Elezioni 2018, quanto costano le riforme promesse dai partiti

Ogni promessa è debito, recita un adagio popolare. E lo è, a maggior ragione, ogni promessa elettorale. Senza coperture, le riforme proposte dai partiti per vincere le elezioni del 4 marzo rischiano di allargare la voragine, già vertiginosa, del debito pubblico nazionale. Alla fine del 2017 per la Banca d’Italia ha raggiunto quota 2.256,1 miliardi di euro, 36,6 miliardi in più rispetto al 2016. E che effetti potranno avere i programmi dei principali partiti sulla tenuta delle finanze pubbliche? L’Osservatorio sui conti pubblici dell’università Cattolica di Milano, guidato dall’ex commissario per la spesa pubblica Carlo Cottarelli, ha passato al setaccio i numeri delle riforme proposte. Dal reddito di cittadinanza del Movimento 5 stelle al reddito di dignità firmato Forza Italia, dalla flat tax del Centrodestra all’assegno mensile per i figli a carico proposto dal Partito democratico, cercando coperture e conseguenze sul debito pubblico. Non tutti i partiti, però, hanno dettagliato costi e spese delle proprie riforme. Né chi lo ha fatto è stato preciso e circostanziato. Questa la situazione generale:

Tabella 1Infogram
Partito democratico
Le promesse del Pd costano 38 miliardi euro, l’1,9% del Pil. Il programma prevede, tra le riforme principali, di introdurre un assegno mensile per i figli a carico, più sussidi per contrastare la povertà, investimenti in grandi opere e meno tasse per le imprese. Tuttavia, registra l’osservatorio di Cottarelli, “non sono previste coperture sufficientemente definite”.
Il partito di Renzi dichiara di voler ridurre di oltre 30 punti percentuali il rapporto tra debito pubblico e prodotto interno lordo in 10 anni.

Articoli correlati

  • Il grande inganno per il Paese realeJune 20, 2018 Il grande inganno per il Paese reale Negli ultimi anni tutti coloro che hanno perso le elezioni in Italia (o non le hanno vinte) sono stati accusati di essere distanti dal cosiddetto Paese reale. Questa espressione viene spesso usata per evidenziare la lontananza tra le élite (politica e media, soprattutto) e il resto della p...
  • Governo, cos’è la “fiducia tecnica” di cui si parla in queste oreMay 30, 2018 Governo, cos’è la “fiducia tecnica” di cui si parla in queste ore Gli scenari che si prospettano per formare il governo sono diversi, uno di questi è la cosiddetta “fiducia tecnica”, di cui i media stanno parlando con particolare enfasi in queste ultime ore. In sostanza è un accordo tra forze politiche che si uniscono per un periodo li...
  • Perché Di Maio ha perso il suo governo e Salvini farà vedere le stelle al MovimentoMay 29, 2018 Perché Di Maio ha perso il suo governo e Salvini farà vedere le stelle al Movimento Il sondaggio di Swg per il TgLa7 di ieri ha scoperto le carte delle ultime, complicate 48 ore. Ora è chiaro a tutti perché Matteo Salvini abbia fatto saltare il tavolo: ha spolpato Forza Italia e sta iniziando con l’antipasto del Movimento 5 Stelle. Le stime danno infatti...
  • Stupro, se la donna si è ubriacata da sola l’aggravante non c’èJuly 17, 2018 Stupro, se la donna si è ubriacata da sola l’aggravante non c’è La sentenza 32462 della terza sezione penale della Cassazione ricorda in parte altre decisioni della Corte Suprema rispetto a casi di stupro e violenza sessuale sulle donne. Stavolta gli ermellini hanno stabilito che l’aggravante di “aver commesso il fatto con l’uso di sost...
  • Lo strano caso di Blu, il nome che non va bene per una bambinaMay 23, 2018 Lo strano caso di Blu, il nome che non va bene per una bambina Il problema di Blu, la bimba di un anno e mezzo che la Procura di Milano vuole rinominare d’imperio, starebbe in un articolo, il numero 35, del Dpr 396/2000. Si tratta del “Regolamento per la revisione e la semplificazione dell’ordinamento dello stato civile”. Frutto, a su...
  • No alla vendita in Italia della cannabis lightJune 21, 2018 No alla vendita in Italia della cannabis light Non può essere esclusa la pericolosità, questa in sostanza la motivazione che ha spinto il Consiglio superiore di sanità (Css) ad esprimere, su richiesta del ministero della Salute, parere contrario alla vendita di cannabis light che è legale anche in Italia dal 2017. ...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *