Arriva Dos, il nuovo gioco di carte dai creatori di Uno

Chi non ha mai giocato a Uno? Il famoso gioco di carte, mescolate e poi riabbinate dai giocatori in base alla numerazione e ai colori, si concludeva dopo che uno dei partecipanti, rimasto con una sola carta in mano, aveva detto a gran voce “Uno!” e se n’era poi liberato. Creato nel 1971 da Mattel, la stessa azienda che commercializza le Barbie, il gioco ha subito negli anni diverse varianti (spesso abbinandosi a prodotti televisivi o cinematografici come Simpson o Harry Potter) e finendo anche in versione digitale. Ma ora dagli stessi creatori arriva un gioco sequel. Si chiamerà infatti Dos il nuovo gioco di carte messo a punto sulla falsa riga dell’originale
In questa nuova variante, come fa intendere il nome, i partecipanti dovranno pescare da due pile diverse di carte e dovranno pronunciare “Dos!” quando rimarranno con due carte in mano. In realtà, però, non vince chi si libera semplicemente di tutte le carte, perché la cosa si fa un po’ più lunga: infatti il primo giocatore a liberarsi di tutte le carte si aggiudica i punti equivalenti alla somma delle carte in mano agli altri giocatori; si continua con altre manche successive finché uno dei partecipanti non raggiunge 200 punti.
Essendoci due pile di carte da cui scegliere e anche due pile di carte scoperte su cui scartare le carte della propria mano, le regole si fanno un po’ più complesse del più tradizionale Uno. Rimangono però una certezza le carte speciali, come il 2 multicolore e il jolly a forma

Articoli correlati

  • La Barbie juventina e la bambolizzazione della donna a prescindereMarch 16, 2018 La Barbie juventina e la bambolizzazione della donna a prescindere In occasione della appena trascorsa Festa della Donna, Mattel ha fatto parlare di sé con il lancio sul mercato di Barbie More Role Models, diciassette nuovi modelli che si discostano dall’ideale di femminilità stereotipata di cui il giocattolo si è sempre fatto portator...
  • Perché consideriamo alcune parole tabù?April 28, 2018 Perché consideriamo alcune parole tabù? Ogni giorno sappiamo di pronunciare moltissime parole, ma forse non mettiamo a fuoco quante ne evitiamo sistematicamente. I termini che in qualche modo schiviamo diventano tabù, o meglio tabu, una parola indonesiana (senza accento) che significa sia proibito sia sacro. Un esempio? Il nome ...
  • Le critiche alla Barbie che rappresenta Frida KahloMarch 12, 2018 Le critiche alla Barbie che rappresenta Frida Kahlo Per la giornata internazionale della donna, lo scorso 8 marzo, Barbie ha lanciato una serie di 17 bambole dedicate a celebrare la forza e la passione di figure che nella storia così come oggigiorno hanno ridefinito il ruolo femminile nel mondo al di là dei pregiudizi. Oltre a icone ...
  • 45 anni di telefonia mobile, da status symbol a connessione per tuttiApril 3, 2018 45 anni di telefonia mobile, da status symbol a connessione per tutti Quarantacinque anni fa l’ingegnere americano Martin Cooper fece la prima chiamata con un telefono cellulare. Il modello usato era un Motorola DynaTac, pesava più di un chilo, non aveva il display, la batteria durava 35 minuti e dovevi tenerlo in carica 10 ore. Insomma, prestazioni in...
  • Sessismo e rifiuto dei cambiamenti, il lato oscuro dei nerdMarch 20, 2018 Sessismo e rifiuto dei cambiamenti, il lato oscuro dei nerd Dungeons & Dragons oltre ad essere tornato di moda negli ultimi anni è da sempre un prodotto in continuo mutamento. In una delle ultime espansioni, il Mordenkainen’s Tome of Foes, è stata introdotta la possibilità per gli elfi di cambiare sesso a piacimento una volt...
  • Valentino, Buffon e la voglia di continuare oltre i propri limitiMarch 29, 2018 Valentino, Buffon e la voglia di continuare oltre i propri limiti Ci si può sentire al top nello sport a 40 anni? A quanto pare sì. Si può aver paura di smettere, di cambiare vita? Anche. Molto legittimo per altro. Valentino Rossi, Gianluigi Buffon: due numeri uno, due che hanno vinto tanto, non tutto, non entrambi almeno. Due che all&rsquo...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *