Ecco il farmaco che stroncherebbe l’influenza in un solo giorno

Nel bel mezzo di una delle peggiori stagioni influenzali degli ultimi anni, arriva direttamente dal Giappone un rimedio (forse) definitivo per l’influenza. Si tratta di un farmaco, non ancora disponibile sul mercato, messo a punto dall’azienda farmaceutica giapponese Shionogi, che sarebbe in grado di uccidere il virus dell’influenza con una sola dose e in un solo giorno. Il farmaco sperimentale in questione, chiamato baloxavir marboxil, agirebbe più rapidamente di qualsiasi altro farmaco disponibile oggi: secondo i test, infatti, il tempo medio impiegato dal composto per eliminare il virus negli adulti è di poco più di 24 ore, rispetto alle 72 ore di tutti gli altri farmaci antinfluenzali in commercio, come per esempio oseltamivir (Tamiflu).
Il nuovo farmaco funziona attraverso un meccanismo biologico diverso rispetto a quello di oseltamivir, che è un inibitore delle neuraminidasi, enzimi che il virus utilizza per riprodursi nelle cellule infette. Al contrario, per sintetizzare baloxavir marboxil i ricercatori sono partiti da una farmaco contro l’Hiv: precisamente, è un inibitore dell’endonucleasi, impedendo così la replicazione del virus. Un’altra differenza è nella somministrazione: per il nuovo farmaco basterebbe una singola dose, rispetto alle 10 dosi di oseltamivir (due dosi giornaliere per cinque giorni). Un vantaggio che, secondo i ricercatori giapponesi, non è necessariamente solo di convenienza. “Il farmaco consiste in una sola pillola e quindi questo potrebbe essere un vantaggio, in particolare per evitare la pianificazione di una terapia”, ha spiegato a Bloomberg il co-sviluppatore, Daniel O’Day.
Secondo il quotidiano giapponese The Asahi Shimbun, il farmaco, che sarà in grado di combattere sia

Articoli correlati

  • Vaccini, un viaggio tra le innovazioni che salvano i bambini in AfricaJuly 21, 2018 Vaccini, un viaggio tra le innovazioni che salvano i bambini in Africa Nioro Jatoba, Gambia – Il bimbo appallottolato nella fascia sulla schiena, il libretto sanitario in mano. È così che Satunding, 30 anni, nove figli, contadina nelle terre della Lower River Division, si mette in fila all’ambulatorio temporaneo dove si vaccinano i bambini....
  • Rischiamo un futuro senza medici?July 23, 2018 Rischiamo un futuro senza medici? Un’autentica emorragia. E le vittime – ironia della sorte – sono gli ospedali italiani. Quelli pubblici, per precisione, perché l’esodo di medici e personale sanitario che rischia di travolgere il nostro sistema sanitario nei prossimi anni in molti casi avrà ...
  • Cosa seguire al Wired Next Fest se ti interessa la scienzaMay 18, 2018 Cosa seguire al Wired Next Fest se ti interessa la scienza Il Wired Next Fest 2018 è un luna park dell’innovazione aperto a tutti ma è anche l’evento che permette ai veri appassionati di tecnologia, internet e scienza di incontrare dal vivo i grandi protagonisti e capire in che direzione va il futuro. L’appuntamento per la...
  • Ricreati in laboratorio i prioni umani, proteine letali che causano rare malattie del cervelloJune 8, 2018 Ricreati in laboratorio i prioni umani, proteine letali che causano rare malattie del cervello Sono agenti infettivi, ma non sono né virus né batteri, bensì proteine. Stiamo parlando dei prioni, proteine responsabili di una serie di malattie neurodegenerative rare (come per esempio la ben nota Bse, malattia della mucca pazza), che sono oggi ancora inguaribili e letali....
  • Tutti i dati sull’aborto in ItaliaMay 4, 2018 Tutti i dati sull’aborto in Italia 22 maggio 1978. Una data storica, quella in cui entra in vigore la legge 194, che regola le Norme per la tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza, e che per la prima volta in Italia depenalizza e disciplina le modalità di accesso all&rsquo...
  • Hiv, risultati promettenti per il nuovo vaccino “mosaico”July 9, 2018 Hiv, risultati promettenti per il nuovo vaccino “mosaico” Un passo in avanti nella lotta all’Aids. In un nuovo studio pubblicato su Lancet, un team internazionale afferma di aver ottenuto risultati molto promettenti per un vaccino anti-hiv a mosaico che dovrebbe conferire protezione nei confronti di diversi ceppi virali. Dai test negli esseri...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *