 2018 Il primo cyberattacco? Duecento anni fa, ai telegrafi Ma quale Mr Robot, ma quali malware, ma quali invenzioni. Il tentativo di boicottare macchine e dati, piegandoli ai propri interessi, è iniziato molto prima che qualcuno possa anche solo aver avuto l’idea di mettere tutto in una sceneggiatura, e poi su schermo. Duecento anni fa, si p...
  • Avremo mai nella realtà le tecnologie di Westworld?June 11, 2018 Avremo mai nella realtà le tecnologie di Westworld? Fin dalla prima puntata uno degli aspetti più interessanti di Westworld non ha riguardato tanto la narrativa, quanto la tecnologia. Un parco a tema interattivo in cui replicare le avventure del Selvaggio West, dell’epoca Tokugawa o dell’India coloniale è qualcosa che tra...
  • Il Ceo di Google: “Non stiamo sviluppando Intelligenza Artificiale per le armi”June 8, 2018 Il Ceo di Google: “Non stiamo sviluppando Intelligenza Artificiale per le armi” Le notizie più recenti parlavano di una serie di linee guida che Google avrebbe stilato per uscire dall’impiccio delle proteste sulla sua collaborazione con il Pentagono. E infatti eccole spuntare in un post del Ceo Sundar Pichai. Questo, dopo l’invito di migliai...
  • Connected City: la città del futuro passa attraverso dati e tecnologiaMay 31, 2018 Connected City: la città del futuro passa attraverso dati e tecnologia Il 6 giugno alle Officine Grandi Riparazioni di Torino al via la prima edizione del programma nazionale di open innovation di Talent Garden che chiama a raccolta i protagonisti della città per condividere idee e identificare progetti che possano contribuire all’evoluzione della citt&...
  • Un Idroscalo sempre più innovativo con Gruppo CapJune 15, 2018 Un Idroscalo sempre più innovativo con Gruppo Cap L’estate avanza e anche per i milanesi, di nascita o acquisiti, è tempo di vivere sani momenti di relax all’aperto. E se il vecchio refrain sottolinea che in città c’è tutto ma non il mare, è anche vero che da 90 anni i milanesi hanno una meta special...
  • La rete Tre non funziona in tutta Italia (e l’help desk neppure)July 10, 2018 La rete Tre non funziona in tutta Italia (e l’help desk neppure) (Foto: Flickr_Garry Knight)Le prime ore di martedì 10 luglio sono traumatiche per i clienti dell’operatore telefonico 3. La connessione mobile non funziona su tutta la rete nazionale e molti utenti annunciano disservizi anche per quanto riguarda la voce e gli sms. Pochi minuti dopo l...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *