Arriva Dos, il nuovo gioco di carte dai creatori di Uno

Chi non ha mai giocato a Uno? Il famoso gioco di carte, mescolate e poi riabbinate dai giocatori in base alla numerazione e ai colori, si concludeva dopo che uno dei partecipanti, rimasto con una sola carta in mano, aveva detto a gran voce “Uno!” e se n’era poi liberato. Creato nel 1971 da Mattel, la stessa azienda che commercializza le Barbie, il gioco ha subito negli anni diverse varianti (spesso abbinandosi a prodotti televisivi o cinematografici come Simpson o Harry Potter) e finendo anche in versione digitale. Ma ora dagli stessi creatori arriva un gioco sequel. Si chiamerà infatti Dos il nuovo gioco di carte messo a punto sulla falsa riga dell’originale
In questa nuova variante, come fa intendere il nome, i partecipanti dovranno pescare da due pile diverse di carte e dovranno pronunciare “Dos!” quando rimarranno con due carte in mano. In realtà, però, non vince chi si libera semplicemente di tutte le carte, perché la cosa si fa un po’ più lunga: infatti il primo giocatore a liberarsi di tutte le carte si aggiudica i punti equivalenti alla somma delle carte in mano agli altri giocatori; si continua con altre manche successive finché uno dei partecipanti non raggiunge 200 punti.
Essendoci due pile di carte da cui scegliere e anche due pile di carte scoperte su cui scartare le carte della propria mano, le regole si fanno un po’ più complesse del più tradizionale Uno. Rimangono però una certezza le carte speciali, come il 2 multicolore e il jolly a forma

Articoli correlati

  • Piccoli Brividi, 5 cose su libri e serie tv che hanno terrorizzato una generazioneJuly 13, 2018 Piccoli Brividi, 5 cose su libri e serie tv che hanno terrorizzato una generazione Ancora prima di Harry Potter, un’intera generazione di ragazzini ha iniziato a leggere provando dei brividi mai visti prima. Piccoli Brividi è il titolo di una collana di volumi pubblicati dal 1992 al 1997 e scritti da RL Stine, autore divenuto indimenticabile per molti cresciut...
  • Perché consideriamo alcune parole tabù?April 28, 2018 Perché consideriamo alcune parole tabù? Ogni giorno sappiamo di pronunciare moltissime parole, ma forse non mettiamo a fuoco quante ne evitiamo sistematicamente. I termini che in qualche modo schiviamo diventano tabù, o meglio tabu, una parola indonesiana (senza accento) che significa sia proibito sia sacro. Un esempio? Il nome ...
  • Un pomeriggio a Firenze, per i Mondiali di quidditchJune 29, 2018 Un pomeriggio a Firenze, per i Mondiali di quidditch Firenze – Mentre gli occhi del mondo sportivo sono concentrati sui Mondiali di calcio in Russia, altri appassionati guardando con altrettanto acceso interesse a ciò che accade questo weekend a Firenze. Dal 27 giugno al 2 luglio, infatti, la capitale toscana ospita la IQA Quidditch Wo...
  • Gran Sasso Videogame, il primo gioco che insegna la fisicaMay 30, 2018 Gran Sasso Videogame, il primo gioco che insegna la fisica Durante un tranquillo pomeriggio di pesca, per chissà quale magagna spazio-temporale il verdognolo alieno Zot viene catapultato sulla Terra. Solo solide competenze in fisica potrebbero aiutarlo a tornare nel suo universo. Fortuna sua, come gli ricorda il pesce parlante che ha portato con s...
  • La maggior parte degli atenei italiani si trova nel Nord. Ecco dove studiareJuly 13, 2018 La maggior parte degli atenei italiani si trova nel Nord. Ecco dove studiare Certo non è l’unico aspetto che conta, ma sarebbe strano far finta che la laurea non serva anche a renderci la vita più facile nella ricerca di un lavoro. Già di base averla aiuta molto, perché chi ha questo titolo lavora più spesso  e in generale con...
  • Cyclopica, un percorso immersivo nelle grandi opereApril 29, 2018 Cyclopica, un percorso immersivo nelle grandi opere Entrare in un cantiere e scoprire come nasce un’opera infrastrutturale: sarà possibile per i visitatori di Cyclopica – the Human Side of Infrastructure, la mostra multimediale che dal 1 maggio al 3 giugno 2018 va in scena alla Triennale di Milano. Attraverso immagini, video, pr...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *