Ecco il farmaco che stroncherebbe l’influenza in un solo giorno

Nel bel mezzo di una delle peggiori stagioni influenzali degli ultimi anni, arriva direttamente dal Giappone un rimedio (forse) definitivo per l’influenza. Si tratta di un farmaco, non ancora disponibile sul mercato, messo a punto dall’azienda farmaceutica giapponese Shionogi, che sarebbe in grado di uccidere il virus dell’influenza con una sola dose e in un solo giorno. Il farmaco sperimentale in questione, chiamato baloxavir marboxil, agirebbe più rapidamente di qualsiasi altro farmaco disponibile oggi: secondo i test, infatti, il tempo medio impiegato dal composto per eliminare il virus negli adulti è di poco più di 24 ore, rispetto alle 72 ore di tutti gli altri farmaci antinfluenzali in commercio, come per esempio oseltamivir (Tamiflu).
Il nuovo farmaco funziona attraverso un meccanismo biologico diverso rispetto a quello di oseltamivir, che è un inibitore delle neuraminidasi, enzimi che il virus utilizza per riprodursi nelle cellule infette. Al contrario, per sintetizzare baloxavir marboxil i ricercatori sono partiti da una farmaco contro l’Hiv: precisamente, è un inibitore dell’endonucleasi, impedendo così la replicazione del virus. Un’altra differenza è nella somministrazione: per il nuovo farmaco basterebbe una singola dose, rispetto alle 10 dosi di oseltamivir (due dosi giornaliere per cinque giorni). Un vantaggio che, secondo i ricercatori giapponesi, non è necessariamente solo di convenienza. “Il farmaco consiste in una sola pillola e quindi questo potrebbe essere un vantaggio, in particolare per evitare la pianificazione di una terapia”, ha spiegato a Bloomberg il co-sviluppatore, Daniel O’Day.
Secondo il quotidiano giapponese The Asahi Shimbun, il farmaco, che sarà in grado di combattere sia

Articoli correlati

  • Vaccini obbligatori, dopo il 10 marzo scattano i provvedimenti per gli studenti senza certificatoMarch 6, 2018 Vaccini obbligatori, dopo il 10 marzo scattano i provvedimenti per gli studenti senza certificato Niente più indugi. Il 10 marzo è davvero il termine ultimo per la presentazione agli istituti scolastici della documentazione che certifica lo stato vaccinale dei minori, dopodiché per gli inadempienti scatteranno i provvedimenti nei termini previsti dalla legge. In assenza d...
  • Trapianti, ora sarà possibile la donazione di organi tra pazienti con l’hivMarch 9, 2018 Trapianti, ora sarà possibile la donazione di organi tra pazienti con l’hiv La fine di una discriminazione. Così Alessandro Nanni Costa, direttore del Centro nazionale trapianti, definisce a margine degli Stati generali della Rete trapiantologica italiana la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del protocollo che consentirà i trapianti d’organo tr...
  • Combinare chemio e immunoterapia aumenta la sopravvivenza nel tumore al polmoneApril 17, 2018 Combinare chemio e immunoterapia aumenta la sopravvivenza nel tumore al polmone Non si parla di miracoli, ma sembra che siamo di fronte a uno dei maggiori successi in campo oncologico degli ultimi anni. Presentato in questi giorni al congresso annuale dell’American Association for Cancer Research a Chicago e pubblicato sul New England Journal of Medicine, lo studio Key...
  • Perché ci ammaliamo quando fa freddo?February 27, 2018 Perché ci ammaliamo quando fa freddo? È una di quelle questioni che, almeno nella cultura popolare, ha già trovato la sua risposta. Non prendere freddo che poi ti prendi un bel raffreddore, se non un’influenza vera e propria. Eppure la scienza ha risposte meno nette in materia, più sfumate, perché il...
  • Cosa seguire al Wired Next Fest se ti interessa la scienzaMay 18, 2018 Cosa seguire al Wired Next Fest se ti interessa la scienza Il Wired Next Fest 2018 è un luna park dell’innovazione aperto a tutti ma è anche l’evento che permette ai veri appassionati di tecnologia, internet e scienza di incontrare dal vivo i grandi protagonisti e capire in che direzione va il futuro. L’appuntamento per la...
  • Cos’è rimasto oggi del metodo Di Bella, a 20 anni dalla bocciaturaMarch 29, 2018 Cos’è rimasto oggi del metodo Di Bella, a 20 anni dalla bocciatura Luigi Di Bella (foto: Boris Spremo/Getty Images)Era il marzo del 1998, esattamente 20 anni fa, quando partì la discutibile sperimentazione, tutta italiana, della multiterapia Di Bella (Mdb) come potenziale rimedio contro il cancro. Furono 1.155 i pazienti coinvolti, 21 i centri di ric...

Continua a leggere

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *